*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 20 marzo 2012

Il nucleare che abbiamo in casa nostra...

di Igor Castro

Saluggia, provincia di Vercelli,  -Eurex- deposito Avogadro; 85% scorie nucleari italiane. 5kg di plutonio; una quantità sufficiente a uccidere 50 Milioni di persone. Un decimo di milligrammo, se inspirato, costituisce ufficialmente una dose mortale


--
Nelle basi Nato italiane di Aviano e Ghedi Torre ci sono 90 testate nucleari di tipo B61 a gravità. In tutta Europa le bombe atomiche parcheggiate nelle varie basi della Nato sono 480. Dei 26 Paesi della Nato solo 6 ospitano armi nucleari, in violazione del Trattato di non proliferazione, mentre altri 4 Paesi - Canada, Grecia, Islanda e Danimarca - hanno smantellato le basi nucleari che avevano nel loro territorio.

Ognuna di queste bombe è un potenziale obiettivo: le basi di Aviano e Ghedi Torre sono un bersaglio militare che mette potenzialmente a rischio le popolazioni di una vasta area. Secondo un recente sondaggio Eurisko svolto su un campione di 1000 intervistati [ vedi tabella ], la maggioranza degli italiani non sa nulla dell'esistenza di questi ordigni nucleari sul territorio nazionale. Queste novanta bombe atomiche, perfettamente operative e pronte a essere impiegate per distruggere i laboratori nucleari in Iran, sono un pericolo subdolo e invisibile, a un passo dalle nostre case, dalle nostre cose, dalla nostra vita.


fonte


Nome

Email *

Messaggio *