Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

giovedì 29 marzo 2012
(archivio)

DOPO IL CASO DI IERI, A BOLOGNA, DOVE UN ARTIGIANO 58ENNE SI è DATO FUOCO DAVANTI ALL'AGENZIA DELLE ENTRATE, OGGI A VERONA UN GIOVANE 27ENNE HA CERCATO DI FARE LA STESSA FINE...




Casi di suicidio (meno "eclatanti") avvengono TUTTI I GIORNI... a Gennaio pubblicammo un articolo secondo il quale NEGLI ULTIMI MESI SI REGISTRA ALMENO UN SUICIDIO AL GIORNO DOVUTO ALLA CRISI, ma spesso succedono anche PIU' CASI in un solo giorno; una realtà IGNORATA dai governanti che senza alcun ritegno TASSANO SEMPRE DI PIU' I POVERI e VESSANO mediante equitalia chi non riesce a far fronte alle spese...



Di seguito l'articolo de "Il Gazzettino"


VERONA - Da quattro mesi non riceveva lo stipendio: quattro mesi durante i quali ha dovuto tirare avanti frugando nelle tasche, fino a non farcela più. E questa mattina ha deciso di compiere un gesto estremo: si è dato fuoco in Piazza Bra, a Verona, davanti alla sede del municipio.

Protagonista di questa drammatica vicenda un 27enne marocchino, a suo dire operaio edile di un consorzio cooperativo di servizi di impresa. Il tentato suicidio è avvenuto durante un presidio di protesta organizzato davanti a Palazzo Barbieri, sede del municipio, da alcuni genitori per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'operato del Tribunale dei minori di Venezia e degli assistenti sociali.

L'uomo da alcuni mesi aveva lasciato la sua abitazione e viveva senza fissa dimora, frequentando lemense dei poveri. Non è invece ancora chiaro, se in questi mesi abbia svolto delle attività lavorative - come lui ha detto ai soccorritori sostenendo di non aver ricevuto lo stipendio da quattro mesi - e con quale impresa. Il tesserino che aveva, sempre secondo quanto si è appreso, non è stato riconosciuto dal titolare della cooperativa a cui era intestato. Sulla vicenda, in particolare sul fronte dell'impiego o meno del marocchino nel settore edilizio, sono in corso accertamenti approfonditi da parte dei carabinieri in collaborazione con la direzione del lavoro.


Provvidenziale l'intervento dei carabinieri della compagnia di Verona che, impegnati nel servizio di ordine pubblico disposto in occasione del presidio, hanno prontamente spento le fiamme utilizzando un drappo dei manifestanti. I militari dell'Arma, dopo aver prestato i primi soccorsi, hanno anche recuperato l'accendino utilizzato e la bottiglietta nella quale il marocchino, residente in Verona, aveva versato la benzina.

L'uomo è stato medicato all'ospedale di Borgo Trento: non è in pericolo di vita. Il 27enne ha ustioni alla testa e alle gambe. È in osservazione nel reparto di Psichiatria dell'ospedale.

Il drammatico fatto avviene a circa 24 ore da un altro tentato suicidio del tutto simile: quello di un artigiano di 58 anni che si è dato fuoco ieri mattina alle 8 dentro un'auto parcheggiata davanti alla sede della agenzia delle entrate a Bologna. Anche in questo caso a spingere l'uomo al gesto disperato sono stati i motivi economici. Sono stabili, pur nella loro gravità, le condizioni dell'artigiano. L'uomo è ricoverato in prognosi riservata al centro grandi ustionati di Parma con ustioni sul 100% del corpo. Prima di compiere il gesto ha lasciato alcune lettere in cui spiega il suo gesto. "Pago le tasse - è il passaggio di una di queste - ora non ce la faccio più...".
-----------------------
VISTO LA LATITANZA DEI MASS MEDIA, PRESTO DAREMO VITA A UN OSSERVATORIO PER REGISTRARE I CASI DI SUICIDIO DOVUTI ALLA CRISI



***** TRA POCHI GIORNI DAREMO VITA AD UN "OSSERVATORIO" DOVE REGISTRARE TUTTI I CASI DI SUICIDIO LEGATI A QUESTIONI RIGUARDANTI LA "CRISI". La stampa (salvo casi eclatanti) ne parla solo a livello locale, e non consente di percepire la drammatica realtà del nostro paese, dove OGNI GIORNO qualcuno decide di farla finita dalla disperazione. Il governo anziché aiutare chi è in difficoltà, ha aumentato le tasse indiscriminatamente e "punisce" chi non riesce a far fronte alle spese mediante equitalia, che con metodi vessatori e antidemocratici pretende 10 da chi non riesce a pagare 5 ... SERVE L'AIUTO DI TUTTI PER FAR SI CHE IL PROGETTO FUNZIONI: SEGNALATE I CASI CHE ACCADONO NELLA VOSTRA ZONA!!!!!


staff nocensura.com



0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi