Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 22 febbraio 2012
Nopron, un nome che ai più è sconosciuto ma che tante mamme conoscono bene perché il famigerato medicinale salvanotte per i più piccoli è stato per diverso tempo il più noto rimedio chimico per rendere meno “vivaci” le notti insonni dei bambini e quindi per far passarne di più tranquille anche i genitori.
Eppure gli effetti negativi erano conosciuti e tra questi una sorta di effetto paradosso alla sospensione, misurato da un’eccitazione maggiore nei bambini o una sonnolenza diurna oltre a debolezza muscolare o tremore. Dopo che in Italia le prescrizioni sono aumentate del 280% negli ultimi cinque anniaccade che il Nopron viene ritirato dal commercio a partire dal 2 gennaio 2012 in conseguenza della sospensione delle autorizzazioni dei Laboratoires Genopharm – Francia e dell’officina di produzione Alkopharm Blois, nonché del suo ritiro dal commercio.
Il Nopron sciroppo era in commercio solamente in Italia e in Francia. Dei lotti di numerosi medicinali delle predette Aziende, disposti dall’Agenzia regolatoria francese con comunicazione sul proprio sito (www.afssaps.fr) del 20 dicembre u.s., l’Agenzia italiana del Farmaco ha comunicato che dal 21 dicembre non vengono più rilasciate autorizzazioni all’importazione per il medicinale Nopron Enfant 15 mg/5ml 150ml né per altri farmaci delle aziende coinvolte dal citato provvedimento. Ancora una volta, per Giovanni D’Agata componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” ci si accorge con estremo ritardo di quanto siano sottovalutati pericolosi effetti collaterali di non pochi farmaci ed in particolare degli psicofarmaci somministrati ai bambini, anche perché dietro a queste storie di lobbies ci sono i più piccoli e le loro famiglie. 
E sono tanti, tantissimi. Si pensi che secondo uno studio del “Mario Negri” pubblicato su una prestigiosa rivista scientifica sono oltre 50mila i bambini italiani che già oggi assumono psicofarmaci ma il numero è certamente sottostimato. Vi è da dire, inoltre, che tali ritardi sono la conseguenza di un sistema di farmacovigilanza basato sulle segnalazioni spontanee da parte dei medici ospedalieri e di famiglia che anche molti esperti ritengono molto debole per cui molto soventemente gli effetti indesiderati sono sottostimati.
L’eccessivamente numerose prescrizioni di psicofarmaci ai bambini sono conseguenza di diagnosi affrettate e non sempre corrette da parte di medici di medicina generale e da pediatri che non hanno le necessarie competenze per compiere un passo così importante come quello di somministrare uno psicofarmaco ad un bambino, ma anche a seguito di diagnosi formulate da medici competenti come neuropsichiatri infantili e psichiatri adolescenziali, che ritengono che alla base del disturbo dei bambini ci sia un fattore biologico curabile quindi solo con i farmaci. A tal proposito, viene quasi obbligatorio porsi una domanda: che non sia giunta l’ora d’inserire per legge sull’etichette e confezioni dei farmaci i riquadri neri come quelli adottati per le sigarette, per evidenziare gli effetti collaterali più pericolosi?
fonte: Comitato "Giù le mani dai bambini" onlus


3 commenti:

Anonimo ha detto...

Ma non diciamo ERESIE!!!!
Usati nelle dosi prescritte o anche meno e non per periodi eccessivamente prolungati non nuociono o quanto meno non a soggetti "in salute".
Questa è la solita polemica che una volta ogni tot viene fatta per poi lanciare un nuovo prodotto... peccato che ci si permetta di mettere alla gogna ingiustificatamente genitori, pediatri e produttori!!!
Come nel caso delle sigarette, perchè rendersi "SPACCIATORI" autorizzati e poi fare le campegno contro??? QUESTA è VILTA'!!!
ELISABETTA TAMBONE SU FB

Anonimo ha detto...

era ora...forse in italia qualcuno si sta svegliando dal letargo...

Anonimo ha detto...

Sono un Pediatra che ha usato il Nopron sempre dopo averne valutato accuratamente la necessità di una sua somministrazione. In circa 25 anni NON HO MAI NOTATO EFFETTI COLLATERALI. Penso di avere una casistica di almeno 200 bambini con disturbi del sonno curati con efficacia col Nopron. Prescrivevo dosi corrette, e ogni 15 - 20 giorni provavo a sospendere gradatamente il farmaco per valuare se il ciclo del sonno fosse ritornato. Non capisco perchè i disturbi del sonno nel bambino non debbano ricevere cure al pari delle malattie respiratorie o gastroenteriche. Ora è venuto a mancare un farmaco utile e per mia lunga esperienza assolutamente non dannoso, che poteva essere di aiuto alle famiglie e ai bambini: alle famiglie, perchè il non dormire per mesi a causa dell'insonnia del bimbo può distruggere la vita della coppia. Per i bambini, perchè la carenza di sonno porta (quella sì) disturbi del carattere e del comportamento e nervosismo diurno.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi