Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 25 marzo 2012
Devis Bonanni
Devis Bonanni ha deciso di cambiare vita: a 23 anni, dopo aver lavorato come tecnico informatico, si è ritirato nella casa in campagna dove si dedica a lavorare i campi
Suscita una certa invidia la storia di Devis Bonanni, ventisettenne friulano che ha scelto di vivere in campagna, del lavoro delle sue braccia. La stessa invidia, immagino, che ha fatto sì che molti lettori del Corriere della Sera commentassero stizziti la sua intervista pubblicata sul giornale, non risparmiandogli critiche.
La storia della sua nuova vita inizia nel 2007, quando a 23 anni Devis, originario di Raveo, un paesino in provincia di Udine, decide di abbandonare il lavoro – faceva il tecnico informatico - e con i soldi messi fin lì da parte comprarsi gli attrezzi necessari a lavorare la terra e andare a vivere nella casetta che la sua famiglia aveva nella campagna friulana.
Da allora Devis ha rinunciato a buona parte degli agi – quelli che almeno siamo abituati a considerare tali – della vita contemporanea. Ha venduto la macchina (adesso usa la bici), si scalda con una stufa a legna, non ha televisione né molti elettrodomestici. Vive dei frutti del proprio orto, e delle piccole eccedenze che vende al mercato (verdura fresca, pomodori, melanzane, le uova delle sue galline) con le quali riesce a tirare su circa 200 euro al mese: persino troppi per chi ha già tutto il poco di cui ha bisogno.
Non ha rinunciato invece al cellulare ed al pc portatile. Grazie a quest'ultimo, fin dal principio, ha deciso di tenere un blog, 'Pecoranera', dal quale adesso è stato tratto un libro omonimo, appena uscito nelle librerie. Così scriveva all'inizio della sua esperienza: “Ho iniziato quest'avventura per verificare se fosse possibile vivere altrimenti. Auto-produrre buona parte del cibo di cui ho bisogno, muovermi con mezzi alternativi all'automobile, riscaldare la casa con la legna e compiere tutte quelle scelte che sono annoverate tra le abitudini del bravo ecologista. In parte sento di esserci riuscito anche se non mancano incoerenze e piccole storture”.

L'articolo pubblicato sul Corriere ha suscitato reazioni contrastanti. Una buona parte dei lettori, come prevedibile, ha appoggiato la scelta di Devis, incitandolo ad andare avanti, a proseguire sulla strada intrapresa. Altri no. Lo accusavano di essere fuggito dai problemi, di essere un “figlio di papà”, persino un evasore – c'era chi auspicava controlli da parte della Guardia di finanza! -, ora un opportunista ora un furbetto.
L'invidia di cui parlavo all'inizio – e chissà forse persino quel filo di rabbia che si percepisce nei commenti dei lettori – nasce forse dal fatto che persone come Devis ti mettono davanti agli occhi lapossibilità concreta di un cambiamento. Già, proprio quel cambiamento che tanto ci affascina e al contempo ci terrorizza; quell'abbandono delle certezze, della normalità alla ricerca di qualcosa che sentiamo più giusto, naturale, ma che per pigrizia e paura rimandiamo sempre ad un vago domani.
Ci fa un po' invidia, ammettiamolo, vedere che qualcuno l'ha fatto per davvero. Chi può dirsi in disaccordo con Devis quando afferma: “non mi piaceva della vita che facevo prima che c'era troppo poco tempo per vivere. Mi faceva male soprattutto in primavera vedere la natura che esplodeva ed io che rimanevo chiuso in un ufficio”. Quanti di noi hanno pensato qualcosa di simile per poi continuare a condurre la stessa identica vita, ripromettendosi di cambiarla “prima o poi”?
A me pare che Devis, nel replicare ai lettori in una lettera aperta pubblicata sempre dal Corriere, colga esattamente il punto dell'intera faccenda quando parla dello scollamento fra pensiero ed azione tipico della realtà contemporanea. “La mia scelta inizialmente è partita da un ideale sociale: il contadino è direttamente responsabile della terra che coltiva, se il contadino è avaro la terra poi si impoverisce. In un mondo in cui siamo molto lontani dalle conseguenze delle nostre azioni, questo per me era importante”. Vista in quest'ottica la sua scelta diventa una scelta di coerenza, prima ancora che di vita.



fonte


3 commenti:

Anonimo ha detto...

bravo Devis!vivere rinunciando al superfluo significa "veramente vivere". continua cosi,alla faccia dei pecoroni invidiosi che parlano solo per arieggiare le tonsille!!!!!!ma va'....certa gente non sa nemmeno da dove esce l'uovo che si mangia!capre!

Mimmo ha detto...

"Andai nei boschi per vivere con saggezza, vivere con profondità e succhiare tutto il midollo della vita, per sbaragliare tutto ciò che non era vita e non scoprire, in punto di morte, che non ero vissuto."
Henry David Thoreau

Anonimo ha detto...

Bravo, Denis, ci vuole il coraggio della libertà e la libertà del coraggio. Immagino non sia facile, ma così fai sentire molto meno soli anche noi e soprattutto, parlo per me, i nostri figli!!!!!

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi