Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 23 maggio 2012
Che degrado. Che vergogna. Che pena. La senatrice del Partito Democratico, Anna Finocchiaro, così rigorosa nel bacchettare il malcostume (degli altri), è stata beccata da CHI mentre fa shopping all’Ikea con la scorta. E non solo, gli agenti sono costretti a spingere il carrello, a guardare le pentole, probabilmente a consigliare l’artistocratica senatrice del Pd.
Ecco altre foto:

Che pena.
ANNA FINOCCHIARO, dieci giorni fa:
Credo che i partiti tradizionali devono saper dimostrare di fare i conti con una protesta che nasce dai cattivi comportamenti e dagli sprechi della politica sui quali dobbiamo assolutamente intervenire.
AGGIORNAMENTO. Risponde la Finocchiaro: “La scorta per me non è un piacere. Mi è stata imposta e nonostante ciò provo a fare una vita normale, anche da IKEA”. E che vuol dire, senatrice? Usare la scorta per spingere un carrello e scegliere le pentole le è stato imposto? Guardi che quelli sono agenti, non sono filippini. Con rispetto, per i filippini.
AGGIORNAMENTO 2. Sulla sua pagina facebook, la senatrice ha scritto:
Ho visto le foto apparse sul numero di ‘CHI’ in edicola che mi ritraggono, accompagnata dalla ‘scorta’, mentre faccio acquisti all’Ikea di Roma. Voglio solo precisare che la ‘scorta’, come i titoli la definiscono, mi è stata assegnata dal Ministero dell’ Interno per ragioni che, ovviamente, non devo e non posso rendere note. Per me non è un piacere avere la scorta che deve seguirmi ed è obbligata ad accompagnarmi in tutti i miei spostamenti e nei luoghi pubblici, anche nei negozi e nei supermercati (e all’Ikea ) che frequento come tutti gli altri cittadini.

fonte: Daw


21 commenti:

Anonimo ha detto...

incredibile,uno schifo.vi manderemo a casa.siete sorpassati.

Anonimo ha detto...

Sono d'accordo sul commento della Finocchiaro, adesso si vogliono trovare solo le scuse per incastrare i nostri politici solo per fare sensazionalismo di tipo giornalistico del tipo Novella Duemila... Vi prego di consumare le vostri menti se potete in qualcosa di più costruttivo, senza ricascare in notizie ridicole .

Anonimo ha detto...

anche io vorrei la scorta. dove devo fare la domanda?. mi fa pena vedere queste foto.ma noi italiani ci meritiamo questi politici?

Anonimo ha detto...

La senatrice, che dice: che la scorta non è un piacere ma gli è stata assegnata dal Ministero dell'Interno per ragioni che non può rivelare; dovrebbe dire invece: che la scorta è uno status-symbol, a cui è difficile rinunciare, per la maggior parte degli scortati; che è un piacere essere scorazzati a destra e manca; che "soprattutto" Lei non fa più il magistrato da ben oltre 20 anni, quindi se tanto mi da tanto!!! Se ci mettiamo anche, che il Ministro dell'Interno è stato il Prefetto di Catania, la città della senatrice, beh che altro aggiungere.

Anonimo ha detto...

Certo come no, la scorta (addirittura 3 agenti!!) sono indispensabili per una come la finocchiaro..mentre per Marco Biagi era del tutto superflua..
Questa giornata all'IKEa a noi contribuenti è costata come minimo 500-1000€..stipendio di tre bodyguard, autista e auto blu oltre all'auto della scorta..

Anonimo ha detto...

boh, non capisco quale sia lo scandalo. Se una persona è sotto scorta deve esserlo sempre, pure quando va a fare la spesa. La scorta ce l'hai sempre o non ce l'hai mai. Se ce l'hai sempre, ce l'hai anche all'ikea, non puoi farne a meno.

Anonimo ha detto...

e io pago!!!!ma falla finita come gli altri politicanti da 4 soldi.

karletto ha detto...

NON COMMENTO. DOVREI INSULTARE...

Anonimo ha detto...

ma che è una presa in giro? schiavi? ma non vi sentite ridicoli... a me sembra che quelli si stanno facendo una semplicissima passeggiata e stanno anche sorridendo... perchè non credo si sentano degli schiavi a farsi una passeggiata all'ikea... cos'è se accompagno mia madre all'ikea e porto il carrello sono il suo schiavo?

Anonimo ha detto...

Fanno veramente pena,e poi magari a casa loro fanno i duri,vergognatevi.

Anonimo ha detto...

Suvvia trattati come schiavi.....davano una mano ad una donna...io credo certamente non costretti ...esagerati.

Anonimo ha detto...

per ragioni che, ovviamente, non devo e non posso rendere note?????? CARA Ministro fino a Prova contraria la SUA scorta è Pagata con soldi pubblici, CIOé QUELLI CA CI CACCIATE DALLE NOSTRE TASCHE... !!! Perchè non se la paga LEI con i SUOI SOLDI LA SCORTA?

Anonimo ha detto...

strano che nessun quotidiano ne ha parlato, quando la Fornero è andata a comperare delle scarpe con la scorta ancora un po lo mettevano in prima pagina

Seek and D ha detto...

Ma se la scorta le è stata assegnata, che fa aspetta fuori dall'Ikea? 3 uomini non possono far spingere il carrello ad una donna, qui è una questione di buon senso e galanteria.
La questione non è cosa fa la Finocchiaro con la scorta.. ma che motivo ha di averla? come auto blu ecc....

Anonimo ha detto...

Io vorrei sapere se la Finocchiaro compra Made in China all'Ikea, visto che oggetti prodotti in Italia non se ne trovano più. Mi preme sapere se un parlamentare italiano tende al risparmio con prodotti nocivi o aiuta l'economìa italiana, con i suoi acquisti...

Anonimo ha detto...

Si, ma allora il carello spingitelo da sola, che farti la tutela, per un operatore di polizia, è ben altra mansione che spingerti il carrello

Anonimo ha detto...

Al di là di esagerazioni o commenti col cervello all'ammasso, sarebbe interessante sapere come vengono gestite le scorte per i politici negli altri paesi europei. I confronti sono sempre utili , aiutano a restare con i piedi per terra.

pasquale ha detto...

la scorta che lei definisce tale non sembra esserle stata assegata dal ministero dell'interno ma dall'ikea visto che i tre sono intorno al carrello e non a lei...

Anonimo ha detto...

la cosa più vergognosa è che leggo che qualcuno qui la difende anche. Ma come roba di dare il buon esempio loro per primi? visto gli stipendi che hanno!!!!

Anonimo ha detto...

Mi permetto di dissentire dalla maggior parte dei commenti. Nessuno può essere "schiavizzato", specialmente se fa parte di una scorta di sicurezza. Il problema è un altro: pur di compiacere il potente di turno, c'è gente che è disposta a farsi schiavizzare. In cambio della cortesia, che esula totalmente dai compiti professionali, il servo chiede favori: posto di lavoro per il figlio, pensione per la moglie, etc.
Questo per dire una cosa semplice semplice: la casta fa schifo, ma il loro numero non è certo infinito....infinito invece è il numero di ruffiani che stando a contatto con il potente non perde occasione per cercare di acquisire privilegi che certo non avrebbe se si attenesse al suo lavoro. Pensate a quanta gente, comune ma compiacente, ottiene stipendi d'oro e favori extra allisciando il potente di turno. Tappezzieri, cuochi, barbieri, camerieri, autisti, giornalisti. La casta ha bisogno di mano d'opera, se non ci fosse - e se non si prestasse a diventare servitù - la casta sarebbe estinta da un pezzo.

Anonimo ha detto...

Poverina, ti hanno obbligata alla scorta? bugia, se non la vuoi rinuncia ad essa e all'auto blu e vai in giro come noi ,,,, solo così puoi riscattare la tua buona fede.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi