Quali temi ti stanno più a cuore tra i seguenti (SI a più risposte)

Con chi ti riconosci (come idee, non necessariamente come partiti) - (una risposta)

Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta editoriale governo esteri economia scandali fatti e misfatti salute mass media giustizia diritti civili ambiente USA sanità crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi forze dell'ordine scienza libertà censura lavoro cultura animali infanzia berlusconi chiesa centro energia internet mafie europa riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO banche notizie carceri eurocrati immigrazione renzi satira guerra facebook scuola euro manipolazione mediatica grillo bilderberg pensione mondo signoraggio alimentari poteri forti Russia massoneria razzismo sovranità monetaria manifestazione siria UE debito pubblico finanza ISIS califfo tasse ucraina israele disoccupazione marijuana agricoltura travaglio canapa militari terrorismo banchieri germania mario monti trilaterale geoingegneria obama Grecia bambini big pharma vaticano Traditori al governo? inquinamento ogm palestina parentopoli napolitano enrico letta vaccini assad cancro PD tecnologia armi nwo Angela Merkel equitalia sondaggio BCE austerity cannabis ministero della salute umberto veronesi informatitalia.blogspot.it meritocrazia nucleare suicidi fini magdi allam video eurogendfor iraq m5s privacy CIA Putin clinica degli orrori staminali droga marra sovranità nazionale bancarotta boston bufala globalizzazione monsanto prodi INPS elezioni fondatori del sito iene politica troika 11 settembre diritti evasione matrimoni gay nigel farage roma acqua anatocismo fmi fukushima islam nikola tesla società usura alimentazione draghi fisco golpe moneta pedofilia rothschild stamina foundation Aspen Institute FBI Giappone Onu africa autismo francia imposimato lega nord nato nsa ricchi storia terremoto torture Auriti Marco Della Luna Unione Europea adam kadmon aids attentati bavaglio controinformazione costituzione federico aldrovandi fiscal compact giovanardi giuseppe uva petrolio propaganda servizi segreti sicilia slot machine sovranità individuale suicidio svendita Cina Fornero borghezio casaleggio corruzione crimea dittatura famiglie fed forconi giustizia sociale goldman sachs india influencer mario draghi mcdonald mes mossad pecoraro scanio proteste psichiatria rifiuti rockfeller sciopero spagna terra turchia ungheria violenza virus aldo moro arsenico barnard bonino carne chernobyl chico forti ebola edward snowden elites false flag frutta inciucio islanda laura boldrini magistratura marine le pen marò no muos no tav nuovo ordine mondiale orban precariato prelievi forzoso privilegi prostituzione ricerca salvini sanzioni taranto università vegan 9 dicembre Ilva Muos NASA Svizzera alan friedman alluvione contestazione corte europea diritti uomo degrado delocalizzazione dentisti diffamazione disabili donne educazione elettrosmog esercito europarlamento farmaci gesuiti gheddafi hiv ignazio marino illeciti bancari illuminati informazione latte legge elettorale microspia mmt ocse paola musu pensioni radioattività riserva aurea risveglio coscienze sardegna scie chimiche sigaretta elettronica sigonella sindacati spread stati uniti stefano cucchi telefono cellulare truffe online vegetariani veleni Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento amato anonymous anoressia antonio maria rinaldi argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio boldrini brevetto btp by calcio cambiamento camorra carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione controllo mentale corrado passara corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani david icke davide vannoni dell'utri denaro dentista denuncia disastro discriminazione diseguaglianza distrazione di massa dogana domenico scilipoti dossier duilio poggiolini ebook egitto eroina etica eurexit fallimento fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giuliano amato gold hollande ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie malta maratona mare nostrum mariano ferro mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra multe multinazionali musica natura obbligazioni oligarchi omofobia oppt overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi phishing pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia riformiamo le banche rigore saddam sangue satana schiavi scippatori scoperto secessione senzatetto sert sfratto sisa snowden spammer speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen troll trust tsipras turismo twitter universo uranio impoverito uruguay vati verdura vessazioni veterinario bravo roma veterinario gianicolense vietnam vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

giovedì 9 febbraio 2012
1- Risulta allora che tanto l’ONU, tanto il Consiglio di Sicurezza, tanto la Nato, tanto il trattato internazionale, tanto il Tribunale dell’Aia, siano alibi affinché i potenti saccheggino i deboli. Accade così che tanto la libertà di espressione, tanto il Nobel della Pace, quanto la cultura funzionino come pretesti per uccidere l’uomo in nome dell’umanesimo, chiamare aggressore chi si difende e bombardare i civili per salvarli. Succede che il capitalismo vive derubando i propri popoli con la frode finanziaria e quelli della periferia con il saccheggio armato. A parte ripetere mille volte ancora quello che tutto il mondo sa, che fare?

2- Se non puoi vincerli, unisciti a loro, recita il catechismo del sicario. Un repertorio di esempi sconsiglia questo connubio. Marcos Pérez Jiménez, che servì le politiche degli Stati Uniti, finì estradato da loro in un carcere in Venezuela. Manuel Noriega, che a quanto pare alcune volte collaborò con la DEA, ha preso il posto di un carcerato all’ergastolo che lo ha accusato. Alberto Fujimori, che annegò il Perù in un mare di sangue, languisce nella stessa cella dove prima gettò Abimael Guzmàn. I talebani, creati, equipaggiati, finanziati ed addestrati contro i sovietici dalla CIA, sono ora immolati nella loro Guerra Santa. Saddam Hussein, che portò l’Iraq ad una guerra contro l’Iran che conveniva soltanto agli statunitensi, finì giustiziato dal loro governo fantoccio. Così il diavolo paga chi lo serve.    

3 - Se non puoi unirti a loro, obbediscigli, detta il breviario del servile. Un’altra serie di esperienze sfortunate segna questo percorso. Rubare al popolo per dare allo straniero indigna il primo e rende ingrato il forestiero. Il re Idris di Libia vendette il suo paese e fu rovesciato da una sollevazione nazionalista. Lo Shah Reza Pahlavi dell’Iran lo regalò e fu deposto da un altro sollevamento nazionalista. I monarchici sauditi hanno dovuto cedere il loro territorio per basi militari straniere e regalare il loro petrolio a prezzi vicini a 8 dollari a barile. Carlos Andrés Pérez consegnò la sovranità al FMI e dopo una ribellione popolare su scala nazionale venne giudicato e deposto. Mubarak, pedina degli interessi degli Stati Uniti, cadde senza che questi muovessero un dito per salvarlo. Così paga il popolo chi serve il diavolo.
4 - Se non puoi obbedirgli, parteggia per loro suggeriscono le pubbliche relazioni. Mai sforzi furono più sprecati di quelli di simpatizzare con il tuo carnefice. Gli Stati Uniti, senza previa dichiarazione di guerra contro la Libia, le distrussero unità navali e sistemi di radar, bombardarono Tripoli e Bengazi assassinando circa un centinaio di persone, tra le quali una figlia di Gheddafi. Invece di condannare gli statunitensi, il Consiglio di Sicurezza condannò Gheddafi, e questo sotto pressione pagò un indennizzo di più di due milioni di dollari di danni per presunto coinvolgimento nell’abbattimento di un aereo da parte di libici, che consegnò anche ai tribunali internazionali. Diverse concessioni gli permisero di ristabilire nel 1999 relazioni diplomatiche con Londra, ottenere la revoca delle restrizioni commerciali imposte dall’Unione Europea e nel 2003 la rimozione delle sanzioni dell’ONU: Gheddafi disarmò inoltre cinque missili a lungo raggio e centinaia di media portata. Da allora lo visitarono calorosamente Tony Blair, Schröeder, Jacques Chirac e Berlusconi, a cui finanziò la campagna elettorale, e venne ricevuto trionfalmente dal presidente della Commissione Europea Romano Prodi, da Aznar e dal re Juan Carlos di Borbone, dal primo ministro Rodrìguez Zapatero e Sarkozy, a cui finanziò la candidatura: tutti quelli che successivamente si sono uniti a bombardarlo e confiscargli i conti all’estero.  
Ringraziò questi festeggiamenti con costosi acquisti di armamenti e aprendo il petrolio libico a legami strategici con l’inglese PB, la spagnola Repsol, l’italiana ENI e le statunitensi Conoco Phillips, Exxon Mobil e Chevron Texaco. Se tanta fatica per calmare i saccheggiatori non bastasse, istruì l’Autorità di Investimento Libica ad investire 70.000 milioni di dollari in Europa, e malgrado avesse un insignificante debito pubblico di 5.000 milioni di dollari, meno dello 0, 50% delle sue riserve internazionali, accettò un Pacchetto del FMI in virtù del quale ritirò i sussidi a sei beni di consumo fondamentali e privatizzò numerose imprese pubbliche, lasciando un numero di disoccupati che forse ingrossarono le manifestazioni contro di lui che sono servite da pretesto per la criminale invasione in corso. L’oligarchia con la quale intendi collaborare sarà quella che ti venderà. Il Fondo Monetario al quale lasci guidare la tua economia sarà quello che ti rovinerà. Il trattato che accetti come sopracostituzionale ti deporrà. L’organismo internazionale il cui intervento accetti sarà quello che ti spierà e invaderà. Il giudice straniero al quale affidi la sovranità di giurisdizione sarà quello che ti condannerà. L’arbitro forestiero al quale cedi la decisione sui tuoi contratti di interesse pubblico sarà quello che ti strozzerà. La multinazionale alla quale esoneri il pagamento delle imposte finanzierà con esso gli aerei che ti bombarderanno. La differenza etnica o regionale che fomenti sarà quella che ti dividerà. L’impresa mista alla quale affidi il controllo della tua industria petrolifera sarà quella che paralizzerà il tuo sistema informatico e ti saboterà. Chi consegna al nemico la chiave del suo bypass garantisce il proprio arresto cardiaco.     
5 - Se non puoi saccheggiare, chiudi gli occhi. Con astuzia commovente, Russia e Cina hanno omesso di porre il veto nel Consiglio di Sicurezza al piano degli Stati Uniti per saccheggiare il petrolio del mondo valendosi del sicario della NATO. La Lega Araba e l’Unione Africana, i club delle prossime vittime, sono state ambigue. Secondo quanto rivelato dalla “Strategia di Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti d’America”, formulata da George W. Bush a Washington il 17 novembre del 2002, e piani come il “New AmericanCentury”, gli statunitensi non sono disposti a cedere di un millimetro nella loro violenta confisca delle risorse del mondo e liquidare i restanti paesi negandogliele. La loro guerra col Giappone iniziò quando per annichilirlo come potenza gli imposero un blocco energetico. Illusorio è pensare che il leone rispetterà le costolette offerte a chi non gli si seppe opporre. Se si confisca l’energia la prima ad affogare sarà la Cina, la grande competitrice dell’egemonia statunitense. Dopo della Cina seguirà la Russia, buona parte delle cui riserve rimasero ai paesi separatisi dall’antica Unione Sovietica. Infine l’Unione Europea e il Giappone toccheranno il fondo del vassallaggio per gocce di energia fossile. Quattro guerre sono iniziate per l’esecuzione di questo piano: quella dell’Iraq, dell’Afghanistan, della Libia e del Bahrain. E’ iniziato il conflitto planetario per garantire il monopolio dell’energia fossile per meno del cinque per cento della popolazione globale. Il resto delle potenze dovrà opporsi o sparire. Chi lascerà fare, perirà senza poter far nulla. Posticipare il confronto lo aggraverà soltanto.
6 - Se non puoi unirti a loro, né obbedirgli, né appoggiarli né chiudere gli occhi, resisti. Il cinque per cento della popolazione del globo nella peggiore crisi economica della storia non può condannare a morte al restante 95% se non contando sulla disunione, il disorientamento o l’autoinganno di questa. Quali condizioni riuniscono i popoli che finora resistono con successo alle invasioni imperiali? In primo luogo hanno affermato e difeso la loro specificità culturale. In secondo luogo hanno evitato che le differenze etniche o culturali interne li dividessero. In terzo luogo, hanno assunto pienamente e senza mezzi termini un progetto alternativo a quello del capitalismo. In quarto luogo, sono riusciti a consolidare una base popolare intorno a questo progetto. In quinto luogo, hanno addestrato e armato queste basi per la sua difesa. In sesto luogo, non hanno mai ceduto sovranità né posizioni per compiacere alle multinazionali, ai mezzi di comunicazione o ad organismi internazionali. In settimo luogo, hanno consolidato alleanze bilaterali, regionali, continentali o mondiali con paesi o blocchi che presentano affinità ideologiche, economiche o di situazione periferica. La minaccia di ogni tipo di blocchi o bombardamenti del mondo nulla può contro un popolo ideologizzato, orgoglioso della sua cultura, permeato dal proprio progetto sociale, politico e armato. Hanno fallito contro il Vietnam, contro Cuba. Si sforzano ancora invano contro la resistenza in Iraq, Pakistan e Afghanistan. Si sceglie come obiettivo minimo la Libia e non il popolato Iran. Sono lezioni che possono utilizzare i prossimi della lista: tutti gli abitanti del pianeta. 





0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi