Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

sabato 23 giugno 2012
Grigorij Perelman
"Non voglio essere uno scienziato da vetrina e troppi soldi in Russia generano solo violenza". Questa la motivazione con cui Grigorij Perelman , un matematico russo che vive con la madre alla periferia di San Pietroburgo ha rifiutato un premio di un milione di dollari.
Il premio glielo aveva attribuito il Clay Mathematics Institute perché era riuscito un’impresa quasi impossibile, ossia la dimostrazione della Congettura di Poincaré, uno dei 7 Problemi del Millennio.
Grigorij Perelman ha 45 anni  ( e' nato a San Pietroburgo il 13 giugno 1966 )  e fin da bambino è stato un genio della matematica. Aveva rifiutato una borsa di studio negli Stati Uniti, si era laureato a Leningrado (ora San Pietroburgo) ed era poi stato chiamato in diverse università americane.
 Era tornato in Russia negli anni ‘90 per lavorare al prestigioso Istituto Steklov di Matematica di San Pietroburgo.
Nel 2000 a Parigi l’Istituto matematico Clay aveva proclamato i 7 Problemi del Millennio: in palio un milione di dollari per ogni soluzione, Fra questi vi era anche la Congettura di Poincaré, dal nome del matematico francese che l’aveva proposta nel 1904.
Una rara foto di Grigorij Perelman ripreso in metropolitana

Nel 2002 il matematico russo aveva scritto un articolo che si era dimostrato risolutivo nella dimostrazione della Congettura ed era definitivamente diventato una celebrità fra i matematici in tutto il mondo.

Dal 2006, Perelman – che oggi non ha più un lavoro, non ha amici, evita giornalisti e fotografi e se ne va in giro come un barbone – aveva rifiutato la Medaglia Fields, il premio Nobel dei matematici, dicendo che “ la questione di un premio è senza importanza. Se la soluzione è quella giusta, non c’è bisogno di un altro riconoscimento.”
I comunisti russi gli hanno chiesto ufficialmente in quanto «uomo sovietico, successore di Landau e Joffe» di accettare il milione di dollari di premio

La portavoce del Kprf, Veronica Klinovitskaya, ha spiegato testualmente: «Non possiamo lasciare un milione di dollari in Occidente, dove il denaro potrebbe andare alla ricerca militare, per creare bombe». Piuttosto bisogna reinvestirlo in Russia: 50 mila dollari per restaurare il Mausoleo di Lenin a Mosca. E il resto per «cominciare a costruire una cittadella della scienza a Petrodvorets», fuori Pietroburgo.





fonte: quaeram.blogspot.it



0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi