Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta esteri governo economia editoriale scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi libertà forze dell'ordine scienza censura lavoro cultura berlusconi infanzia animali chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie europa carceri satira scuola eurocrati immigrazione facebook banche euro grillo renzi manipolazione mediatica pensione bilderberg mondo alimentari signoraggio razzismo manifestazione finanza sovranità monetaria massoneria debito pubblico guerra travaglio Russia disoccupazione tasse militari poteri forti UE ucraina trilaterale geoingegneria germania parentopoli Grecia siria banchieri mario monti inquinamento enrico letta marijuana vaccini big pharma napolitano nwo obama Traditori al governo? agricoltura ogm Angela Merkel austerity sondaggio tecnologia bambini canapa cancro meritocrazia umberto veronesi vaticano armi fini suicidi BCE PD equitalia terrorismo clinica degli orrori privacy video nucleare prodi boston israele ministero della salute sovranità nazionale bancarotta eurogendfor fondatori del sito globalizzazione iene monsanto staminali INPS Putin droga acqua bufala marra matrimoni gay nigel farage nikola tesla politica anatocismo elezioni evasione fisco magdi allam moneta pedofilia troika usura FBI africa francia fukushima informatitalia.blogspot.it ricchi società Aspen Institute Auriti CIA Giappone adam kadmon attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact fmi giuseppe uva golpe lega nord nsa petrolio sicilia stamina foundation terremoto Cina Onu assad controinformazione crimea frutta giovanardi goldman sachs imposimato m5s mcdonald mes psichiatria rifiuti rockfeller rothschild sciopero servizi segreti slot machine spagna svendita terra torture turchia violenza Marco Della Luna aldo moro arsenico barnard bonino edward snowden famiglie fed forconi inciucio laura boldrini magistratura nato no muos no tav palestina proteste storia suicidio università vegan virus 11 settembre 9 dicembre Fornero Ilva Muos NASA Svizzera Unione Europea aids alan friedman alimentazione antonio maria rinaldi borghezio carne casaleggio chernobyl corruzione corte europea diritti uomo delocalizzazione diffamazione disabili ebola educazione elites esercito farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv illeciti bancari illuminati india influencer informazione iraq islam islanda latte legge elettorale marò microspia mmt paola musu precariato prelievi forzoso privilegi propaganda prostituzione radioattività salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati sovranità individuale spread stati uniti stefano cucchi taranto ungheria veleni verdura Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento alluvione amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio brevetto btp by cambiamento camorra cannabis capitalismo carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani davide vannoni dell'utri denaro dentista dentisti denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dittatura dogana domenico scilipoti donne dossier duilio poggiolini ebook egitto elettrosmog eroina eurexit europarlamento fallimento false flag fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giustizia sociale gold hollande ignazio marino ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie maratona mariano ferro marine le pen mario draghi mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura nuovo ordine mondiale obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore riserva aurea risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione sert sfratto sisa snowden speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse telefono cellulare teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati vegetariani vessazioni vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 13 marzo 2012
Monica Maggioni testimonial AVSI in Nord Uganda
Reportage di Monica Maggioni
Giornalista, inviata TG1-RAI
E' cominciato tutto una mattina di luglio del 2004, ero tornata in Italia da qualche giorno dopo due mesi passati in Iraq. Squilla il cellulare, dall'altra parte c'è Alberto Piatti, segretario generale di AVSI. "Senti Monica, fra qualche mese inizieremo una grande campagna si sensibilizzazione sul Nord Uganda in collaborazione con Echo, l'agenzia per gli aiuti umanitari dell'Unione Europea, racconteremo cosa fa AVSI da quelle parti con i suoi fondi. Pensiamo di realizzare un documentario e una serie di spot televisivi, per i quali ci darà una mano lo staff creativo dell'agenzia MacCann Erickson e che verranno poi mandati in onda questo inverno. Ci è venuta un'idea. Non è che tu ci faresti da testimonial?"
Non ho bisogno di rifletterci. 
"Ci sono!".
Due mesi dopo ero già seduta sull'aereo che mi stava portando a Kampala. 

L'ultimo mio viaggio africano era stato cinque anni prima, nel Mozambico travolto dall'alluvione. Nella mia famiglia l'Africa l'abbiamo tutti nel cuore. Ho uno zio che ci ha trascorso quasi tutta la vita.
Da quando ero piccola ho imparato ad associare la parola viaggio con la parola Africa. Ogni volta che ci vado ho la sensazione del ritorno, mi sembra di sentirne persino più forte la mancanza. Essere in aereo e sapere che con Franco stiamo per atterrare a Kampala è proprio una bella sensazione. Franco, mio amico e collega, farà le immagini con le quali racconteremo la storia. Una parte della storia, perché l'altra parte ha già cominciato a raccontarla un po' di mesi fa Gian Micalessin, amico giornalista.
Alla fine ci troveremo tutti a mettere insieme i capitoli di questo racconto. Di questo giro dentro il Nord Uganda a seguire quello che AVSI fa da quelle parti.
All'aeroporto di Entebbe c'è Pippo Cianta, rappresentante AVSI a Kampala per l'intera Regione dei Grandi Laghi. Ci aspetta un enorme Toyota bianco, probabilmente la macchina più africana del mondo.
E' sera tardi, l'unica cosa di cui mi rendo conto è che sulle sponde del lago Vittoria vive un sacco di gente che la sera va in giro, si muove, sente la musica. Un cambiamento impressionante dopo l'Iraq. E mi ricordo di colpo che gli africani sorridono. Molto più di chiunque altro al mondo. Abbiamo solo una manciata di ore per stare con Pippo, sua moglie e i bimbi, da 20 anni in Africa. Alle 10 del mattino ci aspetta l'aereo per il nord. Destinazione: Kitgum.
L'Uganda vista da sopra è spettacolare, di un verde straordinario tagliato solo dalle strisce rosse delle strade di terra battuta nella vegetazione. E la pista di atterraggio non è diversa dal resto. Una spianata di terra in mezzo al verde.

Pietro arriva a recuperarci trafelato. "Scusate, sono in ritardo, non ho sentito il rumore dell'aereo". E' così che si vive da queste parti. L'aereo atterra quasi nel giardino di casa. Con Pietro, Filippo, Lucia e gli altri dobbiamo fare i piani di cosa andare a raccontare in questi giorni. Lo giuro mi sento un po' a disagio, il mio lavoro di solito non è quello di testimonial, ma di giornalista, eppure stavolta devo riuscire a fare tutte e due le cose. Non è facile spiegare a chi si occupa di "fare" che bisogna anche "raccontare", ma stavolta ce la faccio e da subito cominciamo a vedere cosa succede qui intorno.

Il campo che accoglie i bambini che sono riusciti a scappare dai ribelli è il primo choc vero. Arriviamo e ci guardano obbedienti, si presentano, ci presentiamo. Gli chiediamo di disegnare per noi e ancora una volta è l'orrore puro che esce dalle loro penne colorate. Eppure anche davanti alla telecamera raccontano, quasi fosse altro da loro quel ricordo mostruoso. Non è una cosa con cui è facile fare i conti. Avere davanti a te un bimbetto di nove anni che ti spiega come ha ucciso a bastonate un suo coetaneo perché altrimenti i ribelli avrebbero finito lui in quello stesso modo. Un bimbo di nove anni che ha dovuto uccidere per sopravvivere. Quelli che rimangono in un angolo sono i ragazzini arrivati per ultimi qui al centro di accoglienza. I loro occhi sono sfuggenti. Non incontrano mai gli sguardi, hanno la paura disegnata in ogni gesto. O il timore del giudizio?
Le giornate corrono veloci,ci infiliamo nei campi per gli sfollati. Capanne su capanne, nessuno spazio per vivere. Gli uni addosso agli altri. I ribelli là fuori hanno fatto questo. Rapiscono i ragazzini, costringono la gente a vivere ammassata in posti in cui nulla più della vita tradizionale può essere mantenuto. E chi è più fortunato e di giorno vive nel suo villaggio, scappa la notte. Come formiche sbucano da tutti gli angoli i bimbi al tramonto. Sulla testa hanno arrotolato il fagottino delle coperte per la notte. I genitori rimangono a casa, ad aspettare il mattino e pronti alla fuga in caso di attacco. I bimbi arrivano qui nel centro della città, alla missione, all'ospedale. AVSI costruisce per loro i rifugi. Poi prima di addormentarsi, Giorgio e sua moglie li fanno leggere. "E' un modo per far ritrovare loro un po' di vita normale" ci spiegano.
Nei campi c'è tutto da fare. Bisogna fare in modo che la gente si costruisca le latrine, ricominci a coltivare qualche pezzetto di terra. "Lo facciamo con loro, non gli diamo nulla di pronto, di distante dal loro modo di essere" - di questo lavorare con loro, costruire con loro, Pietro Galli, responsabile AVSI per i programmi di emergenza, ha fatto la sua stessa ragion d'essere. E' qui da anni. Ogni tanto corre in Sud Sudan per missioni durissime, cercando di dare aiuto a villaggi e popolazioni che da anni sono abbandonate al loro destino di guerra. Lavora dalla mattina alla sera, mi sembra felice.

Le confessioni più dure le sentiamo a Pajule, alla scuola per il recupero psicosociale degli ex ribelli già adulti. Ragazzi di diciassette, diciotto anni che raccontano con pudore dei traumi subiti, della difficoltà della vita normale. L'unica cosa che può cambiare la loro vita, ce lo ripetono di continuo, è proprio il fatto di venire qui a scuola. Ecco perché Lucia Castelli, medico, pediatra, team leader AVSI in Nord Uganda, insisteva tanto sull'istruzione. Aveva ragione lei. Loro, i bimbi, contano sul fatto di imparare un mestiere, di apprendere cose che possano rivalutarli agli occhi li lascia in disparte o li maltratta a causa del periodo passato con i ribelli.

E' l'ingiustizia più atroce. Anche quando sopravvivono e tornano a casa questi ragazzi continuano a essere vittime. La prima volta perché sono stati rapiti, strappati alle famiglie, torturati. La seconda adesso, accusati o additati come responsabili di crimini commessi loro malgrado. Quante volte hanno ripetuto che solo grazie ad AVSI e alla scuola sperano di ricominciare a vivere. E quelle erano le loro parole, la loro realtà. Io ero lì per fare uno spot. Loro no.

AVSI ringrazia la giornalista Monica Maggioni, inviata TG1-RAI, che ha offerto gratuitamente la sua professionalità e immagine per la realizzazione di un documentario sull'emergenza umanitaria in Nord Uganda e di una serie di spot televisivi trasmessi dai maggiori network internazionali, realizzati gratuitamente dall'agenzia McCann Erickson, grazie al contributo di ECHO, agenzia per gli aiuti umanitari dell'Unione Europea, e il patrocinio di Pubblicità Progresso.

fonte


Per maggiori info: www.mostrabambinisoldato.org


0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

In quale IDEOLOGIA ti riconosci di più?

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi