Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

giovedì 24 maggio 2012

Come cambiano le opinioni dei giornali e dei giornalisti sulle persone. Nel 1992 Repubblica denigrava il giudice Falcone definendolo "un comico, un guitto"... oggi invece pubblicano i cofanetti (film + libro) per ricordarlo...


di seguito l'articolo di Raffaello Binelli per "Il Giornale"...

Nel gennaio 1992 Repubblica massacrò Falcone: "Un comico del carrozzone televisivo". Oggi di quell'articolo non c'è più traccia. Noi lo abbiamo trovato. La sinistra dava del guitto a Falcone


Ieri è stato celebrato il ventennale della strage di Capaci, dove persero la vita il giudice Falcone, sua moglie e tre uomini della scorta.Tutti i giornali, giustamente, hanno dato ampio risalto alla memoria del magistrato massacrato dalla mafia.
Anche Repubblica, che per l'occasione ha preparato un cofanetto (film + libro) in vendita a 12,90 euro. Fa un certo effetto leggere cosa scriveva Repubblica nel 1992: "Falcone sciorina sentenze in tivù, è un comico, un guitto, che può gareggiare coi comici del sabato sera" (la Repubblica, 9 gennaio 1992).
Diciamo la verità, non era una carineria. A firmare l'articolo fu Sandro Viola. Venti anni fa Repubblica prese di mira Falcone accusandolo di essere "preso da una febbre di presenzialismo. Sembra dominato da quell’impulso irrefrenabile a parlare, quella smania di pronunciarsi, di sciorinare sentenze sulle pagine dei giornali o negli studi televisivi, spingendolo a gareggiare con i comici del sabato sera. In Falcone si avverte l’eruzione di una vanità, d’una spinta a descriversi, a celebrarsi, come se ne colgono nelle interviste del ministro De Michelis o dei guitti televisivi".

Per rileggere il testo completo di quell'articolo siamo andati a cercarlo nell'archivio online del sito di Repubblica. Ma non l'abbiamo trovato. Non crediamo sia stato rimosso volutamente. Forse non è masi stato caricato nel sistema. Che dimenticanza, eppure è un pezzo di storia. Per fortuna, però, ci pensa Google. Digitando le parole "Falcone 9 gennaio 1992 la Repubblica" si trovano molti siti che citano quel testo di Viola, con tanto di foto. Ve lo riproponiamo (leggi l'articolo di Sandro Viola / Falcone, che peccato...). E' interessante leggerlo, per farsi un'idea e per capire



fonte


0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi