*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 28 aprile 2012

Trovata morta, uccisa dal fidanzato Vanessa, scomparsa il 24 Aprile a Enna

Trovata morta la giovane 20enne scomparsa il 24 Aprile ad Enna, di cui avevamo pubblicato gli appelli del padre. E' stata uccisa dal convivente per gelosia dopo un banale litigio.


(AGI) - Enna, 27 apr. - E' stato uno stratagemma degli investigatori a far crollare Francesco Lo Presti, l'uomo di 34 anni accusato di aver ucciso la convivente Vanessa Scialfa, la ventenne sparita il 24 aprile e trovata morta ieri pomeriggio a Enna. Ieri mattina, quando ormai era chiaro che Vanessa non si era allontanata volontariamente, gli uomini della Squadra mobile di Enna avevano intercettato Lo Presti nei pressi del Palazzo di Giustizia. Appariva confuso e una volta condotto in questura ha chiesto di essere accompagnato a Catania, in un posto dove era stato insieme alla fidanzata. "Ho fatto una fesseria", avrebbe detto ad un certo punto. Allora chi lo stava interrogando ha "giocato una carta": fingendo di volerlo tranquillizzare, gli ha detto che Vanessa era stata trovata e che aveva fatto ritorno a casa. Sull'abilita' degli investigatori della Mobile e' arrivata la svolta. Lo Presti e' scoppiato in lacrime, dicendo che non era possibile, che Vanessa non sarebbe tornata mai piu', e ha confessato. L'uomo ha poi condotto il capo della Squadra Mobile, Giovanni Cuciti, ed i suoi uomini sul cavalcavia dal quale aveva lanciato il corpo di Vanessa avvolto in un lenzuolo.

  Il cadavere era finito tra fitta vegetazione della scarpata sottostante, da dove e' stato recuperato. L'uomo aveva fatto un piano preciso dopo il delitto delle fidanzataLiberatosi del cadavere della ragazza era tornato a casa e aveva rimesso tutto in ordine. Avrebbe riposto gli oggetti e gli indumenti che Vanessa aveva frettolosamente raccolto e che voleva portare via, probabilmente decisa a lasciare l'uomo col quale conviveva da circa 3 mesi. Quindi aveva cominciato a fingere di cercarla anche presso i familiari, spiegando che c'era stato un banale litigio al termine del quale Vanessa era uscita senza portare con se neanche la borsetta ed il cellulare. Sentito dai carabinieri dopo la denuncia di scomparsa, aveva dato la stessa versione. Lasciato il comando provinciale dell'Arma, Lo Presti aveva fatto perdere le sue tracce, fino a che la polizia non lo ha fermato ieri mattina nelle vicinanze del tribunale.

fonte: AGI

Secondo le ultime notizie rilasciate da adnkronos al momento dell'omicidio, il convivente di Vanessa sarebbe stato sotto effetto di sostanze stupefacenti


Nome

Email *

Messaggio *