Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 8 febbraio 2012
Mario Monti, meglio conosciuto come Mr Goldman Sachs cameriere dell’alta finanza anglosassone, prosegue nell’incarico affidatogli dai suoi padroni: la distruzione completa di ogni sicurezza sociale e lavorativa in Italia.

Intervistato dalle solite testate embedded come il Tg5 e nella trasmissione Matrix, Mr Monti si è profuso in una serie di teoremi sul posto fisso di lavoro, già cari da qualche tempo a Confindustria e alla sua “pasionaria” Marcegaglia, inneggiando alla mobilità in uscita, che tradotto in parole povere significa licenziamenti più facili e totale deregolamentazione delle attuali normative contenute nell’Art 18 della Legge 300 del 1970.

A Monti non par vero di poter parlare a tutto campo senza mai essere contestato dai sedicenti partiti politici che occupano le poltrone di un Parlamento oramai ridotto a dependance della BCE, nel quale si agitano privilegiati e parvenu d’ogni risma, e così straparla con frasi a effetto: “Sulla  terribile noia che è rimanere tutta la vita ancorati al medesimo posto di lavoro”, oppure “di come  è bello cambiare e accettare delle sfide…”, e del “terribile apartheid nel mercato del lavoro tra chi è già dentro e chi giovane fa fatica a entrare” e via con altre amenità del genere.


La disgustosa salsa Monti è una sola: Giovani e meno giovani scordatevi il posto fisso, io vi porterò tanta precarietà, tanta insicurezza, tanta miseria e vi ridurrò a semplice merce di scambio come una qualsiasi materia prima, pacchi pronti da usare e poi gettare all’occorrenza, secondo i bisogni del padrone e del grande capitale internazionale.

L’obiettivo si era capito da tempo e non solo con questo ultimo governo tecnico impostoci; già i precedenti esecutivi si erano prodigati anno dopo anno a distruggere le sicurezze sul lavoro, a depotenziare gli organi ispettivi, a tagliare la spesa nel campo sociale, a precarizzare le assunzioni con le varie Leggi Treu e Biagi, a bloccare i salari, a stravolgere la valenza dei Contratti Collettivi Nazionali a favore di trattative di secondo livello dove con la complicità dei maggiori sindacati si possono ora introdurre anche norme peggiorative rispetto ai CCNL ecc.

La finezza, se finezza la possiamo chiamare di Mr Monti, sta nel voler creare un conflitto generazionale tra i giovani che devono entrare nel lavoro e chi già vi è da tempo dentro, ingenerando tra i primi il sospetto che siano i secondi già tutelati dalle leggi ancora vigenti e determinati a mantenere le posizioni giustamente acquisite, a  impedire quel cambiamento… che favorirebbe un maggiore flessibilità e quindi, sempre secondo i teoremi di Mr Goldman Sachs, facilità di assunzioni.

Sottile manovra da guerra psicologica tesa a mettere gli uni contro gli altri, come se i padri fossero responsabili della disoccupazione dei propri figli.

E di quali sfide i giovani dovrebbero farsi carico, parla poi spocchiosamente il capo del governo? Forse quelle di chiedere al ribasso un posto di lavoro mal pagato, insicuro, flessibile negli orari? Sono queste le illuminanti battaglie che i giovani italiani dovrebbero accettare per il futuro? Poi perché mai ci si dovrebbe abituare all’idea di non avere un posto di lavoro fisso, quindi sicuro e pertanto un valore stabile per la vita propria e famigliare? Ci dovrebbero dimostrate Monti, la Fornero e mettiamoci pure Napolitano, e tutta la razza padrona filo bancaria che siede indegnamente al governo, che con tanta sicumere si atteggia a salvatrice della Patria, dove questi cambiamenti hanno portato un maggior benessere civile ed economico, se per benessere probabilmente s’intende la ricchezza e i profitti per pochi e la miseria per tanti.

Gli “sciacalli” portino dati alla mano le prove che il liberismo selvaggio da loro invocato nel mondo del lavoro ha avuto benefiche ricadute sulle persone, sugli Stati, sulle famiglie, sulla sicurezza sociale, sulla minor criminalità, sulla salute ecc. Ci dicano dove tutti questi miracoli sono avvenuti e dove il tanto osannato “mercato” ha risolto i problemi dell’uomo proiettandolo in un’epoca di civiltà. Siamo ancora in attesa…

Oppure dietro tutto ciò si nasconde solo il degrado della figura del lavoratore, della sua dignità di uomo, messo in subordine del profitto ad ogni costo, ridotto a semplice ingranaggio di una macchina economica che invece di soddisfare i reali bisogni, deve inventarne di nuovi per poter produrre e consumare in un gioco perverso apparentemente senza fine, perché nulla può crescere all’infinito. Ma per fare ciò questo meccanismo ha la necessità di tanti schiavi, docili, sottomessi, che accentano di vivere consumando e consumano per vivere, l’“Homo economicus”per dirla alla Julius Evola.

Sul fronte che dovrebbe essere contrapposto, già da tempo sventola bandiera bianca. La risposta che fino ad oggi è arrivata dalle Confederazioni sindacali è stata flebile, balbettante, timorosa, quasi a non voler disturbare il “manovratore” e del resto sono proprio i maggiori sindacati italiani, complici con il nemico, i corresponsabili di questa situazione avendo accettato e sottoscritto negli ultimi anni contratti di lavoro sempre peggiorativi dei precedenti e aderendo a tutte le richieste dei governi liberal che si sono succeduti, sia di centro destra sia di centro sinistra. Gli unici a scendere in piazza e gridare la rabbia di tanti italiani sono stati i Sindacati di Base, debitamente oscurati dai mezzi d’informazione nazionali.

Già “l’uomo di Londra” vorrebbe far ripartire la crescita economica italiana e chiede a gran voce sessanta giorni di tempo per dare “una svolta” al Paese (così lo chiama chi non ha il senso della Nazione), perché lo spread lo impone e lo chiedono i suoi burattinai della City e di Wall Street che hanno fretta di chiudere la partita Italia, dopo aver commissariato la Grecia, per poi passare alla Spagna e così farci pagare a noi i conti della crisi statunitense.

La “banda” che sta portando l’Italia verso il baratro sociale ci chiede di accettare le solite ricette che il FMI e la Banca Mondiale propinano da anni al Terzo Mondo; il Secondo Mondo, leggasi America Latina, si è svegliato da tempo e non accetta più ricatti e imposizioni esterne.

Loro la chiamano “crescita”, in nome della quale sono pronti anche a svendere il patrimonio pubblico nazionale, privatizzare i servizi essenziali, cedere quel poco che ci resto di sovranità economica. Noi la chiamiamo “inciviltà del Lavoro” da contrapporre a quella “Civiltà del Lavoro” che aveva contraddistinto proprio l’Italia a partire dagli anni ‘30, e poi proseguita per un trentennio nel secondo dopoguerra, dove la certezza del posto di lavoro era sinonimo di miglior qualità della vita, di famiglia, di figli, di casa, di tutto ciò che da stabilità a una comunità nazionale e la rende partecipe alla vita e al funzionamento dello Stato, quello stesso Stato che allora controllava i settori strategici dell’economia e che oggi si vorrebbe espellere del tutto per far posto agli speculatori internazionali, ben rappresentati da questo “governo ombra”.


fonte



1 commenti:

Anonimo ha detto...

Come Islanda solo partito del Meglio il debito di stato non si paga,democrazia diretta di idea prodotto. Via sti fanfaroni cialtroni da cervello fuso.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi