Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

venerdì 6 aprile 2012

Uccide un uomo guidando l’auto con un tasso alcolico di 1,35 e ad elevatissima velocità: non farà neanche un giorno di carcere. L’AIFVS chiede un decreto legge che garantisca subito la congruità della 
pena. Il Gup Vittorio Anania del Tribunale di Palermo ha accolto il 3 aprile scorso una richiesta di patteggiamento con il consenso del Pm Ennio Petrigni, ritenendo congrua la pena finale di anni 1 e mesi 11, addirittura con la sospensione condizionale della pena e le attenuanti generiche, nonostante il manifestato vivo dissenso dei familiari superstiti e dell’AIFVS ammessi parte civile.
A nulla è valsa la campagna di sensibilizzazione avviata a Palermo ed in Sicilia proprio dai familiari della vittima in collaborazione con il Giornale di Sicilia per una pena giusta.
L’allarmante sentenza che non garantisce la congruità della pena rispetto alla gravità del reato e alla mancata eliminazione delle conseguenze dannose, evidenzia che i pubblici ministeri prima ed i giudici poi ignorano e sviano il pensare ed il sentire della intera comunità
nazionale, che chiede nei confronti della criminalità stradale, che guida in modo azzardato e temerario e in stato di ubriachezza, certezza della pena da espiare in carcere ed addirittura l’istituzione del reato specifico di omicidio stradale. I Pubblici Ministeri ed i magistrati non si avvalgono delle possibilità offerte dalla legge esistente che già prevede un massimo della pena di dieci anni se il fatto è commesso da soggetto in stato di ebbrezza alcolica. Sentenze come quella di Palermo esprimono un modo burocratico di affrontare i problemi totalmente distante dalla aumentata e diffusa sensibilità sociale e dall’impegno delle Autorità e delle massime cariche dello Stato di fronte al recente allarme lanciato dalla Commissione Europea, non considerano la macroscopica gravità degli eventi dannosi derivanti dalla circolazione stradale e dell’aumentato costo sociale di 30 miliardi di euro l’anno, non correlano una adeguata interpretazione della norma che disciplina il delitto di omicidio con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale e, stabilendo pene non congrue, costituiscono una ulteriore grave offesa nei confronti del dolore dei familiari per l’irreparabile perdita di valore umano subita a causa di un comportamento criminale alla guida. L’Aifvs prova sconcerto di fronte a sentenze che non riescono più ad interpretare le esigenze di giustizia della società civile e per
contrastare il fenomeno di delegittimazione della giustizia pubblicherà un libro bianco che raccoglierà sentenze ingiuste e scritti in atti giudiziari intollerabili. La Aifvs chiede al Ministro della Giustizia di intervenire imponendo senso di responsabilità ai pubblici ministeri ed ai magistrati nelle pronunce contro la criminalità stradale, ed al Presidente del Consiglio di emanare senza ritardo un decreto legge che inasprisca le pene e riduca la distanza tra il minimo ed il massimo con riferimento all’articolo Omicidio Colposo 589 del codice penale, specialmente nei confronti di soggetti che guidano in modo azzardato e temerario e così garantisca subito la congruità della pena rispetto al bene giuridico costituzionalmente protetto della vita in tema di circolazione stradale.

Giuseppa Cassaniti Mastrojeni
Presidente AIFVS


fonte


1 commenti:

Anonimo ha detto...

Una vergogna, ma non mi stupisce(e questo è il peggio)! Siamo in un paese in cui i giudici, e magistrati in generale, possono permettersi di emettere sentenze ridicole in tutta tranquillità, senza timore, visto che sono pressoché intoccabili. Il popolo italiano aveva già espresso la sua volontà sulla responsabilità civile dei giudici con un referendum, che è stato ignorato totalmente! Basta allo strapotere delle toghe, lercie come la casta politica!

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi