*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 13 luglio 2012

58enne si sfoga contro equitalia su Facebook, denunciato, ora è sotto inchiesta

Incensurato spiega: "scosso per i suicidi"  E' accusato di avere pubblicato sul suo profilo Facebook un documento con minacce a Equitalia un operaio di un'azienda pubblica, di 58 anni, denunciato a piede libero dalla digos di Perugia. Agli investigatori ha riferito di averlo fatto perche' scosso dopo le notizie di suicidi di imprenditori che avevano ricevuto cartelle esattoriali. L'uomo, accusato di istigazione a delinquere e minacce, e' risultato incensurato e senza collegamenti con organizzazioni o gruppi politici. Condotto in commissariato per gli accertamenti, quando ha spiegato alla moglie che era con lui quanto successo la donna - secondo quanto si e' appreso -, prima indispettita con la polizia, si e' scagliata contro di lui, cercando di colpirlo. Nel corso dell'attivita' di controllo svolta su Internet, la digos perugina ha individuato un documento dal titolo ''Stato mafia uguale Equitalia'' e con all'interno la frase ''facciamo saltare in aria tutte le sedi di Equitalia''. Dagli accertamenti subito avviati e' emerso che il profilo Facebook era di un operaio risultato anche, regolarmente, in possesso di una carabina. La polizia e' quindi rapidamente risalita a lui e nel corso della perquisizione in casa sua la digos ha sequestrato oltre 200 cartucce calibro 22 risultate detenute irregolarmente. E' stato cosi' indagato anche per detenzione abusiva di armi. Nel corso dell'indagine e' stato accertato - sempre secondo quanto si e' appreso - che l'uomo era effettivamente l'autore dello scritto, come poi effettivamente ammesso con gli investigatori.



fonte: Ansa



Violetta Serreli ha detto...

Ma vi rendete conto di quante persone andrebbero arrestate per ciò che scrivono su facebook? Vi spaventa uno che, esasperato dalle condizioni in cui siamo ridotti, "minaccia" di voler far saltare le sedi di Equitalia... e subito risalite alla sua probabile appartenenza a un gruppo o quell'altro... Ma perché le migliaia di persone che al giorno augurano la morte alle persone, insultano, praticano attivamente del puro stalking, istigano alla violenza su persone e animali, minacciano di uccidere - uno fra tutti - Berlusconi... perché a questa gente qui non succede nulla? Se dovete fare controlli sull'utilizzo di fb fateli seriamente e cominciate a fare una vera polizia, non prendetevela con un povero cristo.

Nome

Email *

Messaggio *