Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 19 febbraio 2012

Il 24% della popolazione, oltre la media Ue  In Europa, secondo uno studio di Eurostat, ci sono 115 milioni di persone a rischio 

Un europeo su quattro è a rischio povertà e otto su cento già vivono nella miseria. Gli italiani sono nella media (che è del 23,4), anzi sono leggermente sopra, con un 24,5. E di poveri veri, soprattutto al Sud, se ne contano già uno su 7, gente che non mangia adeguatamente, che non riesce a fare una settimana di vacanza, che non ha un tv-color, un telefono, una casa ben calda e non riesce a pagare le bollette. Eurostat, l´ufficio statistico della Ue, nel rischio povertà colloca l´Italia al terzo posto nell´Eurozona, dopo la Grecia (27,7%) e il Portogallo (25,3%). I dati sono del 2010 e fotografavano un Europa a 27 con 115 milioni di persone in bilico sulla scala della miseria, che arriva quando il reddito è inferiore al 60 per cento della media nazionale, assistenza sociale compresa, ma pensioni escluse, quando le privazioni sono materiali o quando c´è poco lavoro in famiglia. In Italia di persone che rischiano la discesa nel baratro nel 2010, secondo Eurostat ce n´erano 14,7 milioni, con una percentuale di giovani e bambini (i più a rischio ovunque), maggiore però rispetto alla media europea, quasi il 30 per cento.



LUCI E OMBRE
Se il rischio povertà in Europa è aumentato tra il 2009 e il 2010 (da 23,1% da 23,4% tra 2009 e 2010), quello italiano è comunque in leggera flessione percentuale con un meno 0,2%. C´è però un indicatore che è peggiorato in Italia: è salito il numero di cittadini (da o a 59 anni), che vivono in un nucleo familiare dove le persone attive lavorano ben il 20 per cento in meno di quanto in realtà potrebbero o vorrebbero. I dati di Eurostat ricalcano in realtà il quadro dipinto il 25 gennaio dalla Banca d´Italia: è povero il 14,4 per cento della popolazione (prendendo però come riferimento un reddito inferiore al 50% della media nazionale e non il 60% come fa Eurostat).
Rischio miseria a parte ben il 36 per cento degli europei si trova nei guai se si presenta una spesa improvvisa. Una percentuale che in Italia è rimasta stabile, ma che tra il 2010 e il 2012 è probabilmente cresciuta, perché il risparmio degli italiani è diminuito con la crisi.

paesi a rischio
A soffrire di più nell´Europa a 27 sono la Bulgaria dove il 42 per cento della popolazione è a rischio e la Romania (41%). E temono la miseria il 38% dei lettoni, il 33 dei lituani e il 30% degli ungheresi. Tranquilli invece nella Repubblica Ceca (14%), in Svezia e Olanda (15%), Austria, Finlandia e Lussemburgo (17%). Tra le grandi economie europee i poveri sono cresciuti invece in Gran Bretagna (+1,1%), mentre la disoccupazione ha segnato la Spagna, dove c´è un aumento del 2 per cento di popolazione a rischio povertà.
giovani e bambini
Bambini e ragazzi fino ai 17 anni sono gli europei che rischiano più di altri un futuro di miseria o esclusione sociale: il 26,9%, contro il 23,3% degli adulti in età lavorativa (18-64 anni) e il 19,8% di anziani, che alla fine sono quelli che secondo Eurostat devono temere meno di altri un futuro di privazioni.

fonte: Repubblica




0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi