Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 24 marzo 2012
Sembra incredibile ma è vero. Le autorità stanno applicando il 41 bis a Giorgio Rossetto, l'attivista arrestato a gennaio e rinchiuso nel carcere di Saluzzo. No Tav dunque pericolosi come i boss mafiosi? Che articolo applicheranno alle cosche che stanno costruendo la stessa Tav?

Lo aveva denunciato l'attivista No Tav intervenuto ieri all'affollatissima assemblea di Napoli contro la repressione e in preparazione della manifestazione nazionale del 31 marzo a Milano. Oggi Mauro Ravarino su Il Manifesto raccoglie e diffonde la denuncia su questa incredibile e vergognosa vessazione a cui viene sottoposto Giorgio Rossetto, attivista No Tav arrestato nel blitz voluto dal giudice Caselli il 26 gennaio scorso e ancora detenuto nel carcere di Saluzzo.

Nel carcere di Saluzzo No Tav in cella da 41bis

Da due mesi Giorgio Rossetto è trattato come un boss mafioso e senza aria all'aperto. Motivo: il sovraffollamento

Giorgio Rossetto, uno dei No Tav arrestati il 26 gennaio scorso, da quasi due mesi detenuto nel carcere di Saluzzo, è recluso - denuncia il movimento - in uno speciale braccio di isolamento, come quello costruito per l'applicazione dell'articolo 41bis riservato ai mafiosi. È in attesa di giudizio ma l'ora d'aria «la trascorre in un cunicolo anziché all'esterno». Motivo è il sovraffollamento.
Ieri, una delegazione, composta dall'europarlamentare Gianni Vattimo (Italia dei Valori), dai consiglieri regionali Eleonora Artesio (Federazione della Sinistra) e Fabrizio Biolè (Movimento 5 Stelle) e dai volontari dell'associazione Antigone, ha visitato il carcere e ha chiesto al ministero della Giustizia un'ispezione. E che venga risolto il problema alla radice: ovvero ridurre da 430 a 200 il numero dei detenuti, visto che questi sono i posti disponibili. «Il sovraffollamento determina situazioni del tutto anormali - ha spiegato Artesio - come quella di Rossetto, ovvero di persone in attesa di giudizio che si trovano rinchiuse nel settore di massima sorveglianza, con limitazioni sulle ore di socialità. Inoltre, chi è in attesa di giudizio non può partecipare alle attività di laboratorio. E diversi detenuti hanno ribadito il problema di non poter ottenere in tempi ragionevoli delle visite mediche specialistiche».

«Insieme agli altri militanti - raccontano i compagni - Rossetto non ha piegato la testa e anche dietro le mura ha continuato a battersi per le condizioni dei detenuti». Con altri undici ha denunciato in un documento la pesante situazione: «Le gabbie degli animali - scrivono i dodici detenuti - hanno almeno le reti e le sbarre, mentre qui c'è solo un alto muro di cemento. Se in uno spazio simile ci fosse un animale con un peso superiore a 15 chilogrammi, si arrabbierebbe persino la Protezione animale. La direzione si giustifica dicendo che questa è una casa di reclusione (penale) e non una casa circondariale. Per salire nelle 6 sezioni del carcere bisogna essere 'definitivi'. Lì ci sono laboratori, le attività in comune, la palestra, l'area per giocare a pallone».

Il movimento valsusino ha lanciato una campagna di denuncia: «Una battaglia di dignità e di resistenza». Ieri, in conferenza stampa, Alberto Perino ha sottolineato «come i governi abbiano recuperato i 168 milioni di euro destinati al tunnel geognostico di Chiomonte, tramite una delibera del Cipe, da fondi destinati e vincolati all'edilizia scolastica e, ironia della sorte, all'edilizia carceraria». In chiusura, Lele Rizzo, comitato di lotta popolare di Bussoleno, ha ricordato «come tutti i No Tav abbiano da subito lottato per denunciare la situazione carceraria loro e di tutti i detenuti».

Intanto, in piazza Castello continua il digiuno pubblico a staffetta «Ascoltateli!» (http://www.ascoltateli.org/), con l'aiuto e l'assistenza del Centro Studi Sereno Regis: un'azione collettiva e nonviolenta per la riapertura del dialogo sulla vertenza Tav. Hanno aderito intellettuali, politici e cittadini.

fonte: Contropiano




3 commenti:

Anonimo ha detto...

Com'e', adesso i militanti NO TAV vogliono addirittura passare per santi? Solo loro capiscono cos'e' giusto o cos'e' sbagliato? Presunzione? Direi di si. Inoltre aggiungo che gli animali sono esseri totalmente senza colpe, innocenti, quindi avranno o no, qualche diritto in piu'? Se si finisce in carcere ci sara' un perche', oppure i NO TAV, a prescindere, subiscono solo ingiustizie? Mi ricordate Calimero. Smettetela!

rocciamelone1 ha detto...

i mafiosi sono ignoranti e violenti.
voi siete violenti e ignoranti.
è ora che vi mettano in carcere più celermente. incominciando dai vs boss (perino!).
e smettetela di lamentarvi. con le vs fesserie ci costate capitali e lo stato si dimentica di rivalersi su voi o sui vs parenti....

Anonimo ha detto...

@anonimo: tu non meriti risposta, non esisti. il tuo genere è in estinzione. le tue parole sono solo aria viziata. taci, stai inquinando l'ambiente!!!

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi