Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

giovedì 3 maggio 2012
Pare proprio che gli alti prelati abbiano la passione per le auto lussuose; dopo il caso del cardinale che va in giro in Bentley - un modello da 200.000€ - ecco il Vescovo con la Rolls Royce, auto da sempre simbolo di ESTREMA RICCHEZZA, utilizzata dagli emiri e dalle "famiglie reali" di tutto il pianeta.
E POI CHIEDONO LE OFFERTE AI "FEDELI"... ALTRO CHE OPERE CARITATEVOLI... ricordatevelo quando vi chiedono di devolvere l'8 x mille alla Chiesa Cattolica; e prestate attenzione, perché se non esprimete nessuna preferenza (come fanno quasi tutti) l'86% dei vostri soldi finiscono alla chiesa; infatti i soldi di coloro che non esprimono preferenze vengono ripartiti in base alle scelte effettuate dalla minoranza che decide a chi destinare i soldi: e tra i pochi che decidono, l'86% sceglie la chiesa..


Antonio Bacherini per nocensura.com
- - - - -
di seguito l'articolo di Annalisa Dall'Oca per "Il Fatto Quotidiano"
La notizia diffusa su Facebook insieme a una fotografia. E subito è polemica: "In un periodo di austerità è un affronto"
Un’auto d’epoca del 1976, una Rolls Royce per la precisione. Così il vescovo emerito di Rimini, monsignor Mariano De Nicolò, ha raggiunto la chiesa di Bellariva, nella capitale della riviera, durante la giornata delle cresime. Per lo stupore di amici e parenti che attendevano, radunati davanti all’edificio, l’inizio della funzione religiosa. A raccontare la vicenda attraverso uno scatto subito pubblicato su Facebook è stato l’attore Carlo Frisi, e la fotografia ha fatto prontamente il giro del web, scatenando una vera ondata di polemiche.

“Io mi chiedo se in un periodo così difficile dove alla Caritas c’è sempre più gente e le famiglie devono dire ai figli di risparmiare, un Vescovo possa presentarsi così – ha commentato lo scatto Frisi, nel suo profilo – anche se è stato un passaggio gratuito non era da accettare. Per che cosa si fanno le dottrine ai ragazzi? Se la macchina fosse della curia o di qualcuno vicino chiedo allaGuardia di Finanza di controllare se il cliente è congruo, come si dice adesso….. ho fatto un sacco di spettacoli per i poveri e le associazioni bisognose, dopo aver visto questa foto mi preoccupo per l’utilizzo dei fondi, questo lo dico senza generalizzare”.
Un’opinione largamente condivisa dagli internauti di tutta Italia, che hanno puntato il dito contro un’istituzione, la Chiesa, rea di “avere troppi privilegi, rispetto ai dogmi che predica quotidianamente”. Anche se l’auto, come ha subito sottolineato il vescovo, non era di sua proprietà, ma della parrocchia di Bellariva, che l’aveva invitato per la cerimonia.
Monsignor De Nicolò, raggiunto telefonicamente dal Resto del Carlino allo scopo di chiarire la situazione, ha infatti spiegato subito che “questa auto non è la mia, e quella di domenica scorsa è stata la prima volta che salivo a bordo di una macchina del genere. Dalla parrocchia di Bellariva sono venuti a prendermi per partecipare alle cresime. Quando ho visto la Rolls Royce – ha aggiunto il vescovo emerito – ho subito detto al signore che la guidava: ‘Così mi mette in imbarazzo’. Durante il tragitto questo signore, che possiede una ventina di queste vetture d’epoca, mi ha spiegato che l’auto, con targa della Gran Bretagna e guida a destra, era del 1976 ed era appartenuta a un attore famoso. Una gran bella macchina, nulla da dire”.
“E immaginavo che avrebbe creato qualche imbarazzo – ha aggiunto il monsignore – Quando sono arrivato il sagrato della chiesa di Bellariva era gremito e la gente guardava incuriosita questa Rolls Royce. E quando sono sceso dall’auto ho visto molte facce stupite”.
La tempestiva spiegazione, tuttavia, non ha placato gli animi accesi dalla testimonianza fornita da Frisi. La scelta del mezzo, “inopportuno visti i tempi”, non è piaciuta e in molti, oltre un centinaio solo sulla pagina dell’attore, da cui è partito il tam tam su internet, hanno commentato l’accaduto criticando la “curia e le sue ricchezze”. Esprimendo prevalentemente incredulità, rabbia e soprattutto, biasimo.
“Non ci posso credere eppure la foto è li, lampante e chiara” si legge fra i commenti alla fotografia, sulla bacheca del cabarettista riminese, “è semplicemente un comportamento non consono ad un buon pastore. Si può perdonare, ma non giustificare un simile episodio. Una caduta di stile, da parte un uomo come tutti noi…”.
La polemica non ha risparmiato nemmeno la stampa locale, accusata di non aver dato subito la notizia. “Nessun giornale si è occupato di dare notizia sul Vescovo in Roll Royce. Questo la dice lunga, sulla serietà dei mass-media! Solo su Facebook si è sviluppato un dibattito del tutto libero ed indipendente. E’ normale che un rappresentante della Chiesa, nell’esercizio delle sue funzioni, accetti di salire su un’auto di lusso?”.




4 commenti:

Anonimo ha detto...

una rolls del genere in italia vale dai 8 ai 12 mila euro. sempre se qualcuno e' disposto spendere questa cifra

Anonimo ha detto...

MA SOPRA NON SI PARLAVA DI 200.000 EURO? E QUI DI 8/12MILA???? IO PER UNA SECONDA MANO NON RIESCO A SPENDERE MENO DI 5000...I PREZZI SONO ALLE STELLE... COMUNQUE, SECONDO ME è UNA STRUMENTALIZZAZIONE... è FACILE SPARARE A ZERO... CI SONO TANTI ERRORI, è VERO, TANTI SPRECHI, MA LA CHIESA è FATTA DA UOMINI, QUANDO LA LASCIò NELLE NOSTRE MANI NOSTRO SIGNORE LO SAPEVA...SE OPERASSIMO DI PIù PER IL BENE, E GIUDICANDO MENO, Nè CHIESA, Nè POLITICI, Nè IL NOSTRO VICINO, FORSE LE COSE COMINCEREBBERO A GIRARE....

Anonimo ha detto...

Io credo che prima di dare giudizi affrettati e di scagliarsi contro questo o quel Cardinale o Vescovo di turno, bisogna approfondire la verità. In fatti leggo nel vostro articolo: "Dalla parrocchia di Bellariva sono venuti a prendermi per partecipare alle cresime..." Perchè non cercare il proprietario della macchina e chiedere la verità? Quando si parla di auto di rappresentaza della Curia è una cosa, ma quando si parla di auto di privati...! Grazie

Anonimo ha detto...

8 - 12 000 € .... ? sicuro ? non è tanto..se fosse cosi, andrebbe su una punto fiat , che senza niente di serie ti viene sui 7000-9000 euro...sicuro che involontariamente non ti sei dimenticato qke 0...senno quella macchina sarebbe na ciofeca e allora che si sta a fa la discussione ?

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi