Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

giovedì 1 marzo 2012
Il capo della Ps Manganelli è il manager più pagato: 621mila euro all'anno€. Calabrò (Agcom) prende 475.000€, sono 4 i militari nei primi 12 posti della classifica

Per alcuni di loro sarà un bella "botta" in termini economici. Perchè tra le decine di manager pubblici il cui stipendio "sfora" quello del primo presidente di Cassazione (291.000 euro l'anno), ce ne sono alcuni che guadagnano il doppio. E la "tagliola" che il governo si appresta ad adottare influirà in modo più che sensibile sul loro tenore di vita.

A guidare la classifica dei "paperoni di Stato" è il capo della polizia Antonio Manganelli, che porta a casa ogni anni la bellezza di 621.253 euro lordi; secondo, anche se piuttosto staccato, è il ragioniere generale dello Stato Mario Canzio con 562.331 euro; chiude il "podio" l'ex capo dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria, Franco Ionta, con 543.954 euro. Vincenzo Fortunato, capo di gabinetto del ministero dell'Economia, arriva a 536.906 euro. Il primo dei militari presenti in classifica è il capo di Stato maggiore della Difesa, Biagio Abrate, che guadagna 482.019 euro; il direttore generale dei Monopoli di Stato, Raffaele Ferrara, 481.214; il capo di Stato maggiore dell'esercito, Giuseppe Valotto, 481.021; il collega della Marina, Bruno Branciforte, 481.006. Restando in campo militare, il comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, Leonardo Gallittelli, si "ferma" a 462.642 euro; prima di lui, nella classifica, troviamo i tre presidenti dell'Authority (Giovanni Pitruzzella dell'Antitrust, Corrado Calabrò dell'Agcom e Pier Paolo Bortoni dell'Autorità energia e gas) a 475.643 euro l'anno. Seguono il segretario generale dell'Aeronautica Giuseppe Bernardis con 460.000 euro, il segretario generale della Difesa Claudio de Bertolis con 451.000 e il segretario generale degli esteri, Giampiero Massolo, con 412.000. Valeria Termini, Luigi Carbone, Rocco Colicchio e Alberto Biancardi, tutti dell'Autorità per l'energia, prendono 396.000 euro.

fonte




2 commenti:

Anonimo ha detto...

L'Italia è diventato il paese dei balocchi , dei ladri , dei mafiosi , dei parassiti e anche della tanta brava gente che lavora per ingrassare le altre categorie.

maria melchionna ha detto...

E Befera? Avete dimenticato Befera con i suoi quasi 400mila euro e l'ncapacità di arrestrae l'evasione?

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi