Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

venerdì 30 marzo 2012

IL TESTO DEL VIDEO di GIULIETTO CHIESA:

L’ho definito un ricattatore, e gli si attaglia: Mario Monti mi preoccupa, lo dico francamente. All’inizio, qualche mese fa, mi pareva solo un pallone gonfiato; adesso sta diventando pericoloso: è un fanatico, un sacerdote fanatico, e i fanatici sono sempre pericolosi. Qualcuno gli ha detto che deve salvare l’Italia; lui ci ha creduto, e per questo vuole ri-educarci. E siccome non gli riesce bene, a quanto pare, nonostante tutto pensa di poteci ricattare: o fate così, come dico io, oppure me ne vado e vi lascio in pasto ai politici corrotti dai quali vi ho appena liberato. Rispondo così: caro Monti, tu non sei diverso da loro almeno per una caratteristica, la tua capacità rapinatoria; la differenza sta solo nello stile. Per cui proporrei, senza troppi rimpianti, di cacciare te e loro, insieme.
Vedi, Mario Monti, come sono equanime? Propongo che voi ve ne andiate tutti, semplicemente. E a proposito di equità (e di rapina) sei riuscito, Mario Monti, a fare peggio di Berlusconi: i miliardi che hai recuperato li hai presi ai pensionati, e hai fatto dell’Italia il paese in cui si va in pensione più tardi che in tutta Europa. Tu e la Fornero siete così ligi al comando della finanza che siste saltati sopra l’asino e state cadendo dall’altra parte, cioè fate più di quello che vi è stato chiesto. Mi riferisco all’articolo 18: ce l’abbiamo praticamente solo noi, ma siccome in quest’Europa tutto sommato non siamo gli ultimi della classe, vuol dire che gli altri – che non hanno l’articolo 18 e che stanno peggio di noi – avranno delle altre ragioni; quindi, probabilmente, non tutto è legato all’articolo 18.
Perché vi siete così intestarditi sull’articolo 18? Io una risposta ce l’ho. Voi state stra-facendo, andate oltre: siete andati oltre i vostri compiti. Mi domando: ma chi ve lo fa fare? Penso che ci sia solo una spiegazione: che abbiate una fiducia illimitata nel dio denaro, e che questa fiducia illimitata vi renda folli e ciechi. Per questo temo che finiate male. Lo so benissimo che voi cadrete in piedi, non ho dubbi – poveri non siete e non siete mai stati, e nemmeno sapete cos’è la povertà; figuriamoci se diventerete poveri – mai, è escluso: cadrete in piedi. Ma l’essenziale è che cadiate, questa è la cosa principale: e noi faremo di tutto per aiutarvi a cadere. Purtroppo c’è il rischio che, se cadete male, noi finiamo sotto le vostre macerie, ma comunque cercheremo di scansarci.

Siamo certi, tuttavia, che voi cadrete: perché sarà il dio denaro, a colpirvi prima di noi, che comunque ci proviamo. Sabato 31 marzo veniamo a Milano a occupare Piazza Affari, partendo dalla cattedrale della Bocconi dove voi avete imparato a pregare. Se funziona, come spero, vi faremo vedere che non sarà così facile ri-educare l’Italia come vi eravate messi in testa. Ma sarà la cura che volete imporci a far male – a voi. E sapete perché? Perché è sbagliata. Dite di voler ridurre il debito, ma in realtà sappiamo come state lavorando per ingigantirlo. E perché? Forse non lo sapete, ma ve lo spieghiamo noi. Lo ingigantite perché non avete voluto cambiare le regole – cioè: l’assenza di regole – con cui la finanza mondiale ha creato questo debito. E dunque, siccome l’assenza di regole non è stata cambiata, questo Occupyamo Piazza Affaridebito continuerà a crescere. E crescerà sempre di più, fino a che esploderà come una grande bomba. E anche se riuscirete a spellarci vivi tutti, si vedrà presto che il debito cresce ugualmente. E allora sarà chiaro che ci avete mentito.
Ecco perché, prima che ve ne andiate, veniamo a Milano per darvi qualche consiglio. Per esempio: farla finita col movimento dei capitali fuori controllo – cioè, farla finita con la speculazione, abolendo i derivati. Ma voi non l’avete fatto, né lo avete proposto. E per esempio: congelare il debito pubblico e riconoscere tassi di interesse non superiori al 3% – il resto lo spostiamo a cinquant’anni: se ne riparla dopo, poi vedremo. Altro suggerimento: andare a Bruxelles e chiedere di cancellare il Trattato di Maastricht, che ci costringe a fare ricorso alla finanza internazionale per finanziare gli Stati europei, e trasformare la Banca d’Italia – dopo averla nazionalizzata – in un prestatore di ultima istanza: molto meglio che regalare centinaia di miliardi alle banche al tasso dell’1% per tre anni, perché si comprino il nostro debito.
Tutte queste cose non le avete fatte e non le avete neanche proposte, e quindi per questa ragione il debito continuerà a crescere. Quindi – Monti, Passera, Fornero – credetemi: il Papa Napolitano non è un buon interprete del dio denaro, non è infallibile neanche lui. E quindi fate come vi proponiamo: redimetevi, e andatevene. Ce la caveremo meglio senza di voi. L’alternativa c’è: creiamola, a cominciare da sabato. Good bye e good night – anch’io imparo un po’ di inglese, perché è là che è nato l’Impero. Non vorremmo imitarlo, ma imparare a difenderci: da voi.

fonte

Anche l'USB (Unione Sindacale di Base) ha aderito a "Occupyamo Piazza Affari"
(clicca per ingrandire)




2 commenti:

Michele ha detto...

Abolire i derivati... ma voi non sapete neanche cosa vuol dire.. i derivati sono la base della gestione del rischio nell'economia. senza derivati non potrebbero esistere neanche i mutui a tasso fisso. voi non sapete di cosa parlate.

Adriano Esposito ha detto...

Giulietto Chiesa non si smentisce mai, scrive sempre cazzate su cazzate ROTFL

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi