Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 20 aprile 2012
Cittadini pakistani protestano contro la tassa
sugli SMS, che probabilmente presto pagheremo
anche noi. Anche mandare sms diventerà un
"vizio" da ricchi?

SE NON SEI RICCO NIENTE SMS. Siamo alla follia. Il governo Monti vuole aumentare ancora le tasse, e visto che non sanno più cosa inventarsi, dopo aver portato la benzina sulla soglia dei 2€ al litro e fare pagare l'IMU seconda casa agli anziani ricoverati nelle case di riposo, stanno pensando di introdurre accise sugli SMS. Ci stanno togliendo tutto... Staff nocensura.com
- - - - - -
Finora, quando occorreva racimolare un po' di miliardi in fretta e furia senza scontentare (o tagliare) nessuno, si è aggiunto qualche cent alle accise della benzina. L'andazzo va avanti da decenni, con lire su lire e cent su cent che si accumulano per finanziare qualche disgrazia nazionale o qualche provvedimento extra.
L'utilità fiscale della benzina risiede nel fatto che tutti la usano, tutti la comprano, nessuno può farne a meno e soprattutto garantisce un minimo di equità fiscale: chi ha la Ferrari pagherà più accise di chi ha il motorino.
Ora la crisi e il prezzo del petrolio hanno portato il costo del litro di benzina a livelli già insostenibili, inoltre l'attuale governo già ha fatto uso della sua dose di cent di accise. Ma occorre trovare altri soldi per la Protezione Civile in caso di calamità.

Che fare?
Serve un altro consumo collettivo diffusissimo, poco costoso, usato da tutti, a cui affibbiare la nuova "accisina" e finanziarsi.
Pensa che ti ripensa, ecco l'idea geniale: gli sms. Riporta il Sole24Ore:
Sui finanziamenti per gli interventi sulle calamità ci sono tre strade. Le Regioni possono aumentare l'imposta sulla benzina (...) Il governo, inoltre, può innalzare l'accisa sulla benzina e sul gasolio (...) «In alternativa» o «in combinazione» con l'incremento fiscale sul carburante, ecco la novità: «tassazione fino a una misura massima di due centesimi di euro» per l'invio di sms da «cellulare, computer o siti internet». I gestori delle società di telecomunicazione «provvedono al pagamento dell'imposta, con facoltà di rivalsa nei confronti dei clienti».
Insomma, se eravate abituati a donare 1 euro via sms in caso di terremoti ed alluvioni, la cosa non dovrebbe turbarvi più di tanto. Si tratta in fondo dello stesso meccanismo.
Quel che preoccupa è che hanno trovato un'altra fonte di tasse, che potrebbe essere usata in futuro anche per finanziare guerre o Grandi Opere. Equa? Mica tanto: tassare i minorenni, che usano massicciamente gli sms, non è proprio tanto corretto. Anche se a pagare, alla fine, è sempre papà.
(L'idea non è nuova. Chi altri l'ha fatto? Il Pakistan)



x



5 commenti:

*Dioniso*777* ha detto...

non li mando mai ... no consumo e no lavoro = no tasse ....hahahahah!!! e sono pure nulla tenente, pensate che fregatura per monti psicopatico!

Anonimo ha detto...

Smettiamola di concedergli ogni iniziativa e facciamoci sentire !

Centrifuga ha detto...

E allora che fare? Andiamo via? Ci organizziamo e facciamo qualcosa? Ma cosa? Non ho veramente idea.
Sara

Anonimo ha detto...

"Un minimo di equità fiscale"? Forse di "equitalia" fiscale! A parità di auto se io lavoro più lontano o faccio un lavoro che mi costringe a viaggiare, oltre al disagio ed alla necessità di cambiare l'auto più spesso, pago anche molta più accisa!
La protezione civile serve a tutti, la si paghi tutti con un aumento dell'irpef o dell'IVA, se no chi viaggia in bici o non si muove mai risulta esente!

Anonimo ha detto...

Secondo me invece basterebbe diminuire i privilegi, auto blu e parlamentari...allora si che tutto sarebbe migliore per tutti e non si dovrebbe arrivare a quasi 2€/litro la benzina, l'IMU e chi più ne ha ne metta.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi