*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 25 aprile 2012

Sempre più austerity: ora anche la tassa di imbarco sugli aerei

Altro che crescita, e altro che equità! Il governo Monti conosce soltanto una cosa: il rigore. E si prepara a rifliraci l'ennesima batosta fiscale, che ci costerà ben 2.500 euro all'anno.
Le tasse già introdotte con i vari decreti "Ammazza-italiani" nei prossimi mesi si moltiplicheranno a dismisura, frazionandosi in una serie di piccole e grandi imposte che costringeranno la gente a indebitarsi ancora di più. Diamo un'occhiata per un momento alla sfilza di tributi che paghiamo: Imu, la nuova tassa sulla casa, acqua, luce, gas, e raccolta rifiuti, passando per il caro-carburanti e l'aumento dell'Iva previsto dopo l'estate. Ce n'è abbastanza da scoraggiare qualsiasi contribuente onesto.
Ma a questi già gravosi tributi, il governo ha aggiunto due tasse nuove di zecca, particolarmente odiose: la tassa di imbarco sugli aerei e la tassa di sbarco sulle isole minori. Con i viaggi aerei si contribuirà a finanziare, in parte, la riforma del lavoro: è stata infatti introdotta l'addizionale comunale sui diritti di imbarco sugli aerei, che dal primo luglio 2013 aumenterà di 2 euro il biglietto per ogni passeggero.

I Comuni delle isole minori avranno invece mano libera nell'istituire un'imposta di sbarco fino a 1 euro e mezzo (che dovrebbe essere alternativa alla tassa di soggiorno). Un provvedimento, è spiegato nell'emendamento al decreto fiscale approvato in Commissione alla Camera, che servirà a finanziare "interventi in materia di turismo, beni ambientali e culturali, e servizi pubblici locali". E in più si staglia all'orizzonte una nuova "tassa di scopo", con cui i Comuni dovrebbero finanziare nuove opere pubbliche, strade, parcheggi. 
Come si vede, una raffica di vecchie e nuove imposte capace di impoverire chiunque. No di certo, però, i membri del governo e della Casta, che stanno cercando di raggiungere l'obiettivo del pareggio di bilancio, appena trasformato in norma costituzionale, asfaltando a colpi di tasse i redditi dei cittadini. 



fonte


SORDI ha detto...

MEGLIO !!! ANDIAMO A PIEDI, COSI' FALLISCONO ANCHE LE SOCIETA' DI TRASPORTO CON IMMENSA FELICITA' DEI NOSTRI GOVERNANTI E DI CHI LI SOSTIENE !!!

Anonimo ha detto...

ma quale a piedi!!! noi! italiani a piedi? Il problema è che chi prova a fare la rivoluzione..... ahhhhh che delinquente!!! non si bruciano le macchine della polizia!!! ahahahahha che idiozie diciamo? ma secondo voi la rivoluzione si fa con i pasticcini? l festini in piazza ci pensa la classe politica... Noi intanto aspettiamo che l'italia ci crolli addosso dopo di che riiniziamo con una classe politica che siuramente sarà occupata dai flgi degli stessi politici di oggi e ricomincerà il ciclo!!! l'Italia è questa e l'italiani sono cosi... nn ci illudiamo di cambiare le cose. Noi siamo abituati a farci cambiare le cose come vogliono gli altri. La storia e le guerre mondiali ci insegnano che l'italia è una nazione opportunista e traditrice... Viva l'italia!! o si ama o si odia per quello che è... io sono uno che la ama!

Anonimo ha detto...

E certo, Monti e compagnia hanno bisogno di abbuffarsi di caviale, poveretti!

Anonimo ha detto...

MA CHISSA', FORSE E' GIUSTO CHE GLI ITALIANI CONTINUANO A PAGARE TASSE SU TASSE, VISTO CHE ANCORA FACCIAMO FINTA CHE TUTTO VADA BENE!!!!!!!!!!

Nome

Email *

Messaggio *