Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 5 giugno 2012
Messaggio al grafico che ha inventato il simbolo: Simpatico... ma inappropriato! ;-) Paragonare i leghisti a Diabolik? E' un' offesa al "Re del crimine", capace di disinnescare impianti di allarme di ogni tipo, inventare maschere, congegni di ogni tipo, rifugi sotterranei... farla sempre franca! Questi padani, al massimo, possono esser paragonati alla "Banda Bossotti" ops, Bassotti... con i quali Belsito ha una certa somiglianza...


Passando all'articolo, simpatico apprendere che la Lega Nord abbia regalato ai senatori 4.200€ ... evidentemente il lauto stipendio e la interminabile lista di privilegi di cui godono non sono sufficienti... e pensare che l'affitto di molte sedi del partito viene pagato con le donazioni dei tesserati, come ha dichiarato Matteo Salvini...


Staff nocensura.com
- - - - -
Di seguito l'articolo di isegretidellacasta:


Una Pasqua nera per la Lega, travolta dallo scandalo dei soldi, ma una Pasqua serena almeno per i conti correnti dei senatori leghisti. I quali, pochi giorni prima che via Bellerio fosse perquisita dai carabinieri e Bossi si dimettesse da segretario, sotto il fuoco del dossier sui presunti (l’inchiesta è in corso)denari presi dal partito per«The Family»,si sono visti bonificare dal partito(precisamente, dalconto del gruppo Lega al Senato) la bellezza di 100mila e 800 euro, come cadeau di Pasqua.
Vale a dire 4.200 euro a testa, una gradita sorpresa nell’ovetto pasquale, disposta ovviamente dal capogruppo Bricolo. Ventisette bonifici a fronte di nessuna spesa, senza giustificativo, al di là di una orale e generica destinazione per «attività politiche». Di fatto uno stipendio extra per il mese di marzo, nel pieno dell’inchiesta sull’uso disinvolto dei fondi pubblici da parte della Lega.


È avvenuto lo stesso anche per i 60 deputati della Lega? O i senatori leghisti godono di un trattamento economico privilegiato? Misteri che si scioglieranno quando saranno i magistrati a indagare sulle carte raccolte dall’ex tesoriere Stiffoni, buttato fuori dalla Lega e ora senatore del gruppo Misto. Comunque, il regalo di Pasqua è non èunanovitàperiparlamentari della Lega. Nel 2011 i senatori di Bossi avevano ricevuto 3mila euro a testa, sempre con bonifico. Ma ci sarebbe anche un regalo natalizio, raccontato stavolta dallo stesso Stiffoni al Gazzettino . Cioè 2mila euro ai senatori, sempre extra stipendio, girati ai senatori sotto forma di otto buoni «Mediaworld»da 250 euro (50mila euro in tutto). Ma l’avvocato Mazzatorta, senatore succeduto a Stiffoni nell’incarico di tesoriere, smentisce tutto, indignato. «Cercare di far passare come regalia l’acquisto di materiale informatico, che invece è e resterà di proprietà del gruppo, è l’ulteriore maldestro tentativo di coprire le proprie gravi responsabilità alzando polveroni e gettando fango su altri. Stiffoni è stato espulso per le gravi irregolarità da lui compiute.

E l’indagine interna sta facendo emergere che le irregolarità vanno ben oltre quelle confessate». Per i 100mila e 800 euro pasquali, però, si pone un problema: i fondi dei gruppi parlamentari, diversamente dai rimborsi elettorali, hanno un vincolo d’uso, nel senso che sonoerogatipercoprirel’attivitàparlamentaredeisenatori, e dovrebbero essere spesi solo in quel senso. Ecco perché l’ex tesoriere lancia l’accusa pesantissima: «Se devo essere condannato per peculato, stessa sorte dovrebbe toccare a tutti i senatori della Lega». A Palazzo Madama la crisi non si sente. Perché i soldi extra dei senatori leghisti si aggiungonoadaltri benefit giàprevisti. Nellabusta paga dei senatori c’è infatti già la diaria come «rimborso spese di soggiorno» (3.500 euro mese), poi un «rimborso delle spese per l’esercizio del mandato» (2.090 euro mensili), e infine un «rimborso forfettario delle spese generali » (altri 1.650 euro mensili). Serviva anche il regalo di 4.200 euro a Pasqua? Contando poi che il resto delle spese ( cene, viaggi, hotel) le sostiene il tesoriere del gruppo. Ad esempio, le molte cene che i vertici leghisti hanno fatto a Roma col banchiere Ponzellini ( da poco arrestato per tangenti) sono state pagate da Stiffoni. Poi, i capigruppo hanno poi una carta di credito per pagare le spese di rappresentanza. Che però negli anni sembrano lievitate, visto che l’ex capogruppo alla Camera, Reguzzoni, ha speso in un anno e mezzo con la carta del gruppo (spese tutte giustificate) 90mila euro, mentre Roberto Castelli, capogruppo al Senato dal 2006 al 2008, spese solo mille euro. Si vede che la vecchia Lega era più spartana (la nuova Lega 2.0 punta a tornare a quegli standard, così spera la base leghista...).

Nel memoriale di Stiffoni si parla anche di un contributi mensili per l’affitto di case a Roma, a beneficio di alcuni senatori.


0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi