Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

sabato 7 aprile 2012
Una confezione in circolazione su dieci è falsa. I principi attivi a rischio prodotti soprattutto in Cina e India  Nonostante i divieti, consumatori e dottori attratti dai prezzi bassi che si ottengono sul web Il traffico di fiale contraffatte rende alle mafie 150 volte più della droga

ROMA - Ha comprato il Sorbitolo su eBay, il medico di Barletta. Anche se in Italia è vietato acquistare medicine su Internet. Sono dieci anni almeno che carabinieri dei Nas, chimici dell´Aifa, esperti dell´Organizzazione mondiale della Sanità hanno accertato che il traffico di farmaci contraffatti, velenosi e spesso mortali è uno dei grandi brand - in crescita semestrale - delle criminalità globali. Ci sono studi appilati, ormai. Dicono che ogni dieci scatole di medicine che si vendono nel mondo, una è pericolosamente falsa. Dicono che in Russia e in Africa si può arrivare anche a tre scatole ogni dieci. La Federchimica situa le cifre del rischio italiano sulle aliquote internazionali: un farmaco contaminato ogni dieci, colpa dei principi attivi di bassa qualità provenienti da Cina e India.



"LegitScript", gruppo di controllo farmacologico statunitense con il più largo database mondiale, ha monitorato 40.095 "farmacie su Internet" (di oltre 232 mila siti segnalati come portatori di insidie). Bene, solo 220, lo 0,5%, sono sicure. Millecentosei sono border line. Le altre 38.768 farmacie elettroniche vendono cose come l´eparina, un anticoagulante partito dall´Inghilterra e planato negli ospedali statunitensi con un carico di 149 morti. La contraffazione era nelle sostanze base: non poteva essere intercettata dal servizio sanitario americano.

Il lavoro fatto dall´Aifa con "LegitScript" ha portato alla chiusura di cinquanta pagine Internet scritte in italiano: le farmacie illegali ormai sono "catene di negozi". Le mafie controllanti sono asiatiche, come il prodotto reperito, di bassa qualità. Spesso si associano per la distribuzione alle malavite dell´Est europeo. I server su cui sistemano le finte farmacie sono americani o canadesi mentre in Inghilterra si segnala un consistente traffico in esportazione (arrivava da lì il sorbitolo cinese che ha ucciso la donna di 28 anni). A volte i "pharma-gangsta" hanno l´impudenza di allocare il loro marchio all´interno di siti istituzionali (università, per esempio).

Il Viagra è il prodotto più commerciato in questo emporio taroccato. Lo si vende come Viagra naturale, ma le pasticche blu e gialle sono colorate con la vernice stradale. Nelle scorse settimane un uomo è stato ricoverato a Milano per colpa del "Viagra naturale", a Singapore quattro persone sono andate in coma. La Sibutramina, un dimagrante rapido, offriva un senso di sazietà precoce, è stata ritirata in tutta Europa: gli effetti collaterali erano devastanti. Nelle stagioni dell´influenza aviaria girava sui siti - ovviamente a prezzi ribassati - una copia contraffatta dell´antinfluenzale. Abbassava la febbre, non faceva altro. Poco tempo fa negli Stati Uniti è stato intercettato un carico di anti-tumorale low cost, nelle farmacie legali sarebbe costato 6 mila euro a fiala. Un Viagra da 10-12 euro a compressa, arriva dall´Asia a 70-80 centesimi. I Nas hanno spiegato come per ogni euro investito dalle nel commercio di farmaci contraffatti si generi un guadagno criminali di 2.500 euro: 150 volte più redditizio del traffico di droga.

fonte: "la Repubblica"




1 commenti:

Veronica Patrachi ha detto...

Ciao a tutti!Si,è vero che al giorno d'oggi ci sono tantissime farmacie online,però basta informarsi,inquanto è normale fare un acquisto online.
Anch'io sono andata in cerca di un farmaco per aumentare il seno,dato che non volevo per niente fare un intervento chirurgico.E troppo rischioso.Almeno per me.Non farei mai una cosa del genere.
Allora mi hanno consigliato una crema a base di erbe naturale, Love 36.L'ho trovata soltanto online su acomplia-reductil.net .
La crema mi è stata conegnata in 7 giorni.
Adesso ho il seno con un amisura in più ed è più tonico.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi