Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta esteri governo economia editoriale scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi libertà forze dell'ordine scienza censura lavoro cultura berlusconi infanzia animali chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie europa carceri satira scuola eurocrati immigrazione facebook banche euro grillo renzi manipolazione mediatica pensione bilderberg mondo alimentari signoraggio razzismo manifestazione finanza sovranità monetaria massoneria debito pubblico guerra travaglio Russia disoccupazione tasse militari poteri forti UE ucraina trilaterale geoingegneria germania parentopoli Grecia siria banchieri mario monti inquinamento enrico letta marijuana vaccini big pharma napolitano nwo obama Traditori al governo? agricoltura ogm Angela Merkel austerity sondaggio tecnologia bambini canapa cancro meritocrazia umberto veronesi vaticano armi fini suicidi BCE PD equitalia terrorismo clinica degli orrori privacy video nucleare prodi boston israele ministero della salute sovranità nazionale bancarotta eurogendfor fondatori del sito globalizzazione iene monsanto staminali INPS Putin droga acqua bufala marra matrimoni gay nigel farage nikola tesla politica anatocismo elezioni evasione fisco magdi allam moneta pedofilia troika usura FBI africa francia fukushima informatitalia.blogspot.it ricchi società Aspen Institute Auriti CIA Giappone adam kadmon attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact fmi giuseppe uva golpe lega nord nsa petrolio sicilia stamina foundation terremoto Cina Onu assad controinformazione crimea frutta giovanardi goldman sachs imposimato mcdonald mes psichiatria rifiuti rockfeller rothschild sciopero servizi segreti slot machine spagna svendita terra torture turchia violenza Marco Della Luna aldo moro arsenico barnard bonino edward snowden famiglie fed forconi inciucio laura boldrini m5s magistratura nato no muos no tav palestina proteste storia suicidio università vegan virus 11 settembre 9 dicembre Fornero Ilva Muos NASA Svizzera Unione Europea aids alan friedman alimentazione antonio maria rinaldi borghezio carne chernobyl corruzione corte europea diritti uomo delocalizzazione diffamazione disabili ebola educazione elites esercito farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv illeciti bancari illuminati india influencer informazione iraq islam islanda latte legge elettorale marò microspia mmt paola musu precariato prelievi forzoso privilegi propaganda prostituzione radioattività salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati sovranità individuale spread stati uniti stefano cucchi taranto ungheria veleni verdura Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento alluvione amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio brevetto btp by cambiamento camorra cannabis capitalismo carabinieri casaleggio cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani davide vannoni dell'utri denaro dentista dentisti denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dittatura dogana domenico scilipoti donne dossier duilio poggiolini ebook egitto elettrosmog eroina eurexit europarlamento fallimento false flag fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giustizia sociale gold hollande ignazio marino ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie maratona mariano ferro marine le pen mario draghi mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura nuovo ordine mondiale obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore riserva aurea risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione sert sfratto sisa snowden speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse telefono cellulare teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati vegetariani vessazioni vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 4 maggio 2012
"Azione dimostrativa" secondo il procuratore capo Massimo Meroni. Per Martinelli verrà chiesto la convalida dell'arresto. L'ostaggio "Ho avuto fucile puntato addosso tutto il tempo, ma gli ho stretto la mano". Il carabiniere che ha mediato per sei ore: "Mi ha preso in simpatia, gli ho parlato in dialetto". Ufficio aperto regolarmente
Aveva un debito di circa 1000 euro Luigi Martinelli, l’uomo che ieri ha fatto irruzione nella sede dell’Agenzia delle Entrate di Romano di Lombardia (Bergamo) e ha tenuto in ostaggio i dipendenti. Lo ha spiegato Massimo Meroni, capo della Procura di Bergamo, nella conferenza stampa  in cui gli inquirenti e gl investigatori dell’Arma dei carabinieri stanno spiegando quanto avvenuto ieri. Il presidente del Consiglio Mario Monti aveva dato la sua disponibilità a parlare con il sequestratore visto che Martinelli, 56 anni, aveva chiesto di poter avere un colloquio con il premier e anche di parlare con la stampa. “E’ stato un episodio spiacevole – dice Meroni – che è è terminato ne migliore dei modi grazie all’intervento professionale dei carabinieri. E’ stata una vicenda senza ulteriore danni. Chiederemo la convalida dell’arresto e solo dopo l’interrogatorio potremo sapere il significato di questa azione che peraltro sembrerebbe dimostrativa”. Martinelli, che aveva un fucile, due pistole, coltelli e uno zainetto mimetico con circa un centinaio di proiettili, dovrà rispondere di sequestro di persona e anche della detenzione delle armi. “Una protesta dimostrativa” quindi per cui l’imprenditore rischia una pena molto alta: probabilmente tra i 6 e gli 8 anni. Il reato contestato è il sequestro di persona semplice e non quello a scopo di estorsione che prevede pene severe. Secondo gli accertamenti dell’Agenzia delle Entrate il “debito” del sequestratore si aggirava intorno ai 1000 euro, una cifra che appare non giustificare quella che il procuratore chiama “azione”. 

Martinelli quindi sembra non avere “nessuna forma di particolare disperazione – prosegue il magistrato – ma a volte nella mente umana avvengono cose inspiegabili”. Certo è che i sequestrati, alcuni dipendenti sono stati rilasciati nel giro di pochi tempo, Carmine Mormandi e il brigadiere che è entrato a trattare con l’uomo diverse, non sono stati mai tenuti sotto “minaccia incombente”. Meroni ha parole di elogio per il militare che ieri “per intelligenza, capacità di dialogo e disponibilità umana” è riuscito a stabilire un contatto con Martinelli ed entrare all’interno degli uffici mediando con l’uomo fino alla resa. 
Intanto per sei ore Carmine Mormandi, 56 anni, calabrese di Trebisacce ma abitante a Covo, da 33 anni dipendente dell’Agenzia delle Entrate, ha passato momenti terrificanti. “Non so perché se l’è presa con me – racconta Mormandi – diceva ‘tu non mi piaci, mi sei antipatico’. Io poi forse ho sottovalutato il pericolo, perché all’inizio pensavo si trattasse di un fucile giocattolo. Poi, quando ha sparato contro il soffitto, mi sono reso conto del pericolo che correvo”. Nel corso delle trattative avviate dal brigadiere dei carabinieri Roberto Lorini, gli altri impiegati sono usciti e Mormandi è rimasto solo con il sequestratore. “Ho avuto quel fucile puntato addosso per tutto il tempo. Io mi spostavo e il fucile mi seguiva. A questo punto ho davvero avuto paura che in un eccesso d’ira mi sparasse. Ho pregato tanto. Poi, quando sono cominciati ad arrivare gli sms di amici e parenti che seguivano la vicenda in televisione, lui mi ha lasciato rispondere”. Il ruolo del brigadiere è stato cruciale nella risoluzione della vicenda: “E’ stato bravissimo, sempre freddo, io ho cercato di prendere esempio da lui”. Alle 21 il sequestro è terminato. “Quando sono uscito sono scoppiato in lacrime e ho pensato che le mie preghiere erano state accolte. Prima che il sequestratore venisse ammanettato gli ho stretto la mano. Penso che sia un brav’uomo, sopraffatto da un momento di disperazione”.
Anche il carabiniere che ha trattato con il sequestratore ha temuto per la sua vita: “”Ho avutopaura fin dal primo momento, un conto è immaginarsi una cosa del genere, un conto è trovarsela davanti. Era una persona arrabbiata e basta, ho cercato di parlargli. Gli ho dato l’opportunità. Mi ha preso in simpatia” racconta il brigadiere che è entrato armato di pistola negli uffici, ma con le mani in vista. “Mani in vista per poter parlare, nessuna intenzione di conflitto. E’ stata una questione diumanità – dice il militare, 48 anni, arruolatosi nel 1982 -.  Ho cercato di convincerlo anche utilizzando il dialetto. Gli ho detto che siamo amici e che rimarremo amici”. Lorini, nella cittadina bergamasca dal 1983 è un bresciano di Chiari, e quando ha sentito parlare Martinelli ha cominciato a dialogare con lui in dialetto. “Abbiamo tutti famiglia gli ho detto. Stiamo con i piedi per terra, è un equivoco un problema. L’ho pure fatto parlare con mia moglie, perché anche lei gli spiegasse che in fondo siamo tutti umani. In fondo si tratta di questo, abbiamo parlato di cose normali, e lui mi è sembrata una persona normalissima. E’ una persona tranquilla” conclude Lorini. 
Intanto dopo la paura e la tensione è stato regolarmente aperto l’ufficio:  ”Non c’era alcun motivo per tenere chiuso – ha detto la direttrice Rosita Bellomo -, gli impiegati sono al lavoro, ma io non posso dire nient’altro”. In mattinata si è visto il solito via vai di persone che entrano ed escono con documenti, cartellette e fogli esattoriali. L’ufficio è aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30. Solo il giovedì è prevista l’apertura pomeridiana, dalle 14 alle 16. Martinelli, che pare non fosse la prima volta che si rivolgeva all’ufficio, lo sapeva quindi bene. Se gli impiegati e la direttrice che sono tornati regolarmente al lavoro stamani non hanno alcuna intenzione di parlare di quanto è successo ieri, il drammatico pomeriggio dell’uomo barricato nell’ufficio è l’argomento di discussione di tutto il paese. Anche di quelli che stamani si sono presentati all’agenzia delle Entrate, regolarmente aperta, per sbrigare qualche pratica. “Non si possono giustificare assolutamente questi atti così violenti – ha detto una signora uscendo con una cartelletta in mano – ma bisogna anche capire che siamo tutti all’esasperazione: io è la terza volta che vengo qui a chiedere la rateizzazione di una grossa somma da pagare”.
“Io abito qui vicino, e ieri quindi ho vissuto quasi tutto in diretta – ha detto una donna passando con il marito davanti all’ufficio dell’agenzia -, mio marito ritiene che quell’imprenditore sia un pò matto, io invece credo proprio che abbia ragione, ho una figlia con una piccola attività in proprio e mi ha detto che un paio di mesi fa ha dovuto pagare 8 mila euro di non so che tasse e altrettante ne dovrà pagare prima dell’estate”. Nell’ufficio dell’agenzia è arrivata anche il presidente del consiglio comunale Eliana Festa (Lega Nord): “Sono qui per il mio lavoro, e non conosco la vicenda di questo Martinelli, perché non abita qui a Romano, quello che posso dire è che è davvero una brutta situazione. L’Italia e soprattutto il bergamasco dovrebbero ringraziare tutti questi piccoliimprenditori che hanno portato del benessere, invece lo Stato li tratta così, loro si sentono isolati, abbandonati, ogni giorno sento di situazioni simili e ogni giorno spero che intervenga qualcosa a risolvere questo stato di cose”.
da "Il Fatto Quotidiano"



2 commenti:

ilcontewalter ha detto...

...sarebbe interessante sapere dove il martinelli abbia preso quelle armi. Bisognerebbe fare così anche per soli pochi euro.

Anonimo ha detto...

In nome della libertà di parola dico: HA FATTO BENEEEEEEEEE!!!! Se qualcuno ci avesse rimesso le penne sarebbe stato meglio!!!

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi