Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 11 maggio 2012
Tragedia a Caltanissetta: l'uomo aveva problemi di salute e non riusciva più a svolgere la sua professione. Altri due tentativi di suicidio per difficoltà economiche a Torino e Porto Torres: un imprenditore è all'ospedale, un disoccupato è stato bloccato da un passante
Un altro suicidio per difficoltà economiche a Caltanissetta, mentre in due hanno provato di togliersi la vita. Il primo caso di tentativo, più serio, a Torino dove un imprenditore è in fin di vita dopo essersi sparato un colpo alla testa, mentre il secondo è avvenuto a Porto Torres dove un disoccupato ha minacciato di darsi alle fiamme ma è stato bloccato.  

Giovanni Vancheri, 54 anni si è ucciso dandosi fuoco all’interno della sua auto in provincia di Caltanissetta. Si apprende che da alcuni anni soffriva di depressione dopo essere stato colpito da problemi di salute e quindi non era pienamente in grado di svolgere la sua professione di idraulico. Inoltre gli erano arrivate bollette e cartelle esattoriali che non sapeva come pagare. I carabinieri continuano comunque le indagini per vagliare eventuali altre ipotesi. La macchina era parcheggiata all’interno della villetta in cui l’uomo abitava con la sua famiglia, in contrada Portella Bifuto.
Un imprenditore di 73 anni, invece, Mario Trombone, ha cercato di uccidersi stamani sparandosi un colpo di pistola alla testa nel suo ufficio, a Torino. L’uomo è stato ricoverato all’ospedale Cto del capoluogo piemontese in gravi condizioni e verrà sottoposto ad un intervento chirurgico per l’estrazione del proiettile. In un biglietto lasciato ai familiari ha raccontato di voler togliersi la vita perché non sapeva più come far andare avanti la sua impresa, un’azienda di facchinaggio, perchè era oppresso dalle tasse.
Porto Torres, un disoccupato di 50 anni, con moglie e tre figli da mantenere, ha tentato di darsi fuoco dopo essersi legato con una catena a un’auto del comune. L’uomo con un accendino in mano stava per cospargersi di liquido infiammabile quando un passante ha chiamato il 113. Sul luogo sono intervenuti vigili del fuoco e la polizia che hanno evitato il peggio. Ha spiegato il suo gesto per le difficoltà incontrate ad ottenere un lavoro dopo che aveva ricevuto rassicurazioni a riguardo.

fonte


0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi