Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta governo esteri economia editoriale scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi libertà forze dell'ordine scienza censura lavoro cultura berlusconi infanzia animali chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie europa carceri satira scuola immigrazione eurocrati facebook banche euro grillo renzi manipolazione mediatica pensione bilderberg mondo alimentari signoraggio razzismo manifestazione finanza sovranità monetaria massoneria debito pubblico guerra travaglio Russia disoccupazione tasse militari poteri forti UE ucraina trilaterale geoingegneria parentopoli Grecia germania siria banchieri inquinamento mario monti enrico letta marijuana big pharma napolitano nwo obama vaccini Traditori al governo? agricoltura ogm austerity sondaggio tecnologia Angela Merkel bambini canapa meritocrazia umberto veronesi vaticano armi cancro fini suicidi PD terrorismo BCE clinica degli orrori equitalia privacy video nucleare prodi boston israele ministero della salute sovranità nazionale bancarotta eurogendfor fondatori del sito globalizzazione iene monsanto staminali INPS Putin droga acqua bufala marra matrimoni gay nigel farage nikola tesla politica anatocismo evasione fisco magdi allam moneta pedofilia usura FBI elezioni francia fukushima informatitalia.blogspot.it ricchi società troika Aspen Institute Auriti CIA Giappone adam kadmon africa attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact fmi giuseppe uva golpe lega nord nsa petrolio sicilia stamina foundation terremoto Cina Onu assad controinformazione crimea frutta giovanardi goldman sachs imposimato mcdonald mes psichiatria rifiuti rockfeller rothschild sciopero servizi segreti slot machine spagna svendita terra torture turchia violenza Marco Della Luna aldo moro arsenico barnard bonino edward snowden famiglie fed forconi inciucio laura boldrini m5s magistratura nato no muos no tav palestina proteste storia suicidio università vegan virus 11 settembre 9 dicembre Fornero Ilva Muos NASA Svizzera aids alan friedman alimentazione antonio maria rinaldi borghezio carne chernobyl corruzione corte europea diritti uomo delocalizzazione diffamazione disabili ebola educazione elites esercito farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv illeciti bancari illuminati india influencer informazione iraq islam islanda latte legge elettorale marò microspia mmt paola musu precariato prelievi forzoso privilegi propaganda prostituzione radioattività salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati sovranità individuale spread stati uniti stefano cucchi taranto ungheria veleni verdura Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL Unione Europea aborto aborto forzato affidamento alluvione amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio brevetto btp by cambiamento camorra cannabis capitalismo carabinieri casaleggio cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani davide vannoni dell'utri denaro dentista dentisti denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dittatura dogana domenico scilipoti donne dossier duilio poggiolini ebook egitto elettrosmog eroina eurexit europarlamento fallimento false flag fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giustizia sociale gold hollande ignazio marino ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie maratona mariano ferro marine le pen mario draghi mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura nuovo ordine mondiale obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore riserva aurea risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione sert sfratto sisa snowden speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse telefono cellulare teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati vegetariani vessazioni vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 4 giugno 2012
…era uno studio commisionato dai petrolieri della Sclumberger ed eseguito da scienziati russi che affermavano che trivellare aveva portato a terremoti di grado anche 7 della scala Richter in zone desertiche dell’Uzbekistan…
Clicca sull’immagine per ingrandire
Vi sembran pochi 514 pozzi di cui una sessantina già dismessi in un’area così urbanizzata e fragile? Pensate che tutto questo furioso estrarre dal sottosuolo possa tradursi in stabilità geologica? Perchè fino a poco fa nessuno ne sapeva niente? Forse perchè il popolo non deve sapere quello che le entità straniere si prendono dal nostro sottosuolo? Chi le controlla? Ammesso che un qualche controllo ci sia, ci dicano se ci sono state pratiche di fratturazione e quanti fanghi venefici sono stati introdotti nel sottosuolo e a che pressione. Ci dicano quanto  e a che pressione viene iniettato il gas per lo stoccaggio. Ci dicano cosa succede quando lo prelevano troppo rapidamente. Ci dicano almeno che non lo faranno più ma parlino, rendano conto ai cittadini! ndr
venerdi 1 giugno 2012

Il Terremoto in Emilia

di Maria Rita d’Orsogna

http://dorsogna.blogspot.it/
** E’ un post lungo, e chiedo scusa a tutti quelli che mi hanno scritto e a cui non ho potuto rispondere ancora. Per quello che possa contare, un abbraccio all’ Emilia **
La premessa di tutto e’ che io non sono un geologo o un sismologo, ma un fisico, per cui non so e non posso io determinare la causa del terremoto in Emilia, ammesso che sia possibile farlo.
La sotto-premessa e’ che sono anni che continuo a leggere la letteratura sul petrolio, gas, fracking, e che in questi anni ho visto diverse comunita’ trivellate, parlato con persone, incontrato registi, attivisti, scienziati, in America, in Francia, in Nigeria e credo di avere una buona cultura, di persona di scienza, su tutte le tematiche collegate al tema.
Posso allora porre una serie di osservazioni, in relazione a cio’ che ho visto e letto, che poi si traducono in domande e che poi alla fine riconducono ad un unica conclusione:
L’Italia e’ fragile – tutta – da nord a sud, e faremmo molto meglio a proteggere questo paese evitando di trivellare alla cieca, fracking o non fracking, o di fare stoccaggi sotterranei per il beneficio di Aleanna, Padania Energia, ENI, Northern Petroleum, Petroceltic, Po Valley, Shell, Rivara Erg Storage, o chi per loro, in cambio di dubbi vantaggi alla collettivita’ e molti rischi.
Proteggere il territorio vale non solo per il petrolio, ma per la cementificazione selvaggia, i capannoni di Modena e le universita’ dell’Aquila crollate perche’ costruite alla leggera, evitare di trasfomare i letti di fiumi e le coste marine in colate di cemento e cosi via.
Quando si prendono le scorciatorie, prima o poi se ne pagano le conseguenze, perche’ chi comanda non e’ lo speculatore di turno, ma la natura, con i suoi ritmi e le sue logiche. E anche se oggi ti pare di averla fatta franca, di avere risparmiato o speculato, alla fine lei ti presenta il conto senza guardare in faccia a nessuno.
—-
Veniamo alle osservazioni che io posso fare sul tema terremoto in Emilia.
1. Ho cercato in tutti i modi di capire se ci fosse fracking in Italia. I termini in inglese da cercare sono “hydraulic fracturing”, “stimulated fracture”, “shale gas”. Non ho trovato molto da parte delle ditte petrolifere, in inglese o in italiano, ne da parte del governo Italiano sull’ultilizzo di questa tecnica, in Italia *in questo momento*.
Nulla esclude che si voglia o possa fare fracking in futuro. So per esempio che Stefano Saglia, sottosegretario alle attivita’ produttive nel governo Berlusconi ne e’ stato un forte proponitore, so che si parla di possibili riserve di shale gas nella Pianura Padana, ma non credo che il fracking vero proprio sia gia’ in atto in Italia.
Se e’ in atto, e’ sicuramente qualcosa di ben ben nascosto da tutti i siti internet che io abbia potuto indagare.
Questo porta alla domanda: il governo Italiano vuole dirci qualcosa su questo tema? La Francia ha un divieto integrale sul fracking, cosi pure la Bulgaria. La Germania ne sta discutendo. Anche in Inghliterra dove la pratica e’ stata inizialmente applaudita come rivoluzionaria, ci stanno ripensando. Negli USA lo stato del Vermont e di New York hanno moratorie piu’ o meno lunghe. E noi?
Stefano Saglia come puo’ essere cosi sicuro che questa tecnica sia una cosa buona per l’Italia? Con quale esperto parla lui?  Ecco cosa disse l’anno scorso:
Lo shale gas potrebbe aprire nuove strade per l’approvvigionamento energetico in un momento particolarmente delicato a livello globale. L’Italia accoglie con favore l’avvio di approfondimenti a riguardo.
A che conclusione e’ giunto? Che approfondimenti ha fatto? Ci scommetto nemmeno uno.
Ora, anche se il fracking per ora non e’ una tecnica usata in Italia, visto che ne parla tutto il mondo, e visto che la gente vuole risposte, i nostri governanti attuali, Clini, Passera, Monti vogliono dire qualcosa su come l’Italia si pone di fronte alla possibilita’ di fare fracking sul nostro territorio?
Perche’ non c’e’ informazione su questo tema? Perche’ dobbiamo sempre arrivare per ultimi, in maniera disorganizzata, per sentito dire e con l’acqua alla gola? Tutto il web parla di questo fracking,
in maniera piu’ o meno scorretta. Com’e’ che neanche si accenna minimamente a spiegare, regolamentare, discurtere in modo ufficiale, questa pratica che prima o poi potrebbe arrivare anche in Italia?
2. Ma poi, cos’e’ questo fracking? In termini molto semplici, e’ una tecnica relativamente nuova
con la quale si manda giu’ nel terreno un cocktail di roba chimica ad alta pressione, si causano microterremoti con i quali la roccia porosa viene fratturata (e di qui il nome hydraulic fracturing), il gas contenuto nei pori della roccia viene sprigionato e poi catturato per essere commercializzato.
Ecco allora il concetto dei (micro)-terremoti collegati al fracking: il fracking di per se causa delle microscosse. Ma queste microscosse, in generale, sono di intensita’ bassa, o almeno questo secondo le intenzioni di chi fa il fracking.  A volte restano gli interrogativi se sia proprio la pratica del fracking in se a scatenare terremoti di intensita’ media – attorno al grado 2,3 o eccezionalmente anche 4 della scala Richter, ma in genere i terremoti sono di intensita’ bassa.
Quello che invece e’ piu’ pericoloso, in relazione al fracking, e’ l’utilizzo di una miriade di pozzi cosiddetti di re-iniezione, pozzi dismessi in cui si iniettano i fluidi di scarto – la monnezza del fracking.
Per ogni pozzo attivo, infatti vengono prodotti enormi quantita’ di  monnezza fluida – tossica e radioattiva -  e non si sa che farne. A volte i petrolieri costruiscono delle vasche a cielo aperto per metterci questa monnezza, i cosiddetti waste pits, altre volte invece usano pozzi sotterranei dismessi per il contenimento.
Qui un waste pit a cielo aperto e non nel Burundi, ma negli USA:
Ora, quando si usano pozzi dismessi di re-iniezione, il fluido di scarto viene tenuto ad*alta pressione* ed e’ questo il vero problema: l’alta pressione dei pozzi, che spingono sulla roccia circostante, potenzialmente lubrificando e cambiando gli equilibri fra le faglie sismiche.
Negli USA ci sono state diverse regioni colpite da sciami sismici in zone in cui si fa fracking – inArkansas, in Ohio, inOklahoma, in Texas, e cosi pure in Inghilterra, a Blackpool, dove proprio a causa della sismicita’ indotta dal fracking c’e’ un ripensamento in generale di questa tecnica.
Si e’ trattato di terremoti in zone in cui prima non ce ne erano, e si e’ arrivati anche al grado 4.7 della scala Richter.
Non e’ stato semplicissimo capire se ci fossero collegamenti fra fracking, pozzi di re-iniezione e sismi, ma lentamente si e’ arrivati alla conclusione che molto probabilmente la “colpa” e’ non del fracking in sé, quanto di questi pozzi di reiniezione.
a possible explanation is the increase in the number of wells drilled over the past decade and the increase in fluid used in the hydraulic fracturing of each well. The combination of factors is likely creating far larger amounts of wastewater that companies often inject into underground disposal wells. Scientists have linked these disposal wells to earthquakes since as early as the 1960s. The injections can induce seismicity by changing pressure and adding lubrication along faults.
Infine, come gia’ discusso varie volte su questo blog,  a parte i terremoti in modo piu’ o meno diretto, questo fracking porta a innumerevoli problemi – l’inquinamento delle falde idriche in primis, l’uso di enormi quantita’ di acqua, e l’emissione di gas nocivi.
E’ per tutti questi motivi che non e’ proprio una cosa saggia e che secondo me l’Italia dovrebbe bannarlo, in maniera preventiva, cosicche’ nessuno neanche ci pensi a farlo nel nostro paese.
3. Ma allora sorge la domanda, in Emilia, ammesso che il fracking non si faccia in questo momento in Italia, ci sono pozzi di reiniezione di rifiuti liquidi provenienti dalle estrazioni di gas e di petrolio “normale”?  Qualcuno li ha studiati? Ecco cosa dice il nostro Ministero delle Attivita’ produttive.
In Emilia Romagna ci sono 514 pozzi perforati, di cui 69 non produttivi e destinati ad “altro uso“.
Fra questi, che ho potuto indentificare io, ce ne sono almeno 7 di reiniezione:
Ecco le schede:
Di questi tre sono molto vicini all’area dei terremoti – Mirandola, Spilamberto, Minerbio.
Il nostro governo ha qualcosa da dire su questi siti di reiniezione, sulle pressioni che possono essere esercitate su eventuali faglie circostanti, specie visto che alcuni di questi siti sono vicini all’epicentro del terremoto e visto che negli USA almeno i siti di reiniezione ad alta pressione hanno “quasi sicuramente” scatenato i terrremoti come dice l’USGS?
E anche se non sono i siti di reiniezione la causa scatenante di questi terremoti, e’ possibile che abbiano in qualche modo acuito o partecipato ai terremoti o invece sono stati assolutamente innocui?
4. In Emilia ci sono, come detto, piu’ di 500 pozzi scavati di petrolio e di gas “normali”, senza fracking, di cui varie centinaia attivi, alcuni di questi vicinissimi al punto d’impatto. Io non so se questi pozzi in cui non si pratica il fracking possano essere relazionati ai terremoti, ma so che vi sono casi registrati in altre parti del mondo in cui le trivelle hanno portato a terremoti. Casi eccezionali certo, ma pur sempre accaduti.
Qui quello che avevo scritto a suo tempo sul terremoto dell’Aquila – era uno studio commisionato dai petrolieri della Sclumberger ed eseguito da scienziati russi che affermavano che trivellare aveva portato a terremoti di grado anche 7 della scala Richter in zone desertiche dell’Uzbekistan.
Si riportano casi di sismicita’ indotta in Oman, in Francia, in Texas, anche senza fracking, ma, come detto, io non so, e non posso dire se questo sia il caso in Emilia Romagna, data la forte magnitudine del sisma.
Anche qui, quello che posso sottoscrivere e’ quanto scritto da Vitaly Adushkin, Vladimir Rodionov, Sergei Turuntaev, scienziati russi dell’Istituto della Dinamica della Geosfera, dell’Accademia Russa di Scienza, assieme alla Schlumberger:
Few will deny that there is a relationship between hydrocarbon recovery and seismic activity, but exactly how strong a relationship exists has yet to be determined.” They caution that in regions where tectonic activity is already high, extracting oil and natural gas could trigger strong quakes.
Poche persone possono negare l’esistenza di correlazioni fra estrazioni di idrocarburi e attivita’ sismica, ma esattamente quanto forte sia la relazione fra i due eventi deve essere ancora determinato. Occorre dunque essere prudenti, perche’ in zone dove l’attivita’ sismica e’ gia’ molto elevate, l’estrazione di petrolio e di gas potrebbe scatenare forti terremoti.
Infine, un caso simile di sismicita’ indotta si e’ verificato qualche anno fa a Basilea, Svizzera, dove nel 2006 Markus Haring stava trivellando un pozzo per geotermia che scateno’ uno sciame sismico di 30 terremoti con grado massimo 3.4. Fu anche messo sotto processo per avere causato instabilita’ al territorio, rischiava il carcere, ma se l’e’ cavata con una multa se non mi sbaglio.
5. Infine, si parla di creare un mega campo di stoccaggio di gas nell’area del terremoto detto Rivara. 
Si parla di “importanza strategica nazionale”. Ma come abbiamo fatto finora senza? E’ davvero cosi importante o si tratta dei giochini soliti per farci soldi?
Di questi campi di stoccaggio ne sono previsti 14 in tutta Italia, fra cui a San Benedetto del Tronto, a San Martino sulla Marrucina, zone sismiche, delicate.
Cui prodest?
Qui un articolo su simili progetti in Olanda, dove si vogliono stoccare 4 miliardi di metri cubi di gas ad alta pressione, da parte della Gazprom e della Taqa, che e’ una sussidiaria della ditta nazionale di gas di Abu Dhabi. Si afferma che per il progetto nella zona di Bergermeer
Si dice che:
A number of scientific reports however show that gas storage might bring about serious seismic hazard to the surrounding municipalities of BergenHeiloo and Schermer and the town of Alkmaar. The area has known a number of (man) induced earthquakes during the depletion of the field between 1994 and 2008, with subsequent higher magnitudes on the Richter scale. Scientists from a number of renowned scientific institutes such as KNMI, MITand TNO are comfortable with an estimated maximum magnitude of 3,9 on the Richter scale, with a chance of occurrence of 2% over the concession period. Earthquakes with lower magnitude but still quite damaging are of a much higher likelihood.
Un numero di rapporti scientifici mostrano che lo stoccaggio di gas possa portare seri rischi alle citta’ vicine di Bergen, Heiloo e Schermer e la vitta’ di Alkmaar. L’area ha gia’ vissuto un certo numero di terremoti indotti dall’uomo durante lo svuotamento del campo fra 1l 1994 ed il 2008, con scosse sempre piu’ alte sulla scala Richter. Gli scienziati da un gran numero di noti istituti di ricerca come il KNMI, MIT e TNO sono soddisfatti nell’estimare una magnitudine massima di 3.9 sulla scala Richter, con la possibilita’ di occorrenza del 2% sul periodo della concessione. Terremoti di grado minore ma allo stesso modo con danni notevoli sono di una probabilita’ molto maggiore.   
Per l’Olanda allora i sismologi dell’MIT hanno stimato che questo impianto di stoccaggio del gas puo’ arrivare fino a terremoti del grado 3.9 con un tasso di occorrenza del 2%.
Per la cronaca. l’MIT e’ il Massachusetts Institute of Tecnology, Boston, uno degli istituti di ricerca piu’ noti del mondo, il KNMI e’il Koninklijk Nederlands Meteorologisch Instituut, l’Istituto Olandese di Meterologia, e il TNO e’ il Nederlandse Organisatie voor Toegepast Natuurwetenschappelijk Onderzoek, Netherlands Organisation for Applied Scientific Research.
Qualcuno *che non sia la ditta proponente* ha fatto gli stessi studi per Rivara? Se uno infatti va a leggere quello che dice la Rivara Erg Storage, ti dicono che e’ tutto perfetto e tuttapposto, ma loro cosa possono dire?
Qualcuno ha parlato alle persone del fatto che terremoti piu’ lievi sono di probabilita’ maggiore?
Qualcuno ha interpellato l’MIT per Rivara, San Benedetto del Tronto, o per San Martino sulla Marrucina?
—–
Di tutte queste cose riparleremo.
Alla fine resta la sola domanda: chi ci guadagna in tutto questo trivellare, stoccare, petrolizzare?
Nessuno di noi esseri normali.
In Emilia, ci sono stati morti, perdite ingenti, angoscia, paura, domande senza risposte in cambio di niente.
Magari il petrolio, i pozzi di reiniezione, lo stoccaggio del gas non c’entrano niente, ma e’ evidente che non puoi continuare a insultare madre natura e ad aspettarti che non ci siano mai conseguenze di nessun genere.
Con le trivelle ci guadagnano le ditte petrolifere, l’ENI, la Erg Rivara Storage, gli speculatori. Per cui anche se non si sa, le leggi della fisica, della probabilita’, e soprattutto il semplice buon senso dicono che il gioco per noi cittadini davvero non ne vale la candela.



tratto da stampalibera.com



7 commenti:

heriold ha detto...

Gent.ma Maria Rita, temo che lei abbia preso un vero abbaglio. La presenza di trivellazioni è grossolanamente ininfluente rispetto alla scala di energie / resistenze meccaniche coinvolte nei sismi, specialmente quelli di una certa magnitudo. Per di più le trivellazioni normalmente non raggiungono la profondità ipocentrale (quella a partire dalla quale si irradia la rottura di faglia).
Oltre ciò occorre ricordare che gli ipocentri interessati in questi casi non sono stati toccati da alcuna trivellazione.
Infine, ma si tratta della considerazione più importante, se mai una trivellazione potesse avere un effetto non irrisorio sullo scatenarsi di un sisma esso sarebbe un effetto POSITIVO. Intendo dire che la presenza di qualsiasi discontinuità negli strati rocciosi costituisce un punto di debolezza che FACILITA la rottura. Il fatto di facilitare (sia pure di pochissimo) la rottura significa che il sisma si verificherà qualche minuto o qualche giorno prima del dovuto e, verificandosi prima, ci sarà stato meno tempo per accumulare energia. In altri termini la rottura avverrà in conseguenza di un carico minore che comporterà deformazioni minori degli strati rocciosi e quindi anche un minore rilascio di energia. Ossia il terremoto sarà più DEBOLE.
Portando il discorso all'estremo, se il territorio fosse tutto così bucherellato da non poter resistere alle deformazioni tettoniche, si verificherebbero incessanti microterremoti non avvertibili, ma nessuna scossa seria.
Cordialmente.
Giorgio Penco.

Anonimo ha detto...

Tanto nessuno indagherà, la concessionaria petrolifera non verrà indagata o tantomeno condannata per disastro colposo e nessun emiliano riceverà un euro di risarcimento.
Si accettano scommesse.

Anonimo ha detto...

se si tratta di questo fate qualcosa prima che va sempre peggio tanta povera gente sta soffrendo specialmente bambini aiutateli unitevi e vedete se si può trovare una soluzione per favore l'uomo costruisce ma anche distrugge non e la natura siamo noi in questo caso..il pericolo fate qualcosa subito ce bi bisogno di tanta gente x capire cosa si può fare

mauro ha detto...

Per 30 anni ho perforato pozzi alla ricerca di idrocarburi in tutto il mondo.Per la perforazione si usano fanghi costituiti da soda caustica,barrite,gasolio,acqua,additivi chimici e fluidificanti.Servono a lubrificare la sonda nel suo avanzamento nel terreno e a portare via i detriti che si formano durante l'attività di perforazione.I fanghi di risulta vengono poi trattati in impianti di recupero.I pozzi arrivano ad un max di 7000/8000 metri-(A Trecate si arriva a 7600 mt,in medio Oriente si arriva a 10/12000 piedi)).Gli impianti di reiniezione,non usano mai fanghi o acque di riciclo.Talvolta puo trattarsi di acque trattate e filtrate,talvolta puo essere gas pompato a 500 Bar-per incrementare la pressione del giacimento,o per lo stesso motivo acqua,ma mai ho visto reiniettare fango o qualcosa di simile.Il sistema Fraking di derivazione americana,si utilizza all'avviamento del campo petrolifero e solo in quel caso,per fratturare la roccia e creare un punto di captazione del gas o petrolio che sia.In passato ho anche usato esplosivo.La tecnica si chiamava "Sparo".Per farla si doveva osservare il silenzio radio di piattaforma/navale/aereo.Come veniva effetuata?Si introduceva un tubo con candelotti di dinamite e delle sfere metalliche incastrate nel tubo stesso.Esplodendo nelle rispettive sezioni e retrocedendo con la sonda,si fratturava la roccia creando un punto di captazione idrocarburi.Talvolta invece esplodeva all'atto dell'immissione nel tubo...E in questo caso ci scappavano i morti.Mi sembra strano che queste operazioni inneschino dei terremoti a bassa/alta profondità.La reiniezione ha solo lo scopo di incrementare la pressione del giacimento quando è in via di esaurimento o quando la pressione alle teste pozzo,o comunque durante i test di produzione pozzo dia segni di cedimento.E si fa sfruttando il condotto di un pozzo già esistente adibito all'uso.Perforare costa Milioni di dollari.Serve solo ed unicamente a bilanciare il rapporto tra il materiale estratto e quello immesso in giacimento,onde evitare il fenomeno del bradisismo,sia come detto sopra ad incrementare la pressione dell'intero giacimento.

Rom@no ha detto...

Più si tocca il sottosuolo, più si smuovono ed alterano equilibri fra masse di roccia e di terre, raggiunti lentamente nei secoli, e si provocano squilibri imprevedibili, con le conseguenze inimmaginabili, in quanto nessuno può prevedere il futuro comportamento di masse, che non si conoscono. Dico questo da ingegnere meccanico calcolatore di acciaio e cemento armato, da sempre. Vergogna a chi si permette di affermare il contrario ! Dr. Ing. Romano De Simone - Viale Kennedy 127 - 00043 CIAMPINO cell. 339.6109258

digitalcode ha detto...

direi che a fronte delle considerazioni e ipotesi del Blog il medio oriente, il Nord Africa, il golfo del messico e tutto il mare del nord con paesi annessi dovrebbero essere già ridotti a "tabula rasa". Hanno altri problemi di sicuro... Il giappone non ha pozzi in questa quantità e vive tragedie identiche. Una alluvione, un terremoto, un maremoto sono fenomeni terribili della natura e le popolazioni colpite si possono solo soccorrere e aiutare, non hanno bisogno di un capro espiatorio.

Anonimo ha detto...

Fracking e ' vietato ma chi e ' questa gente che non conosce gli accordi internazionali e si mette a fare fracking a danni della popolazione e di questa terra antichissima ???

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi