Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 27 maggio 2012
Multe e bollette telefoniche, onorari di avvocati e macchine da ufficio. E poi spese per giornali, fotocopie, carburante. Sono decine e decine le fatture consegnate dalla segretaria di Luigi Lusi ai magistrati romani.
I documenti contabili che Francesca Fiore ha portato in Procura quattro giorni fa, quando è stata convocata per essere interrogata, ricostruiscono le «uscite» in favore dei leader della Margherita anche dopo lo scioglimento e il passaggio degli esponenti in altre formazioni. Ma non tutte le «voci» appaiono giustificate come costi della politica, almeno ad una prima lettura.
I fogli sono divisi per nome e per anno. La spesa più frequente riguarda le bollette telefoniche. Sono decine di migliaia gli euro rimborsati a Francesco Rutelli e ai parlamentari che facevano parte del suo entourage. Le annotazioni di Lusi riguardano gli ultimi tre anni, ma le «uscite» anomale relative a questo tipo di pagamenti si riferiscono soprattutto al 2012 quando a gennaio vengono infatti annotate spese per un totale di 27mila euro soltanto per gli esponenti politici di questa corrente: quasi ottomila per Gianni Vernetti, parlamentare passato all'Api insieme all'ex presidente della Margherita e nella lista relativa alla stessa voce è inserito anche Luciano Nobili, altro fedelissimo di Rutelli. Ben 3.154 euro vengono annotati relativamente a Paolo Gentiloni per la stessa causale. A Rutelli è invece attribuita una spesa «rimborsi edicola», decine di migliaia di euro nel 2010 e 4.000 per l'acquisto di una fotocopiatrice, oltre a 63mila euro alla voce «informatica».


Nella scheda relativa a Giuseppe Fioroni ci sono 11mila euro erogati per il pagamento di multe. Lui però nega che possa trattarsi di contravvenzioni prese con la propria autovettura, «anche perché - precisa - io faccio oltre 150mila chilometri ogni anno per attività politiche e la Margherita, mettendomi a disposizione l'auto, ha contribuito a questa attività fatta per conto del Pd. Tant'è che gli ausiliari di pubblica sicurezza che mi accompagnano sono dipendenti del Partito Democratico».
Verifiche dovranno essere fatte anche su alcuni rimborsi erogati a Dario Franceschini nel 2010 e relativi al pagamento di due avvocati. Gli investigatori dovranno stabilire se si sia trattato di una controversia privata o se invece i legali siano stati ingaggiati per conto del partito.



fonte: isegretidellacasta



1 commenti:

Anonimo ha detto...

a casa anche loro senza pieta', e verita' pubblica da parte dei media, basta con queste buffonate, lo stato per avere il rispetto del popolo deve prima rispettare il popolo....e quyndi grande detersivo e grande lavaggio con mega centrifuga !!!!!!

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi