Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

giovedì 12 aprile 2012

di Marco Preve


Savona, monsignor Calcagno con la passione per le armi: in casa un vero arsenale. Una collezione di tredici pezzi tra fucili e pistole, d'epoca e moderni, che usa al poligono




A Savona c'è chi, in gran segreto, lo aveva soprannominato monsignor Rambo. Ma ora che la passione per le armi del cardinal Domenico Calcagno è diventata di dominio pubblico, dal Vaticano filtrano commenti, tanto anonimi, quanto imbarazzati. Il caso, infatti, coinvolge, uno dei porporati più potenti ed autorevoli, attualmente a capo dell'Apsa (Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica) ed in passato responsabile degli affari economici della Cei, la conferenza dei vescovi.


Accade, infatti, che monsignor Calcagno, 68 anni, occhi placidi e fisico da prete di campagna, sia proprietario di una vera e propria armeria che conta tredici tra fucili e pistole. E non si tratta degli "schioppi" ereditati da qualche parente delle sue campagne d'origine - quelle di Parodi Ligure, in provincia di Alessandria - bensì di molti pezzi da vero intenditore.

A rivelare l'anima guerriera del cardinale è stato il giornalista Mario Molinari sul sito Savonanews, dove sono state pubblicate anche copie delle denunce di proprietà e di acquisto depositate nella questura di Savona dove Calcagno è stato vescovo dal 2002 al 2007, prima di essere chiamato a ricoprire l'incarico di segretario dell'Apsa.

Ai suoi più stretti collaboratori il cardinale avrebbe manifestato stupore per l'interesse verso un aspetto che riguarda la sua vita privata. Come evidenzia anche nella denuncia, il monsignore è iscritto al tiro a segno nazionale con tessera rilasciata nel 2003 ed è anche un cacciatore. 
Nel suo appartamento in Vaticano vive con lui un segugio di razza. 

Certo è che la collezione del cardinale lascia stupiti per le caratteristiche di alcuni pezzi. Ad esempio un revolver degno dell'ispettore Callaghan come la magnum Smith & Wesson calibro 357, roba da pistoleri. Oppure la carabina di precisione per caccia grossa Remington 7400 calibro 30.06. O ancora un micidiale fucile a pompa costruito in Turchia come l'Hatsan modello Escort.

La denuncia pubblicata da Savonanews risale al 2006 quando, oltre alle armi già di sua proprietà, tra le quali un fucile da caccia appartenuto al padre, monsignor Calcagno dichiarò di aver acquistato altri sei pezzi "per uso sportivo o collezione dall'armeria Tessitore di Savona".

Un altro fucile a "due canne sovrapposte marca Gitti calibro 20" lo acquistò dall'armeria Pera. Mentre una rivoltella tedesca Arminius calibro 38 spiega di averla comprata da una parrocchiana rimasta vedova.

In un altro documento, l'allora vescovo di Savona dichiara di aver venduto anche dei fucili della sua collezione. Uno, una carabina marca Schmidt Rubin di nazionalità svizzera calibro 7,5, spiega di averla ceduta ad un altro religioso appassionato di armi, don Giulio G. nato a Bergeggi.

Infine, monsignor Calcagno tranquillizza gli agenti della questura sottolineando che "le armi sono custodite nella propria abitazione in un armadio chiuso a chiave".



fonte: "la Repubblica"



3 commenti:

Simone ha detto...

Da collezionista di armi posso assicurare che si parla di pezzi molto comuni e non rari.

Ad esempio lo shmidt rubin è giudicato noll'ambiente dei tiratori di fucili ex ordinanze come una arma poca spesa e tanta resa si parla di prezzi dai 200 ai 350 euro.

Come al solito in italia esiste la tendenza di demonizzare le armi in generale senza contare l'aspetto collezionistico che interessa persone con collezioni di numerosi pezzi e che magari neanche le usa ma si occupa solo dell'aspetto degli eventi storici e tecnologici ad esse legate.

Che poi ad usarle sia un prete o un vecovo in contrasto con l'immagine della sua carica è un altro argomento ma ricordiamoci che un appassionato di armi non è sinonimo di assassino.

Coco ha detto...

Bè, Simone hai ragione su ciò che dici: un collezionista di armi non è un assassino! concordo pienamente con te ma, qui si parla di un vescovo che nutre passione per le armi! Non credo (spero) che tali armi siano mai state usate.. ma ciò non toglie il fatto che ad un uomo di chiesa (vescovo per la precisione) siano state trovate delle armi, seppur per collezionismo.
Tali persone dovrebbero dare l'esempio ed aiutare chi ha veramente bisogno di aiuto, anzichè chiedere un'offerta per i poveri a chi già non arriva a fine mese, potrebbero dare in beneficenza i loro averi (che sono tanti) per aiutare chi soffre.. il problema è che in molti si nascondono dietro ad una tunica per comodità (ricordo che alcuni, se non la maggior parte o tutti, vanno in giro con auto blindate e super lusso).. ignorando completamente il reale compito e le mansioni che dovrebbero ricoprire.

Perdonatemi per lo sfogo, ma a molti di loro (come il 99% dei politici), li manderei a zappare la terra!!

Giacomo ha detto...

A me lascia più perplesso il fatto che vada a caccia.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi