*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 26 marzo 2012

Il banchiere per gli immigrati che chiama “negri” i dipendenti

Il Tribunale del Lavoro di Milano ha condannato Extrabanca per comportamenti discriminatori. Secondo il giudice Fabrizio Scarzella, l’istituto di credito nato per offrire servizi agli immigrati, ha tenuto nei confronti di un dipendente “comportamenti illeciti”.

Dalla sentenza emerge infatti che il presidente di Extrabanca, Andrea Orlandini, ha cercato di dissuadere il dipendente dal candidarsi alle elezioni comunali accomunandolo “agli zingari e ai musulmani che vogliono rovinare Milano”, sostenendo che lui e un suo collegano erano “due negri africani” che stavano “creando troppi problemi”, che “avere troppi negri non poteva giovare alla banca” e che era pertanto meglio assumere “una persona con un colore piu’ chiaro”.

Oltre al presidente, anche un altro dirigente di Extrabanca si e’ rivolto al dipendente con un linguaggio discutibile. Dalla sentenza emerge infatti che “in alcune occasioni” questo dirigente “all’uscita da riunioni ove erano presenti persone di colore, proferiva spesso frasi a sfondo razzista come negroni, extra comunitari in senso dispregiativo”. Il giudice ha ordinato a Extrabanca di affiggere nella sede milanese un comunicato che non solo riporti il testo della sentenza, ma “inviti tutto il personale ad astenersi, nei rapporti tra colleghi e nelle riunioni di lavoro, da espressioni volgari od offensive a sfondo razziale”. Al dipendente la banca dovra’ versare 5mila euro di risarcimento.

fonte: Redattore Sociale



Nome

Email *

Messaggio *