Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

mercoledì 14 marzo 2012
Il database dove saranno raccolte tutte le informazioni si chiamerà “archivio delle persone oneste”. Per il momento la polizia potrà accedervi solo dopo la richiesta a un giudice, ma non è escluso che in futuro le finalità dell'elenco possano essere estese


La Francia si avvia a “schedare” tutti i suoi cittadini. Il 6 marzo infatti, l’Assemblea nazionale ha dato il via libera definitivo alla proposta di legge n. 682 relativa alla protezione dell’identità. Fortemente voluta dal ministro dell’Interno
Claude Guéant, la normativa stabilisce l’entrata in vigore di una nuova carta d’identità munita dichip elettronico, contenente nome, cognome, sesso, data e luogo di nascita, domicilio, altezza, colore degli occhi, due impronte digitali e fotografia. Un secondo chip, facoltativo, sarà utilizzabile per pratiche amministrative e transazioni commerciali. I dati così raccolti verranno poi archiviati nello “schedario delle persone oneste” (“fichier des gens honnets”), da contrapporre idealmente agli schedari di polizia. Un database centralizzato nel quale incasellare le informazioni di identificazione, tra cui le impronte digitali, di un numero quantificabile tra i 45 e i 60 milioni di francesi.

Alla fine è passata la linea morbida del Senato, a maggioranza di centrosinistra. L’archivio potrà avere esclusivamente finalità amministrative. La polizia potrà accedervi soltanto dopo la richiesta di un giudice per verificare l’avvenuta archiviazione di un’impronta o eventualmente risalire all’identità di un cadavere nei casi, ad esempio, di catastrofi naturali. In questo modo, spiegano i promotori, si potranno prevenire i reati connessi all’usurpazione dell’identità. L’Assemblea nazionale (dove la maggioranza è del centrodestra) voleva che anche le forze dell’ordine avessero accesso a questo archivio.

Sono evidenti i problemi che uno strumento del genere pone sotto il profilo delle libertà individuali. I critici hanno sollevato dubbi sulla necessità di quella che, a ben vedere, somiglia ad unaschedatura indiscriminata della popolazione, per far fronte a dei crimini tutto sommato molto circoscritti. L’obiettivo è infatti quello di prevenire le infrazioni rese possibili dalle “appropriazioni di identità”. Owni.fr ha pubblicato i dati dell’Osservatorio nazionale sulla delinquenza relativi alle frodi connesse all’utilizzo di documenti falsi. Poco più di 13.000 i reati accertati nel 2010. Di questi, 6.342 riguardano i falsi documenti di identità, categoria che comprende oltre le carte d’identità, visti, titoli di soggiorno, patenti, passaporti. Più nello specifico, la polizia di frontiera ha accertato solo 651 casi di utilizzo fraudolento della carta d’identità.

Secondo Jean Marc Menach, giornalista esperto di privacy e tecnologie di sorveglianza, la creazione della nuova carta d’identità biometrica sarebbe in realtà una sorta di spot promozionale per le industrie francesi leader in questo settore. Come la Morpho, società transalpina che ha il suo core business proprio nelle soluzioni per l’archiviazione e l’utilizzo delle impronte digitali. Con il nuovo documento elettronico, le aziende francesi otterrebbero una certa visibilità da spendere su altri mercati. Insomma, la legge sarebbe il risultato di un efficiente lavoro di lobbying. “Quello che ho capito – scrive Menach sul suo blog ospitato da Le Monde – è che ha vinto la Gixel (Gruppo di società francesi di componenti e sistemi elettronici, ndr), questa lobby delle società dell’elettronica che aveva già proposto l’utilizzo di sistemi di identificazione biometrica a partire dalla scuola materna: 14 dei 31 esperti sentiti dal Senato per valutare la legge sono proprio industriali della Gixel”.

Che lo schedario possa subire in futuro un allargamento delle finalità per cui è nato non è da escludere. A tale riguardo la storia del Fnaeg è paradigmatica: l’archivio nazionale delleimpronte genetiche era nato per conservare i dna dei colpevoli, o degli indagati per crimini sessuali. Legge dopo legge, l’archiviazione del profilo genetico è stato resa obbligatoria per la quasi totalità dei reati contro cose o persone. Oggi conterrebbe, secondo fonti non ufficiali, le informazioni genetiche di circa 2 milioni di francesi, oltre il 70 per cento dei quali inscritti solo perché indagati. A seconda dei casi, i dati vengono conservati tra i 25 e i 40 anni. 



da "Il Fatto Quotidiano"


0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi