Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

giovedì 12 aprile 2012
di Bruno Ruggiero

LA SANITÀ pugliese, tra le prime voce per importanza dell’economia regionale, si rivela ancora una volta l’autentica mina vagante per la politica. Dopo i faccendieri e i parlamentari locali che nell’era Berlusconi hanno creato guai sia alla maggioranza sia all’opposizione a livello nazionale, ora tocca al Governatore Nichi Vendola, leader di Sel, fare i conti con i risvolti oscuri dei camici bianchi. E’ lo stesso presidente della Regione ad annunciarlo in una conferenza stampa, convocata d’urgenza dopo aver ricevuto dalla Procura di Bari l’avviso di conclusione delle indagini preliminari per la vicenda in cui deve rispondere di concorso in abuso d’ufficio: avrebbe favorito la nomina del professor Paolo Sardelli, primario di Chirurgia toracica all’ospedale San Paolo del capoluogo pugliese. Ad accusarlo, Lea Cosentino, ex dirigente dell’Asl Puglia, indagata nello stesso procedimento e anche lei destinataria dell’avviso che precede di poco la richiesta di rinvio a giudizio. «Non ti preoccupare di questa cosa! Ti copro io!»: è la frase che, secondo la procura di Bari, Vendola disse tra il settembre 2008 e l’aprile 2009 alla Cosentino preoccupata alla richiesta del presidente di riaprire i termini di presentazione delle domande per l’incarico di Direttore medico.

«MI DICHIARO assolutamente sereno, come sempre in passato: perché ogni mia azione è stata sempre improntata a garantire la trasparenza», ha esordito Vendola aggiungendo che «l’accusa nasce solo dalle dichiarazioni della dottoressa Cosentino». Soprannominata ‘Lady Asl’ quando emerse il suo coinvolgimento nello scandalo malasanità, secondo quanto ha riferito lo stesso Vendola la donna «asserisce che all’origine di questa mia veemente interferenza ci sarebbe l’amicizia con il professor Paolo Sardelli, elemento questo che è stato già autorevolmente smentito nei mesi scorsi dal professor Sardelli medesimo». «Ma io — ha precisato il Governatore — a questo concorso, come a tutti i concorsi, mi sono interessato nella misura di chiedere che fossero concorsi veri, che avessero una platea credibile di partecipanti e che potesse vincere il migliore». «Questa è una Regione strana, perché vincono i più bravi, ho ricevuto un’accusa da chi è animato da risentimento nei miei confronti». Una postilla: «L’indagine non mette in dubbio la qualità del professor Sardelli, che peraltro non è coinvolto nell’inchiesta». Non mancano, nell’autodifesa di Vendola, le citazioni da altri capitoli del corposo dossier sanità in Puglia. «Quanto alla posizione del presidente Vendola — scriveva il gip in un’ordinanza di archiviazione — gli stessi commenti che formulano i soggetti interessati, Tedesco e Lea Cosentino, dimostrano l’assenza non solo di condotte, ma ancor prima di finalità e obiettivi dell’azione politica che possano in qualche modo dimostrare l’esercizio di pressioni e condizionamenti dell’attività istituzionale». Mentre l’imprenditore ‘Gianpi’ Tarantini, il principale imputato del filone, avrebbe dichiarato: «La dottoressa Cosentino era terrorizzata dal fatto che Vendola potesse sapere che commetteva illeciti».

fonte


0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi