Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 16 aprile 2012
immagine campagna
Chi preferisci vedere vivo, un topo o una bambina? È quanto chiede una pubblicità choc,nata per promuovere la ricerca medica e scientifica effettuata con modelli animali. Realizzati da un'organizzazione globale di ricerca biomedica, la Foundation for Biomedical Research (FBR), nell'ambito della campagna ResearchSaves  , i 300 cartelloni pubblicitari, che sono stati affissi nelle città di Portland, Seattle, Los Angeles, Chicago e Baltimora, lanciano un messaggio semplice (quanto forviante): la ricerca sugli animali salva vite umane.
Per questo recitano in inglese, utilizzando un gioco di parole con "rat", topo, " "Who would you rat/her see live?", ovvero "Chi preferisci vedere vivo, il topo o lei?": per spiegare a tutti, facendo leva sui sentimenti di amore verso i nostri figli e sulla scarsissima considerazione di cui godo no generalmente i topi, che la ricerca sugli animali è "vitale per il futuro sia della salute umana e animale", spiega una nota dell'ente di ricerca. "I nostri nuovi cartelloni chiedono alle persone di prendere in considerazione un importante dilemma etico che dobbiamo affrontare come società, ovvero se preferiamo dire basta alla ricerca sugli animali o avere le nuove cure mediche, trattamenti e terapie per i quali tante persone attendono disperatamente; -spiegaFrankie Trull, presidente di FBR- senza la ricerca con modelli animali, in particolare roditori, non avremo le cure per molte malattie attualmente incurabili, che affliggono ancora oggi i bambini, tra cui la leucemia, il diabete, la paralisi, l'autismo, la cardiopatia congenita, la fibrosi cistica, la distrofia muscolare di Duchenne e la malaria."



Insomma, un messaggio certamente efficace e di grande impatto per tutti quelli che, "non conoscendo nulla della sperimentazione animale, vivono di rendita sul vecchio, vecchissimo argomento principe del bravo vivisettore", spiega Alessandra Colla sul blog antispecista Asinus Novus : "gli ingredienti per una vivace scossa emotiva ci sono tutti: il bambino, soggetto/oggetto par excellence di ogni pubblicità ovvero l'affetto più caro (per la verità le statistiche del 2010 registrano, per l'Italia, un infanticidio ogni 20 giorni), a fronte dell'odioso topo ( che si tratti di una candida cavia innocua non scalfisce minimamente l'immaginario collettivo che associa ogni muride al temibile Rattus rattus portatore della peste nera) incubo di quasi ogni donna e ogni madre".
È chiaro, insomma, che i pubblicitari conoscono il loro mestiere, cioè vendere il prodotto, e non a caso hanno scelto di pubblicizzare il loro messaggio con un topo e non con un beagle o un macaco: l'impatto sulla maggior parte della gente, che ancora considera alcuni animali più meritevoli di cure e attenzioni rispetto ad altri, sarebbe stato diverso.
Inoltre, come se tutto questo non bastasse, secondo alcune indiscrezioni la campagna da milioni di dollari, sostenuta da importanti istituzioni accademiche, Ong, ospedali, associazioni di pazienti e aziende sanitarie Usa, potrebbe arrivare anche in Italia, come testimonierebbe il sito, "in costruzione" e redatto in un pessimo italiano (probabilmente utilizzando un traduttore automatico),www.ricercasalva.it , "insieme a voi per fare un impatto positivo su tutto il mondo, in più di 30 paesi, e nella tua communità", si legge sulla home. E già circola in rete il cartellone per il Bel Paese, con un ratto bianco guarda una bambina e le sussurra all'orecchio: "Un giorno ti potrei salvare la vita".
cartellone pubblicitario
Ma per Alessandra Colla questa campagna orribile e basata su falsi, falsissimi presupposti porta con sé, in realtà, anche una buona notizia: i vivisettori iniziano ad avere paura. "Se pensano di dover uscire allo scoperto –continua nel suo post "Semantica dell'inganno"è perché si sentono minacciati, e per di più cercano di controbattere alle serie e numerose accuse portate contro le loro pratiche antiquate proponendo un messaggio debole e vecchio". Ma nessuno di noi, cari vivisettori, vuole sacrificare la vita di una bambina per un ratto: semplicemente li vogliamo vedere vivi e liberi entrambi.

fonte


3 commenti:

Anonimo ha detto...

Anche se non sono un ricercatore nè vicino alla medicina, è la domanda che ho sempre usato parlando con gli anti-vivisezione. Magari sono un mostro, ma mi sorge una domanda: perchè si usano i topi se si può commercializzare un farmaco sicuro al 100% senza testarlo sulle cavie (e in questo caso, perchè i topi non dovrebbero sopravvivere?). Se ciò non è possibile, se la vivisezione salva davvero vite, non farla non è praticamente uccidere tali vite con le proprie mani?
PS sono qui per un confronto e sono aperto ai vostri punti di vista, dato che l articolo si limita a denigrare il cinismo del cartellone senza spiegare perchè sia un messaggio ingannevole.

Anonimo ha detto...

E semplice! Si usa la vivisezione, perche non costa quasi nulla. Gli animali sono gratuiti! La vivisezione e per me, pero, un crimine. Basta a questi orrori. I metodi alternativi esistono!

Anonimo ha detto...

Io sarei proprio curioso di sapere quali sono questi fantomatici "metodi alternativi". Tutti ne parlano (a sproposito) e nessuno li ha mai visti. Ma andate a cagare nella vostra ignoranza antivivisezionisti del cazzo. (da parte di un trentenne che fa il recercatore e che da quindici anni vive grazie a farmaci e operazioni chirurgiche esistenti grazie alla sperimentazione animale)

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi