Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 21 marzo 2012
McDonald’s CinaPechino. Mentre c’è preoccupazione tra i cinesi per la sicurezza alimentare, la televisione di stato ha accusato McDonald’s e il rivenditore Carrefour di vendere, in casi distinti, alimenti a base di pollo scaduti.
Venerdì 16 marzo 2012, la McDonald’s e la Carrefour hanno diramato pubbliche scuse affermando che stanno indagando sul reportage della China Central Television.
Nella recente inchiesta si sosteneva che in un ristorante McDonald’s di Pechino si vendono ali di pollo 90 minuti dopo averle cotte, anche se le regole della società stabiliscano un termine massimo di 30 minuti. Si diceva anche che i dipendenti di un negozio Carrefour nella città centrale di Zhengzhou hanno modificato la data di scadenza su alcuni polli e venduto polli comuni come i più costosi polli allevati a terra.
La sicurezza alimentare è un argomento delicato in Cina, paese colpito da scandali che vanno dal latte artificiale mortale, al maiale alterato chimicamente, fino all’olio riciclato dei ristoranti.

“McDonald’s China attribuisce grande importanza a tutto questo. Effettueremo subito indagini su questo caso isolato, ce ne occuperemo con decisione e serietà e attueremo provvedimenti concreti per scusarci con i consumatori,” afferma in una dichiarazione sul suo sito la catena di ristoranti con sede negli Stati Uniti.
I dipendenti che alla sede centrale di McDonald’s China a Shanghai hanno risposto al telefono, hanno detto che una portavoce non era disponibile e non hanno voluto fornire ulteriori particolari.
Carrefour, che ha sede a Parigi, ha detto che sta creando un gruppo per indagare e che collaborerà con le autorità cinesi.
In una dichiarazione sul sito web della sezione Carrefour China si legge: “Aumenteremo ulteriormente la formazione e prenderemo provvedimenti che garantiscano si attuino seriamente le relative disposizioni per la tutela degli interessi dei consumatori.”
Lo scorso anno, il rivenditore statunitense Walmart Stores Inc era stato multato dalle autorità in una città del sud-ovest, e per due settimane fu ordinata la chiusura di 13 suoi negozi con l’accusa di aver spacciato normale carne di maiale per più costosa carne biologica.
fonte originale: huffingtonpost.com / Traduzione di Gabriele Picelli per times.altervista.orgfonte



1 commenti:

Guido Piasenza ha detto...

Mi pare una notizia distorta: in Cina (parlo per lunga esperienza personale) praticamente TUTTI gli alimenti sono scaduti o contraffatti o contengono sostanze nocive. Attribuirne la colpa a McDonalds o Carrefour è una colossale forzatura.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi