Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 20 marzo 2012

I componenti "lumenok"
Il video sopra sembra proprio esser lo "spot" delle frecce "lumenok", prodotte dalla "The burt coyote", un'azienda con sede a Yates City, nello stato americano dell'Illinois, che produce componenti fluorescenti (simili agli "starlite" da pesca) da applicare alle frecce sparate da archi e balestre.

Il video, intitolato "Lumenok shots" (colpi Lumenok) è stato caricato da un utente che - a giudicare dal nome - non sembra esser legato alla casa produttrice, e visto il contenuto verrebbe da pensare che si tratti dell'iniziativa di un "cittadino qualsiasi", nonostante all'inizio e alla fine del videoclip siano ben evidenziati i loghi del produttore. Ma visto che il video in questione è visibile nella sezione "videogallery" del sito dell'azienda produttrice - dove è il primo video - è lecito pensare che si tratti di un vero e proprio "spot" da esibire per invogliare i clienti ad acquistare il prodotto.

Il video mostra una serie di "colpi" inferti a cinghiali, orsi, cervi, pavoni e altri animali utilizzando frecce alla quale è stato applicato il finale fluorescente lumenok: la cosa che "colpisce" è come sia fin troppo evidente che la maggioranza degli animali vengono semplicemente feriti: colpiti alla pancia, o sul dorso, i poveri animali colpiti si danno alla fuga: non finiranno sul "piatto" del cacciatore,  e viene da pensare che molto probabilmente chi gli spara lo faccia esclusivamente per "divertimento", se così possiamo definirlo. In molti casi si può notare che l'asta della freccia, dopo aver colpito l'animale, finisce a terra: tuttavia in questi casi di solito la punta della freccia rimane conficcata nel corpo dell'animale, provocando un'infezione che condurrà alla morte dell'animale, dopo atroci sofferenze.

La cosa "che fa riflettere" è che un video come questo, evidentemente, spinge gli utenti ad acquistare il prodotto: non si spiega altrimenti il motivo che spinge i titolari dell'azienda in questione a "sfoggiarlo" - con i marchi in bella vista - su Youtube e sul proprio sito.

Da quando è stato caricato su Youtube il video ha avuto oltre 5.500.000 di visualizzazioni, e nonostante molti utenti probabilmente abbiano ha segnalato il contenuto come "inappropriato", anche solo per far limitare la visualizzazione ai maggiorenni - come avviene frequentemente con contenuti violenti -  al videoclip non è applicata nessuna restrizione, ovvero è visibile anche ai bambini... educativo, vero?  (deduciamo che il video sia stato segnalato ripetutamente dal fatto che è stata persino disabilitata la facoltà di inserire commenti, che evidentemente erano poco "lusinghieri", inoltre i "non mi piace" sono 8.089, contro i 4.568 "mi piace")

La politica di YouTube, che in alcuni casi è fin troppo "severa", si dimostra molto tollerante nei confronti dei video dove animali vengono feriti e uccisi. Un altro esempio di questa "politica" è per esempio questo video, dove un tizio si diverte ad abbattere degli ignari volatili. (non si tratta di un cacciatore) Non diciamo che debbano esser necessariamente rimossi, ma che forse sarebbe giusto limitare la visualizzazione agli adulti, evitando che un bambino possa guardarli facilmente. 

staff nocensura.com



5 commenti:

magnum ha detto...

si resta allibiti davanti a tutte le crudelta' ma quelle verso esseri inconsapevoli che lottano per sopravvivere sono le peggiori.

Anonimo ha detto...

o per vederli di notte mentre dormono per cacciarli piu facilmente !! tutto e' possibile !!

Il Perculatore ha detto...

Ottimo video e ottimo prodotto, solitamente il problema delle frecce e' quello della fuga della preda e ritrovarla alle volte era difficile visto ora aumentando la visibilita' della freccia e' piu' facile seguire la preda colpita, inoltre balza subito all'occhio se la freccia colpisce il bersaglio.

Giacomo ha detto...

Hope they all die a painful death. They don't deserve anything better than that.

Stefano Bocci ha detto...

Non posso scrivere parolacce,ma sarebbero necessarie,rivolte a chi si diverte a spese dei cosiddetti animali. Penso sia giusto non oscurare video come questo; certo che è educativo,i bambini devono sapere la verità,o vogliamo che crescano conoscendo solo i giochini al pc e il grande fratello? Non è il video che li può scioccare,è la cattiveria degli esseri umani.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi