Quali temi ti stanno più a cuore tra i seguenti (SI a più risposte)

Con chi ti riconosci (come idee, non necessariamente come partiti) - (una risposta)

Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta editoriale governo esteri economia scandali fatti e misfatti salute mass media diritti civili giustizia ambiente USA sanità crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi forze dell'ordine scienza libertà censura lavoro cultura animali infanzia berlusconi chiesa centro energia internet mafie europa riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO banche notizie carceri eurocrati immigrazione satira renzi guerra facebook scuola euro manipolazione mediatica grillo bilderberg pensione mondo signoraggio alimentari Russia poteri forti massoneria razzismo sovranità monetaria manifestazione siria UE debito pubblico finanza ISIS califfo tasse ucraina israele disoccupazione marijuana travaglio agricoltura canapa militari terrorismo banchieri germania mario monti trilaterale geoingegneria obama Grecia bambini big pharma vaticano Traditori al governo? inquinamento ogm palestina parentopoli napolitano enrico letta vaccini assad cancro PD tecnologia armi nwo Angela Merkel equitalia sondaggio BCE austerity cannabis ministero della salute umberto veronesi meritocrazia nucleare suicidi fini informatitalia.blogspot.it magdi allam video eurogendfor iraq m5s privacy Putin clinica degli orrori staminali CIA droga marra sovranità nazionale bancarotta boston bufala monsanto prodi INPS elezioni fondatori del sito globalizzazione iene politica troika 11 settembre diritti evasione matrimoni gay nigel farage roma acqua anatocismo fmi fukushima islam nikola tesla società usura alimentazione draghi fisco golpe moneta pedofilia rothschild stamina foundation Aspen Institute FBI Giappone Onu africa autismo francia imposimato lega nord nato nsa ricchi storia terremoto torture Auriti Marco Della Luna Unione Europea adam kadmon aids attentati bavaglio controinformazione costituzione federico aldrovandi fiscal compact giovanardi giuseppe uva petrolio propaganda servizi segreti sicilia slot machine sovranità individuale Cina Fornero borghezio casaleggio corruzione crimea dittatura famiglie fed forconi giustizia sociale goldman sachs india influencer mario draghi mcdonald mes mossad pecoraro scanio proteste psichiatria rifiuti rockfeller sciopero spagna suicidio svendita terra turchia violenza virus aldo moro arsenico barnard bonino carne chernobyl chico forti ebola edward snowden elites false flag frutta inciucio islanda laura boldrini magistratura marine le pen marò no muos no tav nuovo ordine mondiale precariato prelievi forzoso privilegi prostituzione ricerca salvini sanzioni taranto ungheria università vegan 9 dicembre Ilva Muos NASA Svizzera alan friedman alluvione contestazione corte europea diritti uomo degrado delocalizzazione dentisti diffamazione disabili donne educazione elettrosmog esercito europarlamento farmaci gesuiti gheddafi hiv ignazio marino illeciti bancari illuminati informazione latte legge elettorale microspia mmt ocse orban paola musu pensioni radioattività riserva aurea risveglio coscienze sardegna scie chimiche sigaretta elettronica sigonella sindacati spread stati uniti stefano cucchi telefono cellulare truffe online vegetariani veleni Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento amato anonymous anoressia antonio maria rinaldi argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio boldrini brevetto btp by calcio cambiamento camorra carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione controllo mentale corrado passara corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani david icke davide vannoni dell'utri denaro dentista denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dogana domenico scilipoti dossier duilio poggiolini ebook egitto eroina etica eurexit fallimento fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giuliano amato gold hollande ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie malta maratona mare nostrum mariano ferro mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra multe musica natura obbligazioni oligarchi omofobia oppt overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi phishing pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia riformiamo le banche rigore saddam sangue satana schiavi scippatori scoperto secessione senzatetto sert sfratto sisa snowden spammer speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen troll trust tsipras turismo twitter universo uranio impoverito uruguay vati verdura vessazioni veterinario bravo roma veterinario gianicolense vietnam vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

giovedì 22 marzo 2012
Spagna Nostalgia dei mille euroPrima della crisi la “generazione mille euro” si lamentava per il precariato e la mancanza di opportunità di carriera per i giovani. Oggi quelle condizioni sembrano irraggiungibili ai milioni di disoccupati under 30, e il futuro non promette niente di buono.
 
Nell'agosto del 2005 una giovane catalana scrisse una lettera a questo giornale. Si intitolava "Io sono una milleurista", una definizione da lei coniata. Carolina Alguacil aveva 27 anni e si rammaricava della precarietà lavorativa della sua generazione.
"Il milleurista è un giovane tra i 25 e i 34 anni, laureato, istruito, poliglotta e con un curriculum ricco di corsi di formazione e master. Ormai da 3-4 anni è inserito nel mercato del lavoro. Se è fortunato, ha ricevuto uno stipendio regolare per due anni. Non guadagna più di mille euro, non gli spetta alcun sussidio e gli conviene non lamentarsi. Non è in grado di risparmiare. Non ha una casa né una macchina. Non ha figli e vive alla giornata. All'inizio può essere divertente, ma alla lunga stanca".

Rileggendo la lettera anni dopo resta l'amaro in bocca, perché è evidente che le cose sono peggiorate. Il milleurismo ha lasciato il passo a una versione ancora più precaria, e oggi si fa strada la generazione del "nemmeno mille euro". "Eravamo milleuristi e volevamo di più. Oggi l'aspirazione è guadagnare mille euro", riassume Carolina Alguacil, laureata in Comunicazione audiovisuale e trasferitasi a Cordoba, dove lavora come freelance. Carolina non fa più parte dei milleuristi, ma è ancora convinta di essere sottopagata. "Non mi rassegno".
Nel 2005 il tasso di disoccupazione giovanile in Spagna era al 20 per cento. Oggi ha raggiunto il 50 per cento, e da tempo ha doppiato la media europea (22,4 per cento). La generazione più preparata ha le peggiori prospettive dalla fine del franchismo, e si sente vittima degli eccessi altrui. Finora molti giovani hanno tirato avanti grazie al sostegno dei genitori, ma qualcuno comincia a perdere anche quello.


"Tutti gli indicatori sono peggiorati, nessuno escluso", spiega il sociologo Esteban Sánchez, esperto di precarietà giovanile. "Disoccupazione alle stelle, lavoro sempre più precario e salari bassi. La situazione è tragica. Non esiste un solo dato che lasci intravedere qualche prospettiva incoraggiante". "La sensazione diffusa è che non c'è futuro", riassume Guillermo Jiménez, studente di 21 anni di diritto e politica ed esponente dell'associazione universitaria Juventud sin Futuro.

In Spagna vivono 10.423.798 persone di età compresa tra i 18 e i 34 anni. Il loro reddito medio (includendo i disoccupati) è di 824 euro al mese. Quelli che hanno un lavoro guadagnano in media 1.318 euro al mese (dati del Consejo de la Juventud de España). Professioni che un tempo sembravano al riparo dal milleurismo ormai non lo sono più. Il Politecnico di Valencia ha seguito i primi passi nel mondo del lavoro degli ingegneri e architetti laureatisi nel 2008. Uno su quattro non arriva a guadagnare mille euro, e la cosa peggiore è che il numero complessivo dei "non-milleuristi" è aumentato dell'8 per cento rispetto ai laureati del 2007.
Amanda, valanciana di 29 anni che non vuole rivelare il suo cognome, è uno dei volti di questa statistica. Guadagna a mala pena mille euro al mese e lavora dalle 10 di mattina alle 9.30 di sera, "con una pausa pranzo di mezzora". "È una situazione surreale. Quando esco di casa il supermercato non è ancora aperto, e quando torno è già chiuso. Lavoro come un dirigente ma guadagno come un apprendista".

Nell'animo di Amanda convivono in estrema armonia due sensazioni opposte: si sente contemporaneamente sfruttata e privilegiata. Prima di trovare lavoro come commessa si sentiva “un’eterna stagista”. “Avevo ottenuto sei stage. Il primo non era pagato, mi davano soltanto i buoni pasto. L’ultimo, in un’ente pubblico, è stato quello in cui mi hanno pagata di più: 600 euro al mese".
Secondo le cifre di Josep Oliver, professore di economia applicata dell’Università autonoma di Barcellona, il 45 per cento dei disoccupati con meno di 34 anni non ha un lavoro da più di un anno. Molti di coloro che erano diventati autonomi sono stati costretti a tornare a vivere con i genitori (nel 2011 il tasso di emancipazione familiare è calato del 4,2 per cento).

C’è anche chi non è riuscito ad andarsene di casa, come Beatriz Arrabal, 32 anni. Da 550 giorni non ha un lavoro, ma non perde le speranze. Laureata in amministrazione pubblica, si è pagata gli studi lavorando in un call center per 1.110 euro al mese, uno stipendio che oggi le appare irraggiungibile. La maggioranza dei lavori che ha fatto dal giorno della laurea non aveva niente a che fare con i suoi studi.

Neanche il ragazzo di Beatriz ha un lavoro stabile. La coppia ha pensato di lasciare la Spagna, ma Beatriz deve gestire una difficile situazione familiare: suo padre è malato, ed entrambi vivono con la pensione di lui. Lo scorso 10 novembre Beatriz ha aperto su Facebook il gruppo Lavoro sociale, come trovare il nostro spazio. “Ho deciso di creare questo gruppo per aiutare me stessa e gli altri come me a migliorare la nostra condizione lavorativa, e aiutarci a vicenda grazie alle esperienze di tutti”, scrive nella presentazione del gruppo.
La parola “sconforto” non basta a descrivere i sentimenti di quelli che hanno scommesso tutto sul boom edilizio. Lo stallo nel mercato del lavoro li ha colpiti più degli altri, spiega Josep Oliver. La maggior parte dei disoccupati senza un diploma di laurea (tra i minori di 30 anni il tasso di disoccupazione è al 55 per cento) si guadagna da vivere alla bell’e meglio.

A Granada, una giovane coppia di laureati affronta un’altro problema: la sovraqualificazione, che colpisce il 37 per cento dei minori di 30 anni con un titolo di laurea o formazione professionale superiore. Natalia, 25 anni, è logopedista e tecnico di analisi cliniche. Il suo ragazzo Jesús, 23 anni, è ingegnere industriale. Entrambi vendono assicurazioni porta a porta. “Per un'assicurazione sulla vita guadagno 200 euro, per altre 120”, racconta Natalia. “Ci sono mesi in cui guadagno 900 euro, altri in cui non vado oltre i 90”. Natalia spera di poter cambiare lavoro al più presto. Le hanno offerto un posto come logopedista in uno studio di psicologia, anche se le hanno detto che dovrà trovarsi i suoi clienti.
Che colpa abbiamo noi?
Il 75 per cento dei giovani crede che vivrà peggio dei genitori, e il 70 per cento degli adulti pensa lo stesso. Mentre i giovani provano a darsi all'imprenditoria (secondo Eurostat il 54 per cento vorrebbe creare un'azienda propria), il governo fissa le nuove regole del gioco che segneranno il futuro dell'economia e di conseguenza quello dei giovani in difficoltà. In questo momento la proposta più rilevante per le nuove generazioni è quella di una riforma del lavoro in grado di aumentare nel breve periodo l'occupazione tra i giovani, comportando però anche una flessione nei salari.
“La riforma insiste su un approccio già sperimentato in passato: rendere il lavoro dei giovani più economico rispetto a quello degli altri. È un modo di ammettere l'impotenza”, spiega Santos Ruesga, professore di economia applicata all’Università autonoma di Madrid.

Davanti a prospettive così limitate, molti cervelli della generazione più preparata continuano a fare le valige. Si tratta di una fuga di talenti “mai vista prima”, ha sottolineato Fátima Báñez, ministra del lavoro e della sicurezza sociale. Secondo l'ultimo eurobarometro della Commissione europea il 68 per cento dei giovani spagnoli è disposto a espatriare. Soltanto cinque paesi (su 31 analizzati) hanno registrato una percentuale maggiore: Islanda, Svezia, Bulgaria, Romania e Finlandia.
Rafael Aníbal, 28 anni, è un giornalista. A novembre è rimasto senza lavoro, e oggi “vive di risparmi”. Da un po' di tempo ha cominciato a pensare di lasciare la Spagna. Sta valutando il Cile, dove potrebbe aspirare a un salario al livello del migliore che abbia mai avuto in Spagna: 1.100 euro.

A dicembre Aníbal ha aperto un blog per raccogliere le testimonianze dei giovani espatriati, Pepas y Pepes 3.0. “L'ho fatto per indignazione. Come dice un cubano nel film Habana blues di Benito Zanbrano, ‘ogni giorno in casa mia accolgo un altro cane e altre piante. Appartengono agli amici che vanno via’. È una frase che mi piace, perché racconta una realtà che vivo personalmente.
Mi faccio sempre le stesse domande: Che c'entro io con la speculazione, lo spread e le agenzie di rating? Perché noi giovani stiamo pagando le conseguenze di una crisi di cui non abbiamo colpe?”

fonte: Traduzione di Andrea Sparacino Fonte: Carmen Pérez-Lanzac - El País (da Presseurop)




0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi