Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 19 febbraio 2012

Rapita poco meno di 4 mesi fa insieme a due colleghi spagnoli, l'ultima volta che si sono avute notizie certe su di lei è stato il 12 Dicembre, quando alcuni mediatori algerini hanno diffuso un video; per il resto, sul suo rapimento si è celato il totale silenzio, mass media e istituzioni sembravano averla dimenticata, fino a ierisera, quando Geppi Cucciari ha lanciato un appello dal festival di Sanremo, peccato fosse l'una passata. Staff nocensura.com

Di seguito l'articolo di Walter Mastrocinque

Rossella Urru, ragazza nata in Sardegna e precisamente a Samogheo, provincia di Oristano, è una cooperante italiana che è stata rapita in Algeria il 22 ottobre 2011 da un gruppo terroristico. 

Non tutti forse ricorderanno questo caso anche perchè dopo 4 mesi, lo stesso sembra essere precipitato in un dimenticatoio generale. Nessuno ormai ne parla più, ragion per cui l'obiettivo di questo breve articolo è quello di farne comprendere l'importanza e di portare all'attenzione dei cittadini italiani questa triste situazione. Rossella Urru lavora per la Ong, “Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli“ presso un campo profughi Saharawi per garantire loro viveri, acqua e le cure necessarie.



Notizia certa è che la ragazza sarda rapita in Algeria è stata prelevata dal campo profughi di Hassi Rabuni, capitale amministrativa dei campi profughi per rifugiati saharawi, nei pressi di Tindouf, nella notte tra sabato 22 e domenica 23 con due cooperanti spagnoli,  Ainhoa Fernandez de Rincon  ed Enric Gonyalons. La prova che Rossella sia ancora viva avviene il 12 dicembre 2011, giorno in cui viene mostrato un video a un giornalista dell' Afp da parte di un mediatore che si sta adoperando per la liberazione degli ostaggi. Nel filmato, durata meno di due minuti, sono inquadrati i volti di un uomo e due donne, preceduti dal nome dell'organizzazione terroristica, dissidente di Al Qaeda, che ha rivendicato il sequestro: Jamat Tawhid Wal Jihad Fi Garbi Afriqqiya ("Movimento Monoteista per la Jihad in Africa Occidentale").

Dalle immagini Rossella Urru è vestita con una tunica di colore blu portano un velo giallo. Dietro i tre ostaggi si vedono uomini armati, in prevalenza di pelle nera, col viso parzialmente coperto da un turbante. Dal 12 Dicembre il caso di Rossella non suscita più l'attenzione dei media nazionali, telegiornali e carta stampata. Sono sicuro che dopo aver letto questo articolo in molti di voi tramite i propri social network vi attiverete affinchè questo caso non sia anonimo e soprattutto per attirare l'attenzione del Governo per spingerlo a fare ciò che deve fare per liberare Rossella. 



Video del 12/12/2011, 50 giorni dopo il rapimento

Flash Required

Flash is required to view this media. Download Here.




0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi