Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

domenica 10 giugno 2012
Luca Telese, il futuro MaurizioCostanzoShow della televisione italiana, sembrava un tipo sveglio. Uno di quelli preparati, certo, sicuramente intelligente, dotato, un po’ paraculo, ma comunque bravo. Ha iniziato a scrivere per il Giornale, poi è diventato conduttore tv ed è passato al Fatto (che ha contribuito a fondare nel settembre del 2009), e ora lascia il giornale delle Procure e delle Manette. Se ne va, e fonda un nuovo quotidiano (si chiamerà Pubblico e sarà in edicola dal 18 settembre, costo 1,50 euro).
Nel giorno dell’addio a Travaglio e Padellaro, Telese ha rilasciato un’intervista al Corriere. Ecco qualche passaggio:
«La mission di quel giornale si è esaurita. Non è passato dalla protesta alla proposta. Quando il governo Berlusconi è caduto, ci siamo chiesti: ora cosa dobbiamo cambiare? Travaglio ha detto: nulla. Io ho risposto: tutto. Ecco perché vado via. Perché non puoi continuare, a guerra finita, a mozzare le teste di cadaveri sul campo. Non puoi solo demolire. È il momento di costruire».
E il rapporto con Travaglio? Qui Telese si lascia andare. Sentite un po’:
“con Marco non si parla. In una discussione ha due reazioni: se è arrabbiato gira il collo a 37 gradi da un lato, tace e gli si gonfia una vena. Se non è d’accordo sorride. Non è interessato al dibattito democratico».
Con il nuovo giornale finalmente non sarò più vittima dell’ossessione di Travaglio, e di tutti i mafiologi, del “papello” di Spatuzza. D’altronde Marco ammetteva: il 75% di quello che scrivete non mi interessa. Per dire, la frase di Stracquadanio sul “metodo Boffo” nasce da un’intervista al nemico che piace a Padellaro ma al quale Travaglio era contrario perché “a quelli non bisogna dare manco una riga”. Ecco, nel nostro nuovo giornale si farà il contrario.
Mica male. Dicevamo: sembrava sveglio questo Telese. E invece ci ha messo ben tre anni per capire di che pasta è fatto Travaglio..



fonte: daw-blog.com



2 commenti:

Anonimo ha detto...

è da molto tempo che avevo capito di che pasta era fatto travaglio...ma nn l'ho mai affermato per paura di sbagliare..a quanto pare è proprio come avevo immaginato

Anonimo ha detto...

Perchè non chiedete cosa ne pensa Travaglio o i lettori del fatto? Per la maggior parte dei lettori del fatto Telese non aveva la statura per quel giornale, Travaglio aveva detto che non poteva boicottarlo e che i lettori avrebbero deciso da soli. Basta guardare i commenti agli articoli di telese per capire. Giusto per diritto di cronaca. Comunque continuate cosi, siete tra i blog che leggo con più interesse.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi