Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

lunedì 20 febbraio 2012
rossetto-piombo
Sai cosa c’è nel tuo rossetto? Potrebbe essere una simile domanda a fare da slogan ad una eventuale campagna italiana di sensibilizzazione riguardo agli ingredienti contenuti nei cosmetici. Negli Stati Uniti sono già sorti diversi dubbi sugli ingredienti impiegati per la produzione del cosmetico più utilizzato dalle donne in tutto il mondo. Ad avanzarli sono gli esponenti del gruppo Campaign for Safe Cosmetics, trovatisi di fronte ai risultati di uno studio indipendente condotto dalla Food and Drug Administration, che ha evidenziato tracce di piombo in oltre 400 tipi di rossetto comunemente presenti in commercio negli USA.
L’UniproAssociazione Italiana delle Imprese Cosmetiche, è immediatamente intervenuta per rassicurare tutte le consumatrici italiane dalla possibile presenza di percentuali di piombo potenzialmente dannose nei rossetti in vendita entro i confini dell’Unione Europea. Tracce di piombo, a detta dell’associazione, sarebbero infatti presenti nei suddetti prodotti solo conseguentemente a contaminazioni, poiché il piombo non risulta tra gli ingredienti attualmente ammessi nella produzione di cosmetici. Ecco le parole esatte comunicate da Unipro riguardo agli ingredienti contenuti nei cosmetici:


"L'uso degli ingredienti presenti nei cosmetici è regolato da rigide norme sia nazionali che comunitarie (in particolare dalla Direttiva Cosmetici 76/768/CEE e successive modifiche) e i prodotti cosmetici sono soggetti ad analisi scientifiche e stretti controlli di sicurezza prima della loro immissione sul mercato".

Per quanto riguarda la presenza di piombo, Unipro specifica:
"Il piombo è un elemento naturale comune che si può trovare ovunque nell'ambiente, ma non è aggiunto ai cosmetici intenzionalmente. I consumatori sono quotidianamente esposti al piombo ogni volta che mangiano, bevono acqua e respirano aria. La quantità media di piombo alla quale una donna potrebbe essere esposta usando cosmetici, come ad esempio i rossetti, è 1.000 volte inferiore rispetto alla quantità con cui verrebbe in contatto mangiando, respirando e bevendo acqua".
Possiamo dunque restare tranquilli? Siamo certi che le normative europee vengano seguite alla lettera durante la produzione di rossetti ed altri cosmetici e che gli ingredienti impiegati siano davvero innocui? I consumatori sono giustamente alla ricerca di certezze assolute e proseguono nel sollevare dubbi legittimi, in particolare nel caso in cui tali prodotti siano utilizzati da donne in gravidanza o, come spesso accade, dagli stessi bambini. Quale bambina, ad esempio, non ha mai provato ad imitare i gesti quotidiani compiuti dalla propria mamma nello stendere un velo di rossetto sulle labbra?
Il vero problema è che la questione della sicurezza per la salute degli ingredienti contenuti nei cosmetici non riguarda esclusivamente il piombo o altri contaminanti che si rivelano frequentemente causa di dermatiti e reazioni allergiche, quali il nikel, il cromo ed il cobalto, le cui tracce sono state riscontrate non solo nei prodotti di bellezza così come in detersivi e tinture impiegate per la colorazione dei tessuti (si vedano, in proposito, i libri “Vestiti che fanno male” di Rita Dalla Rosa e “I vestiti nuovi del consumatore” di Deborah Lucchetti), ma anche le sostanze ancora attualmente ammesse nella loro composizione.
fonte: GreenMe.it


0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi