Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

sabato 24 marzo 2012
La CGIA di Mestre conferma quello che noi di nocensura.com sosteniamo da SEMPRE: il disegno delle banche - e dei governi da loro teleguidati - è quello di DISTRUGGERE le "piccole medie imprese", per lasciare campo libero alle lobbies, le grandi holding che sono legate a doppio filo con le banche. Già fortemente minate dalla concorrenza sleale di chi produce nel terzo mondo (dove il costo del lavoro e pressione fiscale sono dieci volte più bassi) e pone "fuori mercato" coloro che producono in occidente, colpite dalla drastica riduzione dei consumi, le PMI vengono affossate definitivamente dalla MANCANZA DI ACCESSO AL CREDITO, che per loro è vitale come l'ossigeno per un essere vivente. Anziché sostenere le piccole - medie imprese, il governo si sta impegnando duramente per affossare anche quelle che avrebbero potuto salvarsi; in questa direzione anche il pazzesco aumento delle accise sul carburante - che fa lievitare i costi del trasporto merci ed in alcuni casi delle lavorazioni - nonché equitalia: è proprio lei, in molti casi a richiedere il fallimento delle imprese, un vero e proprio controsenso se pensiamo che un'azienda fallita oltre a non pagare i creditori, non pagherà più un singolo euro al fisco e fa perdere posti di lavoro. Staff nocensura.com

di seguito l'articolo dell'agenzia di stampa ASCA:

(ASCA) - Roma, 24 mar - Su oltre 1.400 miliardi di euro erogati dalle banche alle famiglie ed alle imprese, il 79,4% (pari a 1.134 miliardi di euro) e' stato erogato al 10% dei maggiori affidatari: ovvero le grandi imprese, con una variazione del +0,7% rispetto l'anno precedente. Lo rivela una nota della Cgia di Mestre, sottolineando l'inaffidabilita' delle grandi aziende: su quasi 100 miliardi di sofferenze bancarie - si legge - il 78,3% e' in capo sempre al 10% dei maggiori affidatari.



''Nonostante siano ridotte numericamente al lumicino e sempre piu' in difficolta', le grandi imprese possono contare su un rapporto privilegiato nei confronti degli istituti di credito, mentre alle piccole e micro imprese, che costituiscono il 99% dell'intero sistema produttivo italiano, il credito viene erogato con il contagocce'', denuncia l'associazione.

''Nei rapporti tra banche ed imprese - chiosa il segretario Giuseppe Bortolussi - tutto e' paradossalmente capovolto: chi riceve la quasi totalita' dei prestiti presenta livelli di affidabilita' bassissimi. Per contro, chi rappresenta la totalita' del mondo delle imprese e dimostra di essere un buon pagatore riceve le briciole''.


fonte: ASCA


0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi