Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 31 marzo 2012
La Febbre di Febbraio diventa la Follia di Marzo: le dimissioni di massa dei banchieri continuano senza sosta

Il mese scorso, avevo fatto qualche considerazione in merito al crescente numero di dimissioni dai vertici di istituzioni finanziarie in tutto il mondo e, con mia sorpresa, il fenomeno non è affatto cessato.

All’epoca, pubblicammo una lista di 40 dimissioni, ma ora il numero è schizzato incredibilmente a ben 450. La lista include i principali ruoli dirigenziali in ogni istituzione finanziaria, dai fondi di risparmio ai fondi pensione, fondi azionari, fondi sovrani, banche, organi d’investimento.

La grande domanda, tuttora sospesa, è: perché?

Ad oggi nessuno è in grado di fornire una risposta, se non a livello di semplici speculazioni.

Una delle dimissioni più recenti è quella di Tarek Amer, amministratore delegato della Banca Nazionale dell’Egitto. Amer ha annunciato che lascerà il suo attuale incarico alla fine del 2012, secondo il settimanale egiziano Al Ahram. Degno di interesse il fatto che non abbia ricevuto offerte da nessun altra banca ed abbia rifiutato di rivelare le motivazioni delle sue dimissioni. Sembra che Amer avesse rassegnato le proprie dimissioni per iscritto nel Febbraio 2011 ma non sarebbero state accolte.

Negli stessi giorni, anche Jonathan Moulds, del ramo britannico della Bank of America Corporation, annunciava le proprie dimissioni. Oltre a Moulds, anche Andrea Orcel ha dato le dimissioni dal medesimo istituto, per approdare ai vertici della svizzera UBS.

Moulds si occupava del controllo del debito e di vendite di capitali e commerciali in Europa e in Asia, oltre ad avere un ruolo importante nella creazione di pratiche di negoziazione dei derivati e nella loro vendita nel mondo. Anche in questo caso, non vi sono chiare motivazioni che giustifichino la sua scelta.

Lo stesso giorno in cui Moulds annunciava le dimissioni, lasciava il suo incarico anche Bert Tippen, capo dell’ufficio investimenti del Fondo Pensione Nedlloyd

Sempre nello stesso giorno, il 22 Marzo 2012, prendeva la stessa decisione anche Neil Rogan, capo dell’azionariato globale alla Henderson Investors.

Il 21 marzo, ugualmente, non si erano avute meno di cinque dimissioni. Tra queste, il capo dei servizi azionari globali del Royal Bank of Scotland Group, Gregory Wagner; Mike Muller, dirigente regionale per l’Ontario e l’Antartico della National Bank Financial canadese; John Botham, il capo dell’azionariato europeo di Arviva Investors; Eric Dean, il capo del servizio informativo della Liquidity Services Inc.; e Wolfgang Hammes, co-presidente di Deutsche Bank AG.

La natura misteriosa e repentina di queste dimissioni è molto interessante e ci spinge a chiederci che cosa ci sia sotto. Forse sanno qualcosa che noi non sappiamo? Stanno preparando qualcosa o cercando di limitare le proprie perdite? Sfortunatamente, ne sappiamo così poco che è difficile fare delle ipotesi e se affermassi di conoscere la reale motivazione di questi accadimenti, affermerei il falso.

Esiste una pagina Facebook che sta seguendo le dimissioni di massa, che io vi incoraggio a visitare per seguire in modo aggiornato la lista di dimissioni delle principali figure all'interno di istituzioni finanziarie, governi e grandi aziende. 




7 commenti:

Anonimo ha detto...

credo che si sappia a livello economico che le banche dovranno essere controllate dallo stato e che verranno limitati i loro movimenti speculativi,quindi i loro guadagni illeggitimi fino ad ora percepiti. A questo punto siamo agli inizi di una nuova era politica che si avvicinerà molto a una dittatura concordata del sistema finanziario,anticamera di una dittatura politica,anticamera della 3a guerra mondiale ( economica )

Anonimo ha detto...

sarà per i loro operato. non sembra abbiano lavorato in modo trasparente e costruttivo, direi piuttosto distruttivo, chiedete ad Obama cosa ne pensa...

Anonimo ha detto...

stanno solo abbandonando un sistema che andrà al completo collasso(voluto dall'elite) . chi sta ai vertici lo sa bene e gioca d'anticipo. buona rivoluzione a tutti.

Anonimo ha detto...

E l'anno scorso, quello prima e quello prima ancora, nessuno si era dimesso? Facile mettersi a contare a partire solo da ieri.

Anonimo ha detto...

CI SARA' LO ZAMPINO DEL NWO DIETRO TUTTE QUESTE DIMISSIONI?

CLAUDIO ha detto...

IO DICO CHE ORMAI LA GENTE ONESTA DELLA TERRA HA CAPITO TUTTE LE MAGAGNE CHE CI SONO DIETRO GLI INTERESSI CHE HANNO LE BANCHE,E ADE4SSO INCOMINCIANO AD AVER PAURA,COMUNQUE FINALMENTE SI SAPRA SE L ESSERE UMANO VORRA CONTINUARE A VIVERE,CAMBIANDO L ATEGIAMENTO DELLE REGOLE, O ALTRIMENTI ANDARE A FARE LA TERZA GUERRA MONDIALE, IO PENSO ALLA PRIMA SOLUZIONE CHE SAREBBE BUONA PER TUTTI,,CIAO DA CLAUDIO.....

Anonimo ha detto...

.NON SARA' PERCHE' CONOSCONO IL FUTURO DELLA FINANZA INTERNAZIONALE E QUINDI STANNO METTENDO AL RIPARO I LORO CAPITALI ???? CHI CONTROLLA QUESTI SIGNORI???

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi