Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta esteri governo economia editoriale scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi libertà forze dell'ordine scienza censura lavoro cultura berlusconi infanzia animali chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie europa carceri satira scuola eurocrati immigrazione facebook banche euro grillo renzi manipolazione mediatica pensione bilderberg mondo alimentari signoraggio razzismo manifestazione finanza sovranità monetaria massoneria debito pubblico guerra travaglio Russia disoccupazione tasse militari poteri forti UE ucraina trilaterale geoingegneria germania parentopoli Grecia siria banchieri mario monti inquinamento enrico letta marijuana vaccini big pharma napolitano nwo obama Traditori al governo? agricoltura ogm Angela Merkel austerity sondaggio tecnologia bambini canapa cancro meritocrazia umberto veronesi vaticano armi fini suicidi BCE PD equitalia terrorismo clinica degli orrori privacy video nucleare prodi boston israele ministero della salute sovranità nazionale bancarotta eurogendfor fondatori del sito globalizzazione iene monsanto staminali INPS Putin droga acqua bufala marra matrimoni gay nigel farage nikola tesla politica anatocismo elezioni evasione fisco magdi allam moneta pedofilia troika usura FBI africa francia fukushima informatitalia.blogspot.it ricchi società Aspen Institute Auriti CIA Giappone adam kadmon attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact fmi giuseppe uva golpe lega nord nsa petrolio sicilia stamina foundation terremoto Cina Onu assad controinformazione crimea frutta giovanardi goldman sachs imposimato m5s mcdonald mes psichiatria rifiuti rockfeller rothschild sciopero servizi segreti slot machine spagna svendita terra torture turchia violenza Marco Della Luna aldo moro arsenico barnard bonino edward snowden famiglie fed forconi inciucio laura boldrini magistratura nato no muos no tav palestina proteste storia suicidio università vegan virus 11 settembre 9 dicembre Fornero Ilva Muos NASA Svizzera Unione Europea aids alan friedman alimentazione antonio maria rinaldi borghezio carne casaleggio chernobyl corruzione corte europea diritti uomo delocalizzazione diffamazione disabili ebola educazione elites esercito farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv illeciti bancari illuminati india influencer informazione iraq islam islanda latte legge elettorale marò microspia mmt paola musu precariato prelievi forzoso privilegi propaganda prostituzione radioattività salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati sovranità individuale spread stati uniti stefano cucchi taranto ungheria veleni verdura Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento alluvione amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio brevetto btp by cambiamento camorra cannabis capitalismo carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani davide vannoni dell'utri denaro dentista dentisti denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dittatura dogana domenico scilipoti donne dossier duilio poggiolini ebook egitto elettrosmog eroina eurexit europarlamento fallimento false flag fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giustizia sociale gold hollande ignazio marino ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie maratona mariano ferro marine le pen mario draghi mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura nuovo ordine mondiale obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore riserva aurea risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione sert sfratto sisa snowden speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse telefono cellulare teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati vegetariani vessazioni vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 14 maggio 2012
Adinolfi - Il testo del volantino del Fai
Qui sotto il testo del volantino inviato al Corriere della Sera per rivendicare l'attentato a Roberto Adinolfi, gambizzato lunedì scorso...


Il marchio della Vita
Cercando una via immaginifica alla distruzione dell'esistente


Le idee nascono dai fatti, le parole accompagnate dall'azione portano il marchio della vita. Abbiamo azzoppato Roberto Adinolfi, uno dei tanti stregoni  dell'atomo dall'anima candida e dalla coscienza pulita. Roberto Adinolfi ingegnere nucleare, amministratore delegato in carica dell'Ansaldo Nucleare, ha guidato in qualità di direttore tecnico il consorzio Ansaldo Fiat, creato per la progettazione degli impianti italiani di Montalto di Catro e di Trino Vercellese, in passato ha collaborato al rimodernamento del fu Superphenix e ha costruito gli impianti a Cernavoda in Romania. Prima che il nucleare ricadesse in disgrazia, è stat tra i maggiori responsabili insieme a Scajola del rientro del nucleare in Italia. Membro della commissione Unicem per la normativa nucleare e vice presidente della Società Nucleare Italiana, componente del Governing Board della piattaforma tecnologica europea Sustainable Nuclear Energy. Pur non amando la retorica violentista con una certa gradevolezza abbiamo armato le nostre mani, con piacere abbiamo riempito il caricatore. Impugnare una pistola, scegliere e seguire l'obiettivo, coordinare mente e mano sono stati un passaggioobbligato, la logica conseguenza di un'idea di giustizia, il rischio di una scelta e nello stesso momento un confluire di senzazioni piacevoli.
Un piccolo frammento di giustizia, piombo nelle gambe per lasciare un imperituro ricordo di quello che è ad un grigio assassino.

L'obiettivo è uno scienziato incolore, un tecnico, parola tristemente di moda in questi tempi che dieetro una fittizia neutralità nasconde la longa manus del capitale, un dirigente poco incline a comparire alla ribalta, nello stesso tempo un responsabile scellerato che non solo ha progettato e rimodernato centrali nucleari che hanno fatto e continuano a fare morti in giro per il mondo.
Non solo ha progettato od ha collaborato nella gestione di centrali mortifere ma ne ha promosso l'impianto e lo sfruttamento con l'Ansaldotramando con i singoli governi; scienza, politica ed economia in perfetto connubio. La scienza nei secoli passati ci aveva promesso l'età dell'oro, oggi ci sta conducendo per mano verso l'autodistruzione e la più totale delle schiavitù.
Il binomio scienza-tecnologia non è mai stato al servizio dell'umanità, nella suia più profonda essenza mostra il bisogno impellente di eliminare tutto ciò che è irrazionale, di disumanizzare, annichilire, di fatto distruggere l'umanità.
Il capitalismo con l'aiuto della scienza tende ad annullare i conflitti, gli individui oggi sono liberi di realizzare la propria soggettività solo attraverso il consumo e la produzione di merci. La macchina ordina, l'uomo esegue. Il capitale ordina, il consumatre consuma. La scienza ordina, la tecnologia uccide. Stato e scienza, capitalismo e tecnologia sono una cosa sola, un unico solo moloch. Accordi sempre più stretti tra stati, capitalisno diffuso, scienza senza scrupoli, tecnologia criminale stanno uccidendo inesorabilmente il pianeta. A pochi chilometri da noi in Francia, Svizzera, Romania le centrali nucleari non si contano più. Nella sola Unione Europea ve ne sono centonovantasette, dodici a ridosso dei confini italiani. Adinolfi lo sa bene è solo questione di tempo ed una Fukushima europea mieterà morti nel nostro continente. Siamo certi ingegnere che mai nemmeno per un secondo ti sei sentito corresponsabile di tale spada di Damocle sulle nostre teste. Ti diamo una cattiva notizia ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria, è la tua fisica che c'è (errore reale) lo insegna. Con questa nostra azione ti restituiamo una piccolissima parte delle sofferenze che tu uomo di scienza stai riversando sul mondo. Roberto Adinolfi uomo di punta dell'Ansaldo Nucleare tentacolo della Finmeccanica, mostruosa piovra artificiale. I suoi tentacoli ovunque si strangola uccide e opprime. Finmeccanica vuol dire Ansaldo Energia con le sue tombe nucleari. Finmeccanica vuol dire Ansaldo Breda con i suoi treni ad alta velocità che devastano il territorio. Finmeccanica vuol dire Selex Sistemi Integrati, Dirstechinical Service Inc. Elsac (errore reale) Datamat con i suoi equipaggiamenti della polizia razzista statunitense per il controllo dei confini messicani, con il suo delirante progetto di muro elettronico al confine della Libia contro i migranti, e le sue sofisticate forniture elettroniche ai carabineros cileni. Finmeccanica vuol dire Avio Alenia, Galileo e Selex con i suoi mortali caccia bombardieri F35, e i terribili droni aerei senza piloti. Finmeccanica vuol dire poligono interforze del Salto di Quirra in Sardegna. Finmeccanica vuol dire bio e nano tecnologie. Finmeccanica vuol dire morte e sfruttamento, nuove frontieredel capitalismo italiano. Gli esseri umani sono fatti di carne e sogno. Il nostrio sogno è quello di un umanità libera da ogni forma di schiavitù , che cresca in armonia con la natura. Un sogno che rendiamo vivo nel momento in cui lottiamo per realizzarlo. Questo sogno ha per noi un nome "anarchia" e siamo disposti a giocarci tutto per realizzarlo. Non siamo soli in questa avventura, in tutto il mondo una nuova anarchia è sbocciata al fianco di un anrch-ismo ideologico e cinico, un anarch-ismo svuotato da ogni alito di vita che solo nella teoria e nel presenzialismo ad assemblee e manifestazioni trova la sua realizzazione, il tutto invigliacchito da un cittadinismo che puzza di morte. Una nuova anarchia è sorta dalle macerie di questo anarch-ismo, mille e mille nuclei sparsi per il mondo che parlano tra di loro attraverso mille e mille azioni. Damiano Bolano, Giorgos Nikolopoulos, Panayiotis Argyrou, Gerasimos Tsakalos, Michalis Nikolopoulos, Olga Ikonomidou, Christos Tsakalos, Haris, Hatzimichelakis la cellula dei membri prigionieri delle CCF/FAI sono stati questi fratelli e questa sorella a darci la determinazione ed il coraggio di lottare, la loro coerenza e progettualità ci hanno fatto forti. Camenish, Pombo da Silva, Eat e Billy, Tortuga, Silva, Costa, Billy e tanti altri prigionieri nelle carceri di mezzo mondo, Russia, Messico, Cile, Indonesia, Svizzera, Stati Uniti sono stati loro a insegnarci a non avere paura delle galere. De Blasi, Pinones, Di Napoli, Cinieri, Morales, Sole, Baleno e i tanti uccisi dalla repressione statale sono stati loro a insegnarci a non aver paura delòla morte. Sono state le sorelle e i fratelli a noi sconosciuti della FAI/FRI italiana che ci hanno preceduto a darci una concreta prospettiva organizzativa informale. Con la loro determinazione, costanza e testardaggine, a dispetto del pessimismo generale, contro una critica-critica sempre piena di livore, contro un realismo  se nza speranza , contro tutto e tutti sono riusciti a tenere accesa la fiaccola del nuovo anarchismo. Fiaccola diventata luminosa come il sole quando le sorelle e i fratelli delle CCF hanno appotato il loro contributo di coraggio-azione-organizzazione. Se fossimo stati realisti non avremmo armato le nostre mani. Se fossimo stati realisti non affronteremmo tanti rischi, vivremmo le nostre esistenze producemndo, consumando, magari indignandoci. Siamo dei folli amanti della libertà e mai riunceremo alla rivoluzione, alla distruzione completa dello stato e delle sue violenze. nella nostra rivolta anarchica e nichilista la speranza di un futuro senza confini, guerre, classi sociali, economia, sfruttati e sfruttatori. La possibilità di concretizzare questo sogno e (errore reale, ndr) per noi come un bagliore di luce nell'oscurità. Pe (altro errore, ndr) quanto sia lieve questo bagliore vale sempre la pena di tentare, costi quello che costi, la qualità della nostra vita ne sarà sempre arricchita. A voi anarchici che ci accusate di essere velleitari, avventuristi, suicidi, provocatori, martiri diciamo che con le vostre lotte "sociali" con il vostro cittadinismo lavorate al rafforzamento della democrazia. Sempre alla ricerca del consenso, senza mai oltrepassare i limiti del "possibile" e del "razionale", l'unica bussola delle vostre azioni il codice penale. Disposti a rischiare solo fino ad un certo punto sempre pronti a trovare infinite giustificazioni ideologiche pur di non ammettere le propei paure. Siamo sicuri che un giorno avrete l'ultima parola anche su di noi, come in passato l'avete avuta su altre esperienze di lotta armata. Tra qualchje anno scriverete un bel libro sulla nostra storia, criticando i nostri errori e le nostre mancanze, dall'altezza della vostra "coerenza" non si è mai abbastanza rivoluzionari, ma nessuno neppure voi, potrà toglierci ilpiacere che oggi proviamo ad aver realizzato pienamente e vissuto qui e oggi la nostra rivoluzione. Se ci soffermiamo sulle vite della stragrande maggioranza di noi anarchici ci rendiamo conto che non sono  così tanto lontane dall'alienazione di chi consuma, produice e crepa. Produciamo e consumiamo cultura radicale e musica alternativa e lentamente molto lentamente crepiamo senza mai aver impugnato un'arma o colpito un oppressore. Tutta la nostra tensione rivoluzionaria si sfoga in articoli infuocati per i nostri giornali e siti, in testi infuocati per le nostre canzoni e qualche sporadico scontro di piazza tanto per mettere a tacere la  propria coscienza. Sia ben chiaro che è un autocritica quella che facciamo, non ci sentiamo così diversi dagli altri anarchici. Impugnando una stupida pistola abbiamo solo fatto un passo in più pper uscire dall'alienazione de "non è ancora il momento...", "I tempi non sono maturi...". Vincere la paura è stato più semplice di quello che ci eravamo immaginati. realizzare oggi quello  fino a ieri ci sembrava impossibile  è l'unica soluzione che abbiamo trovato per abbattere il muro dell'oppressione quotidiana, dell'impotenza e della rassegnazione che ci hanno visti fino ad ora come pedine di un anarchismo insurrezionalista di facciata, che con la sua mancanza di coraggio legittima il potere. Potevamo colpire alla ricerca del "consenso" lì dove il dente duole per esempio qualche funzionario dell'Equitalia, ma con questa azione non siamo alla ricerca di "consenso".
Quella che adesso cerchiamo è complicità. In un passato recente un nucleo della FAI/FRI lo ha fatto ferendo gravemente una diffusa approvazione, cosa che gli anarchici autodenominatosi "sociali" in questi anni hanno infinite volte tentato di raggiungere senza mai riuscirsci. I fratelli ele sorelle del "Nucleo Free Eat e Billy" ci hanno dimostrato con quell'azione che tutto sommato la coerenza paga e che non c'è bisogno di limitarsi nelle azioni per ottenere "consenso". Questi compagni hanno scrollato dalle nostre spalle una maledizione che sta pesando da troppo tempo sulle spalle degli anarchici, la maledizione di quella mal interpretatat ricerca di consenso sociale che lega le mani di quanti sono consapevoli dell'urgenza dell'agire, qui ed ora. In questi tempi in cui tante certezze dello stato capitale stanno naufragando l'idea di libertà non ammette deroghe: l'idea di sociale in lotta in cui ci riconosciamo e vogliamo muoverci è quella di un popolo in armi contro ogni forma di oppressione statale, politica, economica. Nonconsideriamo un referente i cittadini indignati per qualche malfunzionamento di un sistema di cui vogliono continuare ad essre parte. Scambiare rabbia ed indignazione per un processo di rivolta allo status quo è segno di una pericolosa miopia rivoluzionaria. Fa invischiare compagni/e anche generosi nella coltivazione di un orticello di democratico dissenso, con le sue piccole cricche e consorteriei suoi politicanti in sedicesimo, la generosità che si trasforma in assistenzialismo, la spettacolarizzazione dello scontro con relative manipolazioni mediatiche. Solo la radicalizzazione del conflitto può condurre a percorsi di libertà individuale e sociale. Individuare  l'obiettico, "colpire dove più nuoce", saper riconoscere il nemico anche quando veste i panni dell'agnello. Far lavorare di pari passo le armi della critica ela critica delle armi. Non c'è nè retorica nè spettacolo in un'azione portata a termine con l'adeguata scelta di strumenti ed obiettivo. Con questa azione diamo origine al "Nucleo Olga". Con entusiasmo aderiamo alla FAI/FRI, unendoci ai tantissimi gruppi della nuova internazionale anarchica sparsi per il mondo, Messico, Cile, Perù, Argentina, Indonesia, Russia, Inghilterra, Italia, Spagna, Grecia... A progettare e realizzare questa azione sono stati degli anarchici senza alcuna esperienza "militare", senza alcun specialismo,  solo degli anarchici che con questa nostra prima azione vogliono segnare definitivamente un solco tra loro e anarch-ismo infuocato solo a chiacchiere e intriso di gregarismo. Abbiamo preso il nome di una nostra sorella delle CCF, Olga Ikonomidou perchè nella coerenza e forza dei componenti della "Cellula dei membri prigionieri delle CCF/FAI" risiede il cuore della FAI/FRI.
Nelle nostre prossime azioni, il nome degli altri fratelli greci un azione per ognuno di loro. Con il ferimento di Adinolfi proponiamo una campagna di lotta ciontro Finmeccanica piovra assassina. Oggi Ansaldo Nucleare domani un altro dei suoi tentacoli, invitiamo tutti i gruppi e singoli FAI a colpire tale mostruosità con ogni mezzo necessario.
Lunga vita alle cospirazione delle cellule di fuoco
Lunga Vita alla FAI/FRI
Viva l'anarchia!


Nucleo Olga FAI/FRI 



1 commenti:

Anonimo ha detto...

SEMBRA LO SFOGO DI UN BULLETTO UBRIACO,ALTRO CHE GRUPPO ANARCHICO. UN MARE DI CAGATE SPARSE PER CREARE CONFUSIONE E METTERE IN CATTIVA LUCE NOI CHE PROTESTIAMO IN MANIERA CORRETTA ED EFFICACE,ORMAI E' CHIARO. INVENTANDO BUFFONATE SIMILI CE LO CONFERMANO OGNI GIORNO. CI TEMONO E NON SANNO COME AFFRONTARCIIII!!! E'UNA GODURIA VEDERLI CADERE COSì IN BASSO.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

In quale IDEOLOGIA ti riconosci di più?

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi