Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

martedì 24 aprile 2012
Di seguito pubblichiamo il comunicato stampa che l' "Associazione Nazionale Discontinui" - l'associazione maggioritaria che rappresenta il personale precario dei Vigili del Fuoco -  ha trasmesso alle più alte cariche dello stato e ai mass media. 


Durissima la presa di posizione del presidente dell'associazione, Mazzarella Carlo: "sembra che ci sia la volontà di smantellare il corpo dei Vigili del Fuoco e la loro professionalità, demandando il soccorso tecnico urgente a personale volontario" - "E' impossibile prestare soccorso efficacemente con alle spalle solo 120 ore di corso teorico, spesso senza alcuna esperienza sul campo"


  • Al Ministro dell’Interno
  • Al Sottosegretario di Stato all’Interno
  • Al Capo dipartimento dei VV.F.
  • Alle OO.SS Nazionali di Categoria

E per conoscenza:

  • Al Presidente della Repubblica
  • Ai Presidenti di Senato e Camera
  • Ai Capi Gruppo Senato e Camera
  • Alle testate giornalistiche e televisive

Egregi,
con la Presente, questa Associazione Nazionale Discontinui VV.F dichiarata maggioritaria per quanto riguarda la categoria, vuole render noto la totale dissociazione da quelle che sono le assurde affermazioni e richieste formulate dall’Associazione Nazionale Volontari.

Siamo sempre più convinti che il soccorso tecnico urgente non può essere demandato ai volontari. Infatti, 120 ore di corso non sono sufficienti per essere professionisti del soccorso, poichè questo tipo di intervento spesso vede la figura dei vigili del fuoco, spendersi per salvare delle vite umane, e siamo certi che se gli italiani potessero scegliere da chi essere soccorsi, la scelta ricadrebbe sicuramente sulla compagine permanente, che oltre al duro addestramento effettuato presso la S.F.B (Scuola di Formazione di Base a Capannelle), hanno alle spalle migliaia di interventi che fanno in modo di operare nel modo più adeguato.

Inoltre, è inaccettabile fare affermazioni lesive nei confronti dei colleghi permanenti e dell’immagine del Corpo stesso, in quanto leggere alcune affermazioni del tipo “ la sala operativa del comando ritarda le richieste di soccorso ai distaccamenti volontari e a volte le omette a discapito della popolazione della provincia di Torino” è veramente inaccettabile.

Riteniamo doveroso fare questo comunicato in quanto l’unificazione delle liste avute con il D.P.R. 76 del 2004 ha determinato tantissime crepe all’interno del Corpo nazionale tra le compagini discontinue.
Oggi siamo convinti che anche l’amministrazione che ci guida ha compreso l’errore fatto dai propri predecessori. Ne è testimonianza il dialogo che ha intrapreso con questa Associazione, che anche se, si nota una certa analogia con il nostro nome, ci vede totalmente diversi nelle richieste delle possibili soluzioni da adottare per il bene di tutti i Vigili Discontinui.

Cordiali Saluti

Il Presidente  dell'Associazione Nazionale Discontinui
Mazzarella Carlo


ASSOCIAZIONE NAZIONALE DISCONTINUI
COD.FISC.93064550895 INFO: mazzarellacarlo@gmail.com

Il Presidente Mazzarella Carlo (Siracusa), Il Direttivo: Luca Basso (Genova), Errico Antonio (Napoli), Solimberto Maurizio (Cosenza), Andò Rosario (Palermo), Messina Gaetano (Catania), Bertelli Mirko (Ferrara), Agnello Antonino (Palermo), Massimo Fiumara (Reggio Calabria), Buonaiuto Marzio (Salerno), Muzzolu Franco (Cagliari), Macca Salvatore (Ragusa), Federica Raimondi (Firenze) , Emanuela Melonari (Ancona), Coletti Michela (Pescara), Vincenzo Nuccio (Trapani), De Rose Gianfranco (Cosenza), Alberto D.Carovigno  (Taranto), Marucci Giuseppe e Carlo  Savoia (Benevento)





2 commenti:

Anonimo ha detto...

120 ore di corso però vi stanno bene per riscuotere 1100 euro ogni 20 giorni di richiamo...

Anonimo ha detto...

Alcune domande.
Associazione dichiarata "maggioritaria"... da chi? quanti associati? quanti di questi sono esclusivamente discontinui e quanti sono doppiolavoristi?
In certi posti capita che i volontari non vengano attivati anche per interventi nel loro territorio di competenza. Omettere una chiamata sulla base di opinioni personali e presunta impreparazione è semplicemente un reato: "omissione di soccorso" lo conoscete? magari nel corso 120 ore che avete fatto vi han parlato anche di questo, o no?
Un distaccamento permanente come certi in liguria, che contano meno di 400 interventi all'anno, costa circa 1,5-1,7 milioni di euro, siamo sicuri che la cittadinanza possa permettersi di pagare così tanto permanenti e discontinui che dormono tutto il giorno in attesa di una chiamata che spesso non arriva?
Siamo sicuri che gli italiani preferiscano essere salvati da un permanente che fa l'idraulico in nero o da un discontinuo che fa finta d autosospendersi dal lavoro per farne due, piuttosto che da un idraulico in regola che fa il volontario quasi-gratis?
meditate, meditate, chi è senza peccato scagli la prima pietra, ma chi ne ha tanti non rivendichi diritti che non ha!

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi