Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

lunedì 30 aprile 2012
RINCHIUSI per avere LIBERATO; sono gli attivisti che sono entrati dentro il canile lager di green hill, regalando la libertà a una trentina di cani. Qui le immagini delle proteste contro gli arresti pubblicate su Facebook da "Brescia Veg".
Staff nocensura.com
Di seguito l'articolo a cura della Redazione de "Il Fatto Quotidiano"
Dodici gli animalisti finiti in manette per il raid. Gli uomini protestano con il digiuno, le otto donne in carcere sono in attesa di essere interrogate dal giudice per la convalida del provvedimento. Il senatore Filippi: "Li ho trovati un pò frastornati e soprattutto ignari del can can mediatico che sono riusciti a provocare" 
La protesta continua. Quattro dei dodici arrestati per il blitz all’allevamento Green Hill di Montichiari hanno cominciato lo sciopero della fame. Il senatore Alberto Filippi, Gruppo Coesione Nazionale -Si Sindaci, ha visitato i fermati nel carcere bresciano dopo il blitz per la liberazione di una trentina di cani di razza beagle. Il politico è riuscito ad incontrare in mattinata i quattro arrestati, tutti maschi, perché le otto donne erano in attesa dell’interrogatorio di convalida. “Li ho trovati un pò frastornati e soprattutto ignari del can can mediatico che sono riusciti a provocare – ha detto Filippi, firmatario di una disegno di legge contro la vivisezione – mi sono sembrati tutti dei bravi ragazzi, non esagitati, né soliti a azioni fuori dalle regole, anche se ovviamente non abbiamo potuto parlare di quello che è successo”. Gli arrestati, provenienti da Piemonte, Toscana, Emilia Romagna e Lazio, indossano ancora le magliette che avevano l’ altro giorno, tutte con scritte in difesa degli animali o contro Green Hill.

Gli arrestati dovranno rispondere di accuse che vanno, a vario titolo, dalla rapina in propria, al furto pluriaggravato, violazione di domicilio, invasione di terreni ed edifici, e danneggiamento aggravato alla resistenza e violenza a pubblico ufficiale. Decine di persone erano entrate l’altro nell’allevamento e sono riuscite ad aprire alcune gabbie liberando i cuccioli destinati alla vivisezione. Il raid animalista era stato organizzato in occasione della giornata mondiale per glianimali nei laboratori.
Per la prima volta, dopo cortei organizzati per molti anni, l’irruzione all’interno della struttura è riuscita e alcuni cani sono stati sottratti al loro futuro di cavie da laboratorio. Dopo aver aggirato il cordone di sicurezza passando per stradine di campagna insieme ad un gruppo di circa quattrocento persone, intorno alle 16 alcuni manifestanti hanno scavalcato la recinzione dal lato degli uffici della Marshall, la multinazionale proprietaria di Green Hill, dirigendosi di corsa verso i capannoni dove ci sono le gabbie dei beagle. Pochi minuti più tardi l’offensiva si è spostata dal lato dei capannoni, una zona che è stata risistemata e recintata solo di recente. E qui è stato il parapiglia: tanti, forse decine di manifestanti sono riusciti ad entrare nell’allevamento, nonostante il cordone di sicurezza formato da polizia e carabinieri. Per ogni persona che riusciva a scavalcare la recinzione era un applauso. Una gioia per i manifestanti, un senso di liberazione che è diventatocommozione con tanto di lacrime versate da qualche attivista quando da uno dei capannoni ragazzi e ragazze hanno cominciato a portare fuori i cani.
Cuccioli di pochi mesi ma anche femmine in dolce attesa. I circa venticinque animali sottratti all’allevamento sono stati fatti sparire nel giro di pochi minuti, portati sui pullman e sulle auto dei manifestanti. Non sono mancati momenti di tensione a suon di grida e spintoni tra manifestanti e forze dell’ordine, che hanno tentato di tenere le persone lontano da rete di recinzione e filo spinato.  Sul futuro di Green Hill la Regione Lombardia ha ribadito che per chiudere la struttura serve eventualmente una legge nazionale. E dall’ex ministro del Turismo, Michela Vittoria Brambilla, che ha visitato in carcere gli attivisti arrestati, parte un appello ai senatori per approvare la norma che vieta di allevare in Italia cani, gatti e primati destinati alla sperimentazione. Intanto a perorare la causa degli animalisti scende in campo anche l’attrice francese Brigitte Bardot,che  ha inviato una lettera al ministro della Giustizia, Paola Severino, per chiederle di “vegliare alla liberazione” che considera dei “resistenti”. Per la Bardot gli arrestati ”hanno agito senza premeditazione, con il cuore e la ragione, non devono essere condannati perché hanno dato prova di umanismo in un mondo dove predominano vigliaccheria ed egoismo. I miei pensieri – scrive – vanno oggi a questi coraggiosi militanti e ai beagles usciti dall’inferno, salvati dalla Auschwitz a cui sono condannati i loro fratelli”. 

fonte




1 commenti:

gloria ha detto...

vorrei adottare uno dei cani di green hill come devo fare nn trovo piu i numeri di telefono grazie!!!!

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi