Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

venerdì 23 marzo 2012
di Enrica Bartesaghi


G8 Genova: la ministra Cancellieri non si è accorta di niente?

Il Ministro degli Interni Anna Maria Cancellieri fa sapere che andrà a vedere il film "Diaz" per documentarsi. Ha bisogno di una fiction per sapere ciò che è già consegnato alla storia grazie alle testimonianze, alle inchieste, a centinaia di udienze e due sentenze di tribunale? Una lettera aperta di Enrica Bartesaghi, presidente del Comitato Verità e Giustizia per Genova

Ho letto su Repubblica di sabato, 10 marzo 2012, all’interno di un trafiletto pubblicato a pag. 10, che il Ministro degli Interni, sig.ra Cancellieri, ha annunciato che andrà a vedere il film sulle violenze al G8 nella scuola Diaz, poiché “il Paese ama molto le forze dell’ordine, però è giusto, che mi vada a documentare perché tanto più si conosce, tanto meglio si fa”.

Sig.ra Cancellieri, mi scusi, ma Lei dove è stata negli ultimi dieci anni? Sulla Luna od un altro pianeta? Perché se si fosse trovata su questa terra e magari in Italia, si sarebbe dovuta accorgere di quello che è successo dieci anni fa a Genova, perché ha coinvolto centinaia di manifestanti, italiani e stranieri, feriti, torturati, fermati ed arrestati ingiustamente, di un ragazzo di vent’anni ucciso, di nome Carlo Giuliani, tutto questo ad opera delle forze dell’ordine “tanto amate dal Paese”. Della più grande violazione dei diritti umani dal dopoguerra in un paese occidentale, come dichiarato da Amnesty International.

E, negli anni successivi, si sarebbe potuta accorgere dei processi che si sono celebrati a Genova, per le violenze delle forze di polizia in piazza, alla scuola Diaz, nella caserma di Bolzaneto. Delle decine di appartenenti alle forze dell’ordine, tra i quali alti funzionari della Polizia Italiana (tanto amata) condannati in primo e secondo grado. E sì che è stata anche prefetto a Genova!

E per documentarsi, per conoscere, per meglio fare, lei ha bisogno di andare a vedere un film? Una fiction? Che non riporta nemmeno i nomi dei responsabili di tanta cieca violenza? Se vuole posso aiutarla, si tratta di alcuni dei funzionari, nel frattempo tutti promossi, nonostante i processi e le sentenze di condanna, ai vertici della “tanto amata” polizia italiana.

Per meglio fare, non dovrebbe, forse, in qualità di ministro degli interni documentarsi attraverso gli atti dei processi Diaz e Bolzaneto? Ora, non vorrei rovinarle la visione del film, e magari il finale, visto che non conosce la storia ma, mi permetto di ricordarle che, se anche non si fosse accorta di nulla, avrebbe potuto leggere la posta, perché le ho inviato personalmente numerose lettere, alle quali non si è mai degnata di rispondere.

Visto che si vuole documentare, e meglio fare, mi permetto di aiutarla, e ricordarle che lo Stato italiano non ha ancora risarcito le vittime delle violenze e della torture perpetrate nella caserma di Genova Bolzaneto nei confronti di 300 cittadini italiani e stranieri, nonostante le sentenze di condanna in primo e secondo grado a carico di 46 poliziotti, guardie penitenziarie, medici ed infermieri. Nessuna parte civile ha ancora percepito nemmeno un euro di provvisionale, lo Stato Italiano non ha ancora risarcito, almeno economicamente, le vittime degli abusi e delle violenze perpetrate da propri dipendenti e funzionari, più di dieci anni fa.

Nessuno dei condannati in primo e secondo grado nei processi Diaz e Bolzaneto, è stato sospeso od allontanato dal lavoro.
Nessun rappresentante dello Stato Italiano, dal Presidente della Repubblica, ai Ministri degli Interni e della Giustizia, ha mai pensato di porgere, in nome della Repubblica Italiana, le scuse a tutti i manifestanti vittime delle violenze da parte delle forze di Polizia, alla Diaz, a Bolzaneto, nelle strade e nelle piazze di Genova, a luglio del 2001.

Nel frattempo, la maggior parte dei reati sono stati prescritti, grazie ad inspiegabili ritardi nella trasmissione degli atti alla Corte di Cassazione.

fonte: micromega



1 commenti:

farang ha detto...

@Enrica Bartesaghi, presidente del Comitato Verità e Giustizia per Genova: condivido quanto d lei riportato nella sua lettera al ministro degli interni, fermo restando che anche lei si documenti sui fatti di Genova. Carlo Giuliani è morto sotto i colpi di pistola di un Carabiniere che è stato assolto, quindi se lei desidera che sia detta la verità adoperi per prima questa verità. Per quanto riguardano le torture e le altre nefandezze niente da ridire, lo sa il mondo intero quello che è accaduto, questo non aggiunge responsabilità ad un militare che ha sparato per difesa legittima né mi farà rivedere la posizione nei confronti di Carlo Giuliani che il giorno prima era uno sconosciuto messo fuori di casa dai genitori che mendicava nei vicoli, il giorno dopo un martire con i genitori che fanno politica. Anche quest verità va raccontata.
Spero che lei sia meglio del ministro degli interni e voglia dare seguito alla presente

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi