Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 8 giugno 2012
Marijuana splFoto LaPresse
Da oggi chi possiede una piantina di cannabis sul terrazzo di casa non avrà problemi con la legge. Lo ha stabilito la Cassazione secondo la quale la coltivazione di una sola pianta di marijuana “non è idonea a porre in pericolo il bene della salute pubblica o della sicurezza pubblica”. Il pronunciamento della Suprema Corte è arrivato in seguito al ricorso del procuratore generale della Corte di Appello di Catanzaro che aveva protestato per l’assoluzione di un ragazzo di 23 anni sorpreso con una piantina di Maria sul balcone della sua abitazione a Scalea (Cosenza).
Proprio per il fatto che si trattava di una sola piantina, quindi chiamando in causa la “modestia dell’attività posta in essere emerge da circostanze oggettive di fatto, come in questo caso la coltivazione di una piantina in un piccolo vaso sul terrazzo di casa con un principio attivo di mg 16, il comportamento dell’imputato deve essere ritenuto del tutto inoffensivo e non punibile anche in presenza di specifiche norme di segno contrario”. In altre parole i supremi giudici – in base alla sentenza 25674 – hanno chiamato in causa l’assenza di pericolosità del gesto, che è quindi da non sanzionare penalmente, come invece specificherebbe il legislatore in caso di coltivazione di sostanze stupefacenti.

Una decisione senza precedenti, che creerà un importante precedente nella giurisprudenza e che, sicuramente, accenderà un focolaio di polemiche non da meno. Da anni si cerca di trovare la soluzione più giusta nei confronti del “problema droga” e con questa sentenza i giudici sembrano voler soverchiare le rigide norme in materia di cannabis et simili. Del resto come non considerare il fatto che forse i benefici sociali che si ricavano dalla proibizione di canapa non compensano adeguatamente i costi che la collettività paga, collocando “fuori dalla legge” il comportamento di intere fasce giovanili. Cosa che li allontana ancor di più dalle istituzioni.



fonte: affaritaliani


10 commenti:

Anonimo ha detto...

se è un sogno non svegliatemi!

Anonimo ha detto...

Infatti era assurdo sprecare tempo e soldi fra tempo di carabinieri e intasamento di tribunali e personale vario per perseguire un ragazzetto con una pianta di marjuana. In fondo chissenefrega! Se fra maria e tabacco si vole rovinare sono affari suoi. Basta però che non venga a chiedere incapacità da patologie varie da curare a spese della comunità. Uomo avvisato....e a prescindere dal caso specifico.

Vale anche per non portatori di caschi e di cinture.

Anonimo ha detto...

http://www.enjoint.info/?p=4942 ecco qui la risposta. PER FAVORE EVITATE DI FARE DISINFORMAZIONE ANCHE VOI.. DA VOI NON MI SAREI ASPETATO QUESTO.. oltretutto presumo che si riferisca alla sentenza di un anno fa.. quando è uscita questa storia.. Per favore sistemate..

Anonimo ha detto...

Una piantina in piu per uno spacciatore in meno!

Anonimo ha detto...

non è molto ma per iniziare va bene...grazie per la bella notizia e che la francia ce la mandi più buona...

Anonimo ha detto...

non ci voleva un genio di giudice per questa sentenza, leggi assurde, in italia ci sono le carceri piene e lo stato spende soldi per la lotta alla marijuana nel 2012?? se queste sono le priorità ben presto faremo la fine della Grecia..

Anonimo ha detto...

Io sostengo che si dovrebbero legalizzare tutte le droghe e la prostituzione. Queste dato che sono comunque facilmente reperibili da chiunque le voglia comporta che la sola cosa che ne deriva è l'enorme guadagno economico che fanno le malavite di tutto il mondo che così hanno la possibilità di enormi denari, senza pagare tasse ma invece creando enormi fondi neri che servono proprio a politici e governi per schiacciare le gente comune e mantenere più facilmente il sistema oligarchico che ormai regge il mondo intero.

marika ha detto...

vorrei rispondere al ragazzo che ha affermato che il sito sta facendo disinformazione. innanzitutto prima di giudicare cerca di leggere e comprendere. la sentenza di un anno fa centra, ma qui si parla della protesta contro l'assoluzione del ragazzo, alla quale la Suprema Corte ha risposto affermando che non essendo un pericolo per la societ non è perseguibile penalmente. inoltre leggi prima di inviare i messaggi pieni di errori ortografici!

CLAUDIO ha detto...

SAPETE PERCHE LE GUERRE CONTINUANO A FARE MIGLIAIA DI MORTI (VEDI AFGANISTAN)PERCHE I SIGNORI DEL COMERCIO GUADAGNANO INCALCOLABILI SOLDI,LASCIATE UN MISERA LIBERTA A TUTTE LE PERSONE DI FARE VERAMENTE,L ERBA E DI DIO E NATURALE, E PUO FARE DEL BENE........

Anonimo ha detto...

Io so' solo che 10 anni fa' per una canna mi hanno rovinato l'intera gioventu' per poi trarne quale vantaggio....per me' sono stati 10 anni di litigi familiari e problemi sociali non da poco...Se la legalizzano con le dovute ristrettezze ben venga almeno molta gente non butta tempo e denaro per pagare una presunta irregolarita' nei confronti dello stato....pero' che si dice alla fine di tutto?????VIVA L'ITALIA!!!!!...

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi