Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 26 giugno 2012
La Legge Pinto nasce come ricorso straordinario in appello qualora un procedimento giudiziario ecceda i termine di durata ragionevole di un processo secondo la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU).
L'articolo 6, paragrafo 1, della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, riconosce ad ogni persona il diritto a vedere la sua causa esaminata e decisa entro un lasso di tempo ragionevole, come componente del diritto ad un equo processo

La CEDU ha stabilito che il procedimento si considera di durata irragionevole in ogni caso quando si superano i tre anni per grado di giudizio(da Wikipedia)

Come è facile intuire sono molti in Italia i processi che superano tale termine. La lungaggine dei processi in Italia più che un "inconveniente" da rimediare appare come una precisa SCELTA POLITICA, per garantire impunità, grazie alla "prescrizione". Negli ultimi dieci anni sono stati cancellati per questo motivo due milioni di procedimenti penali: solo nel 2009 sono stati quasi 150 mila, mentre nel 2010 la stima è di 170 mila. La casta vuole che la macchina della giustizia sia lenta. Un po' di numeri sulla prescrizione li trovate in questo articolo.

Tra l'altro più volte abbiamo assistito a leggi insulse, create ad hoc per paralizzare la giustizia: un esempio su tutti, quello dei clandestini che sbarcano sul suolo italiano: per ognuno di loro è stato aperto un fascicolo per indagare per "immigrazione clandestina", nei periodi di maggiore afflusso, come l'ondata di migranti provenienti dalla Libia l'anno scorso, la procura è costretta ad aprire decine di migliaia di fascicoli senza alcuna utilità e/o risultato se non quella di far lavorare inutilmente e intasare la giustizia.

ORA LA CASTA VUOLE ABROGARE LA LEGGE PINTO, convertendo in legge gli articoli 53 e 54 del "decreto sviluppo" mediante l'uso della "fiducia". Anziché intervenire per snellire la macchina della giustizia e rendere più veloci i processi, vogliono negare per legge ai cittadini il DIRITTO di un processo di durata ragionevole.


Per approfondire la questione leggi il documento redatto dall'Avv. Alfonso Luigi Marra sulla "Legge Pinto" http://marra.it/contenuti/pdf/2525.pdf


Staff nocensura.com


0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi