Pedofilia: Ministro tedesco attacca Vaticano, Merkel corre ai ripari

BERLINO - In un clima già teso, la Germania ha rischiato - di nuovo - l'incidente diplomatico con la Santa Sede. La ministra della Giustizia tedesca ha accusato il Vaticano di avere, di fatto, ostacolato le indagini delle autorità sugli episodi di abusi sessuali commessi negli anni passati in scuole cattoliche del Paese. La cancelliera Angela Merkel (Cdu) è però corsa subito ai ripari affermando pubblicamente che la Chiesa prende «molto seriamente» questa questione. Il Vaticano, da parte sua, non ha inteso commentare in alcun modo l'episodio.

Per la seconda volta in meno di due settimane Berlino e il Vaticano hanno rischiato di arrivare ai ferri corti. E al centro di entrambi gli episodi c'è la ministra della Giustizia, Sabine Leutheusser-Schnarrenberger (CDU).

«In numerose scuole e istituti c'è stato un muro di silenzio», ha detto la Guardasigilli a una radio tedesca commentando i casi di abusi emersi nel Paese nelle ultime settimane.
Gli abusi che sarebbero stati commessi negli anni Sessanta anche nell'ambiente del coro di ragazzi di Ratisbona hanno sfiorato lo stesso fratello del papa, Georg Ratzinger. Non sorprende, quindi, che la Merkel abbia 'corretto' in gran fretta la sua ministra. «La Chiesa cattolica prende la questione degli abusi molto seriamente».

fonte: ats-Ansa



Commenti

Post popolari in questo blog

DOSSIER: La famiglia più potente del mondo: i ROTHSCHILD

Incredibile, il neosindaco Raggi contesta i debiti del Comune di Roma!

Non si può pensare ai migranti come ad un problema di "degrado" o di spesa!