Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

mercoledì 18 aprile 2012



L'immagine pubblicata su Facebook da un passeggero. I due immigrati erano imbavagliati e coi polsi legati. I poliziotti che li accompagnavano hanno detto a chi era a bordo: "E' una procedura di routine"


Due clandestini irregolari rimpatriati su un aereo di linea a Fiumicino. Coi polsi legati da due fascette di plastica e la bocca sigillata dal nastro adesivo marrone. Scortati da quattro poliziotti. Una scena immortalata da una foto pubblicata su facebook che in queste ore viene condivisa sulle bacheche di migliaia di utenti e denuncia delle modalità di trattamento disumani.

A scattarla e a postarla sul suo profilo è statoFrancesco Sperandeo, video maker, che ieri mattina si trovava sul volo Roma- Tunisi delle 9.20.  Sotto all’immagine qualche riga di testo: “Questa è la civiltà e la democrazia europea – scrive online -. Ma la cosa più grave è stata che tutto è accaduto nella totale indifferenza dei passeggeri e alla mia accesa richiesta di trattare in modo umano i due mi è stato intimato in modo arrogante di tornare al mio posto perché si trattava di una normale operazione di polizia. Normale?”

Nell’immagine compare soltanto uno dei due uomini, mentre l’altro si trovava seduto nell’ultima fila sul lato opposto nelle stesse condizioni. Erano scortati in tutto da quattro uomini in borghese che “si sono presentati come polizia di stato”. Sperandeo e il collega che lo ha accompagnato nel viaggio, alla vista dei due uomini, hanno protestato, ma sono stati invitati a sedersi ai loro posti perché “si trattava di una normale procedura di routine” per il rimpatrio.

“Quando eravamo a bordo abbiamo provato a fare le nostre rimostranze”, spiega alfattoquotidiano.it. “Ma subito dopo ci hanno invitato ad allontanarci, proprio come hanno fatto anche gli steward in servizio”. Sperandeo parla di polsi legati, che nell’immagine però non si vedono. “Purtroppo è l’unica foto che abbiamo, sono l’unico passeggero che l’ha scattata”. Alcuni hanno visto ma hanno taciuto, altri invece non si sono resi conto di chi fosse seduto in ultima fila. E c’è chi si è tranquillizzato davanti alla spiegazione delle forze dell’ordine. Una volta atterrati “noi passeggeri siamo scesi per primi, i due clandestini sono stati gli ultimi”.

Un episodio che apre scenari inquietanti sulle procedure di rimpatrio italiane e che, al momento, non è ancora stato né smentito né confermato dal ministero dell’Interno. L’ufficio stampa della Polizia di Stato anticipa che in giornata sarà diramato un comunicato ufficiale “per fornire spiegazioni a seguito degli accertamenti” ma secondo fonti giudiziarie interpellate in Cassazione, sono ipotizzabili due distinte ipotesi di reato. Si tratta di abuso di autorità, previsto dall’art. 608 del codice penale, e la violenza privata, prevista dall’art. 610. Se la Procura di Roma aprisse una indagine sulla vicenda – ad avviso delle fonti della Suprema Corte, la competenza è infatti romana – gli eventuali indagati potrebbero rischiare fino a 30 mesi di reclusione nel caso fossero accusati di abuso, e fino a quattro anni se fossero accusati di violenza privata. Quel che è certo, dicono le fonti della Cassazione, è che nessuna norma autorizza un trattamento del genere “perchè incostituzionale”.



fonte



2 commenti:

Anonimo ha detto...

... ma cosa state dicendo? Adesso per il rimpatrio ci mettiamo a dirgli se per favore desiderano salire sull'aereo... Voi non vi rendete conto di quello che sono capaci di fare certi individui... si producono assurde lesioni personali e a volte danneggiando anche le poltrone dell'aereo rischiando di far male anche a chi sta intorno, poliziotti compresi che sono li per fare il loro lavoro... questo spiegato in parole povere...
Pino

Anonimo ha detto...

Non posso fare a meno di domandarmi quale sarebbe stato il tono dell'articolo, ed anche se sarebbe stato mai scritto un articolo, nel caso in cui i due rimpatriati avessero trascorso l'intera tratta urlando e dimenandosi per manifestare il proprio dissenso e magari tentando la fuga.
Ho più volte assistito ad operazioni di imbarco e sbarco di detenuti e rimpatriati di tutte le razze, e la procedura vuole che si imbarchino per primi e sbarchino per ultimi, anche amanettati se necessario.
E, con tutto il rispetto, tale necessità non può essere stabilita da un passeggero, per quanto indignato.
Barbara

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi