Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

venerdì 4 maggio 2012
di Salvatore Garzillo

Il legale Gennaro De Falco, conosceva l'agente immobiliare che si è tolto la vita, non difenderà più l'Agenzia delle Entrate. La decisione del legale non vuole più saperne di tasse, cartelle, esazioni. Dice: "Equitalia ha messo in moto un meccanismo diabolico che sta distruggendo famiglie e imprese".


Si chiama De Falco l’ultimo eroe nazionale. Gennaro De Falco. Proprio come quel Gregorio divenuto simbolo della tragedia della Costa Concordia, l’ufficiale del «vada a bordo, cazzo!» gridato a capitan Schettino. Gennaro De Falco è un avvocato napoletano di 55 anni, e per un anno e mezzo ha lavorato per Equitalia, l’iceberg che sta mandando a picco l’Italia e gli italiani. Dopo il suicidio di Diego Peduto, l’agente immobiliare partenopeo strozzato dalle cartelle esattoriali, De Falco ha deciso di fare un passo indietro e abbandonare l’agenzia.

Rimorso  «Conoscevo Peduto», scrive in una lettera spedita a Il Mattino. «L’ho incontrato per la prima volta nel 1995, quando gli diedi incarico di vendere la mia casa. Aveva figli della stessa età dei miei e la sua agenzia era nel mio quartiere, vicino al mio studio. Insomma le nostre vite scorrevano quasi parallele». Fino a quando Equitalia non irrompe nel tran tran dell’agente immobiliare di cinquantenne, che non regge alla pressione e sceglie di farla finita. De Falco si sente in parte responsabile:  «Non difenderò più Equitalia. E rinuncerò al mio onorario, maturato per le cause sostenute finora. Sto pensando di devolvere alla  famiglia di Diego la quota dei miei onorari quando mi verranno corrisposti. Si tratta di pochissimi soldi, non immaginate che siano cifre folli, ma è un gesto simbolico importante». L’avvocato si sente in qualche modo «corresponsabile» di quanto accaduto all’imprenditore e per questo non vuole saperne più niente di Equitalia, tasse, cartelle, esazioni. «In queste condizioni non mi sento di andare avanti, in Italia in questi anni si è messo in moto un meccanismo diabolico che sta distruggendo famiglie, persone ed imprese. Non so se questa mia decisione servirà a qualcosa ma almeno alleggerirà la mia coscienza, forse aiuterà a restituire un minimo di dignità agli avvocati e a far riflettere tutti sulla sostenibilità sociale ed etica della gestione di questa crisi».
 Telefono rovente Da quando ha deciso di scoperchiare il vaso di Pandora, il telefono di De Falco non ha smesso di suonare per un istante. Decine di telefonate da parte di giornali, radio, ma soprattutto tante persone disperate che gli raccontano la propria storia. «Ho appena finito di parlare con una signora torinese in lacrime», racconta a Libero dal suo studio di Napoli. «Dice che le toglieranno la casa e non sa dove andare. Sono stupefatto, non credevo di sollevare un tale polverone. In queste ore ho avuto conferma di due cose: che i politici non hanno il polso della società, del Paese reale; e che c’è una quantità incredibile di persone che prova odio puro per Equitalia e per lo Stato. I cittadini lo considerano alla stregua di una forza d’occupazione».
 Paese assediato Un Paese sotto assedio diviso da mille contraddizioni, ma unito dai debiti. E dal rancore per Equitalia. «Il disprezzo per Equitalia è comprensibile perché l’agenzia è in prima linea, ma in fondo è solo il collettore finale. Non fa altro che riscuotere cartelle che altri gli chiedono di incassare». Per gli italiani, però, il mostro succhiasangue è l’agenzia. I tanti “suicidi da crisi” di quest’anno sono tutti riconducibili all’arrivo di una cartella esattoriale. «So bene cosa accade: mani sudate, stress, agitazione. La gente è terrorizzata».
Sfiducia in Supermario De Falco racconta che da tre anni la situazione è drammatica, ma l’arrivo di Monti sembra aver dato il colpo di grazia. «La prima impressione sul nuovo premier era stata molto positiva», racconta, «ma la seconda è che non sappia cosa fare. Non si può risolvere tutto con le tasse, basta con le scelte impopolari, occorrono quelle popolari. Siamo sull’orlo del baratro». Per l’avvocato tensioni profonde sono alle porte e, anzi, non si spiega come mai non sia ancora esplosa la rivolta. «Il Paese sta morendo, si sta prosciugando. A soffrire di più, paradossalmente, è il profondo Nord. Qui, al Sud, di fabbriche e imprese da chiudere ce ne sono poche. Siamo abituati alla crisi da sempre. Gli unici che resistono sono le aziende farmaceutiche». Certo, lo stress fa ammalare le persone.



fonte



2 commenti:

Anonimo ha detto...

Equitalia è una "strana" Azienda privata di Stato.

Cosa ci fa un Giuseppe Del Vecchio in una struttura come Equitalia con mansioni così vicine alla presidenza da farlo apparire come un "Tavaroli" della situazione?

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2009/12/04/intercettazioni-inchieste-il-progetto-top-secret-di.html


http://www.gruppoequitalia.it/equitalia/opencms/it/gruppo/chisiamo/organigramma/

Ci vorrebbe un giornalista di inchieasta che si occupasse di questa anomalia.....

alessandro bianchi ha detto...

Sono una vittima di un potere "occulto", come definisce lui d'essere parte dei servizi segreti, di questo "signore" (con la "s" minuscola. Nipote dell'ex procuratore capo di Milano, Manlio Minale (che ufficialmente lo disconosce) Gestisce svariati Commissariati di Milano dove i loro dirigenti si inchinano a cotanto potere per ottenere in cambio di essere ammessi nell'AISE. E' una storia vecchia di Millantatori e puttane dove certi personaggi ricavano utili da capogiro e ottengono favori Pseudo istituzionali da Prostitute di Pubblica Sicurezza che in cambio ricevono "denari" e promesse di avanzamenti. Chi vuole contattarmi mi trova disponibile a raccontare tutta una storia di verità su questo squallido personaggio.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi