Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

lunedì 12 marzo 2012
Bradley Manning
Il soldato, accusato di avere trasmesso informazioni riservate a Wikileaks, è stato detenuto in isolamento 23 ore al giorno per 11 mesi. Il Pentagono ha sempre negato un incontro privato tra l'imputato e l'inviato delle Nazioni Unite

Bradley Manning
, il soldato accusato di avere rivelato dati riservati a Wikileaks, sarebbe stato sottoposto dagli Stati Uniti a un trattamento detentivo che ha violato la convenzione internazionale contro la tortura.

E’ quanto emerge dal rapporto speciale dell’Onu “sulla tortura e altri trattamenti o punizioni crudeli, disumani o degradanti”. Manning è stato tenuto in isolamento 23 ore al giorno per 11 mesi, dal suo arresto a Baghdad il 29 maggio 2010, fino al 20 aprile 2011. L’inviato Onu ha chiesto più volte al governo di incontrarlo privatamente, ma il permesso è stato sempre negato. La conversazione, infatti, sarebbe comunque stata monitorata.

Secondo Méndez, che ha stilato il rapporto al termine di un’inchiesta durata 14 mesi, “imporre condizioni di detenzione seriamente punitive su chi non è stato riconosciuto colpevole di alcun crimine è una violazione del diritto all’integrità fisica e psicologica e della presunzione di innocenza”. Accuse che riemergeranno davanti alla corte marziale preposta alla valutazione dei 22capi di imputazione contro Manning, tra cui quello di “avere aiutato il nemico” degli States. Ovvero Julian Assange.

E in un’intervista al Guardian Méndez ribadisce che “11 mesi in condizione di isolamento costituiscono come minimo un trattamento crudele, inumano e degradante in violazione dell’articolo 16 della convenzione contro la tortura. Se gli effetti in termini di dolore e sofferenze inflitte a Manning fossero più gravi, potrebbero costituire tortura”. Che non è mai potuta essere nè confermata nè smentita, visto che il Pentagono non ha mai concesso un faccia a faccia riservato tra il soldato e l’inviato delle Nazioni Unite.



fonte


1 commenti:

Mirko G+ ha detto...

ergo, ha denunciato i carnefici ed lui stesso è diventato una vittima.. Proprio per questo Wikileaks e i giornalisti devono essere liberi: se le barbarie emergono, perchè nessuno le copre, o perchè vengono rese pubbliche, alla fine saremo veramente una società civile.. come penso io, gli usa hanno "esportato" talmente tanta democrazia in questi anni di guerre, che non nè hanno più in casa propria.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi