Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 12 marzo 2012
Il Furto della Variante Aurelia …
una finta autostrada privata a pagamento al posto di una buona superstrada già pagata da tutti

Incredibile ma vero, un progetto nato nel 1969 ha fatto come fa il vino mal conservato ed è diventato aceto! Questo per usare paragoni gentili , altri parlano espressamente di furto, di opera scellerata e di grave danno al territorio per le conseguenze che si avranno sulla viabilità locale.
Il progetto è della Società Autostrada Tirrenica spa e prevede di convertire l’attuale superstrada Rosignano-Grosseto in autostrada privata a pagamento (0,18 euro a km), dunque sottrare una pubblica e libera via al traffico per diventare a pagamento senza alternativa … o paghi o paghi … perché nel frattempo la vecchia Aurelia, la cui congestione e i tanti morti fu causa della costruzione della Variante, è stata interrotta e chiusa al traffico in tante zone visto che attraversava molti paesi, oggi città!
I soci, molto noti sono:
Come vede c’è chi finanzia (MPS) chi costruisce e cementifica (Gavio-Caltagirone-Coop) e chi gestisce (AUOSTRADE)
Il gande capo che gestisce tutto (in nome e per conto) è Antonio Bargone:

Antonio Bargone non è solo il Presidente Amministratore Delegato di SAT, è anche incredibilmente il Commissario Governativo Straordinario nominato da Matteoli per la cosiddetta emergenza autostradale in Toscana e per questo incarico viene da anni lautamente pagato da noi (232mila euro annui):

Dunque viene pagato dai soci SAT per gestire il business del pedaggio autostradale e dal Governo per accelerare le pratiche inerenti alla costruzione delle nuove autostrade che , per la Tirrenica, guarda caso sarà lui stesso a progettare e gestire!
La fa e la canta” dicevano i nostri nonni…
Oggi si direbbe: Conflitto di Interessi?
ma non per Roma!
Noi abbiamo sintetizzato il concetto in questa immagine:


I Sponsor numero uno dell’opera: Altero Matteoli, ex ministro delle Infrastrutture ed ex sindaco di Orbetello. L’autostrada che taglierà la Maremma sarà realizzata dalla Sat (che fa riferimento a Benetton). Presidente del cda Antonio Bargone, ex deputato dalemiano nominato anche commissario governativo per la realizzazione dell’opera. Costo previsto: 3,7 miliardi, a carico dei privati (pagheremo con il pedaggio) ma non è dato sapere a chi serve ( se non ai soci SAT!)

Chiudiamo riportando un intervento di Furio Colombo
tratto dal Fatto Quotidiano del 11 marzo 2012:

Un buon esempio di indispensabile grande opera e di rivolta allo stesso tempo vasta e impossibile dei cittadini è il cosiddetto “corridoio tirrenico”, una autostrada da Civitavecchia a Livorno che stanno per costruire lungo il mare proprio nei giorni della Tav, una autostrada chiesta da nessuno che cancellerà la Via Aurelia. La nuova opera correrà accanto alla ferrovia, che c’è e che funziona per merci e passeggeri. Ma orde di Tir inquinanti invaderanno lo splendido lungomare tirrenico, perchè serve al Paese, dà respiro al trasporto su gomma che ci collega al mondo. Ma a Torino il carico di quei Tir dovrà passare sul treno nuovo fiammante della Tav, che avrà sventrato la Val di Susa, per non inquinare la valle e per non isolarci dal resto del mondo. Le due grandi opere sono volute con passione da destra e sinistra, contro due diverse popolazioni italiane che cercano invano di salvare la loro terra. Lo so che c’è un che di folle, da film dell’assurdo, in questa storia. Ma c’è anche “una forte volontà politica” saldamente trasversale. E un costo immenso. Vi basta per scrivere “grandi opere” con la maiuscola e usare il “codice Violante” per mettere al loro posto (piccolo, irrilevante) i cittadini riottosi?
Noi abbiamo deciso di essere non cittadini riottosi ma cittadini consapevoli e per questo ci siamo attivati e non accettiamo più decisioni prese sulla nostra pelle senza senso, politici e affaristi avvisati mezzi salvati! Se anche voi volete dire la vostra firmate la petizione e partecipate alle tante iniziative del Coordinamento Territoriale NoSat

Per il Nodo “Val di Cecina”
A.Lucibello Piani




0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi